BUONASERA, SIGNORE E SIGNORILE – IL SOCIALISTA CLAUDIO SIGNORILE NON MOLLA E FONDA UN NUOVO PARTITO: SI CHIAMA “MEZZOGIORNO FEDERATO” – IERI LA PRESENTAZIONE CON I MINISTRI ORLANDO E GELMINI E IL COMPAGNO DI TANTE BATTAGLIE CLAUDIO MARTELLI – E NONOSTANTE LA VENERANDA ETÀ, L’EX MINISTRO DEI GOVERNI DI BETTINO CRAXI NON PONE LIMITI ALLA PROVVIDENZA: “VOGLIO PORTARE IL PARTITO ALLE ELEZIONI NEL 2023. MA SIA BEN CHIARO, NON MI VOGLIO CANDIDARE…”

-

Condividi questo articolo


Alessandra Arachi per il “Corriere della Sera”

 

claudio signorile bettino craxi claudio signorile bettino craxi

«Alla mia età mi ero fatto da parte, leggevo e scrivevo, ma non mi sono mai disinteressato alla politica. Adesso è il momento di tornare». E a 85 anni ritorna con un progetto ambizioso il socialista Claudio Signorile: «Mezzogiorno Federato» è il nome del nuovo soggetto politico che ha presentato ieri.

 

Ha un logo dove l'Italia è disegnata sottosopra e la Sicilia svetta insieme alla punta dello Stivale. «Non è un progetto improvvisato so di cosa parlo, sono stato ministro del Mezzogiorno». Fu anche ministro dei Trasporti, Signorile, nei governi di Bettino Craxi, da qui il soprannome di Sinistra ferroviaria per la corrente lombardiana di cui era leader. Erano gli anni in cui il Partito socialista aveva in mano la guida del Paese, e lui era riuscito a diventare il numero due di quel partito.

 

claudio signorile mezzogiorno federato claudio signorile mezzogiorno federato

La politica gli è rimasta nel sangue. Dice e sogna: «Vogliamo federare i poteri delle Regioni, non le istituzioni. Oggi il Mezzogiorno si identifica nella sua frammentazione con sette Regioni litigiose, deboli e divise. Ma la realtà è che queste Regioni hanno risorse e poteri per poter essere un soggetto attivo, motore economico del Paese. Per poter diventare un interlocutore forte».

 

claudio signorile mezzogiorno federato claudio signorile mezzogiorno federato

Era nutrito ieri il parterre alla presentazione di «Mezzogiorno Federato», con il ministro del Lavoro Andrea Orlando (Pd), la ministra degli Affari regionali Mariastella Gelmini (FI), la viceministra delle infrastrutture Teresa Bellanova (Italia viva). E in prima fila un vecchio compagno di battaglie, Claudio Martelli. Signorile non si pone limiti: ha intenzione di portare il suo soggetto politico alle prossime elezioni nel 2023. «Ma sia ben chiaro - precisa -, non mi voglio candidare io. A 85 anni non penso sia il caso di farlo. Ma a 85 anni si può fare politica attiva. È in atto un processo di ricambio della classe dirigente del Paese e noi vogliamo esserci».

 

Condividi questo articolo

politica

“CALENDA MI SEMBRA UN BIPOLARE CON DISTURBO DI PERSONALITÀ. È ‘BULLO DA SOLO’” - DAGO FA LA MESSA IN PIEGA AI POLITICI: “LETTA HA TANTI DIFETTI: NON HA CAPITO CHE BISOGNA PARLARE PER SLOGAN - RENZI HA IL CARATTERE DI UN PROVINCIALE FRUSTRATO, CHE VORREBBE FARSI ACCETTARE, NON CI RIESCE E FA LO SPACCONE - CONTE? NON SI È RESO CONTO CHE GRILLO GLI STA RESETTANDO IL M5S E ASPETTA CHE PASSI IL SUO CADAVERE - SALVINI E BERLUSCONI? NESSUNO DETESTA GIORGIA MELONI COME LORO. QUESTI NON HANNO CAPITO CHE L’ITALIA È UN PAESE A SOVRANITÀ LIMITATA. TUTTO SI DECIDE A BRUXELLES O A WASHINGTON. SE LAGARDE SMETTE DI COMPRARE BOT ITALIANI, FINIAMO CON IL SEDERE PER TERRA - LE ELEZIONI ITALIANE SARANNO OSSERVATE DALL’INTELLIGENCE DI TUTTO IL MONDO"

AGENTI DELL'FBI HANNO FATTO VISITA NELLA RESIDENZA DI TRUMP IN FLORIDA GIA’ LO SCORSO APRILE. SECONDO LA “CNN” IN QUELL'OCCASIONE INCONTRARONO DUE AVVOCATI DEL TYCOON –L’ARCINEMICA NANCY PELOSI GONGOLA VELENOSA: “NESSUNO È AL DI SOPRA DELLA LEGGE, NEANCHE UN EX PRESIDENTE” – IL FIGLIO ERIC: “SONO STATO IO AD AVVERTIRE MIO PADRE SUL RAID. ERANO UNA TRENTINA, FORSE DI PIÙ. NON VOGLIONO CHE MIO PADRE VINCA ANCORA NEL 2024” – A QUESTO PUNTO THE DONALD RISCHIA DI NON POTERSI RICANDIDARE PERCHE’…

DI BATTISTA SCOPRE LE CARTE: “NON MI CANDIDO PERCHÉ TANTI NON MI VOGLIONO, DA GRILLO A FICO - CONTE E' STATO IL PIU' CORRETTO E ONESTO CON ME - POLITICAMENTE OGGI NON MI FIDO DI BEPPE GRILLO CHE FA DA PADRE PADRONE E IO SOTTO DI LUI NON CI STO - MI HANNO IMPEDITO DI FARE IL CAPO POLITICO DEL M5S EVITANDO DI VOTARE, QUANDO NON HANNO NEPPURE VOLUTO PUBBLICARE I VOTI DEGLI STATI GENERALI PERCHÉ IO AVEVO PRESO IL TRIPLO DEI VOTI DI DI MAIO - C'E' CHI SI INFILA IN SEDE PD PER ELEMOSINARE UN SEGGIO, NON SONO COME LORO - CREERÒ UN’ASSOCIAZIONE PER FARE POLITICA DA FUORI…” - IL VIDEO SFOGO DI DI BATTISTA

E’ STATA LA MANO DI GRILLO - LEGGENDO L’INTERVISTA DI CASALINO AL “CORRIERE” SI IMMAGINA CHE LA SUA MANCATA CANDIDATURA SIA FRUTTO DI UN GESTO DI RESPONSABILITÀ: “HO CAPITO CHE LA MIA PRESENZA IN LISTA AVREBBE SCATENATO POLEMICHE E L'ULTIMA COSA CHE VOGLIO È ARRECARE UN DANNO AL MOVIMENTO O A CONTE” - IN REALTÀ LO STOP A CASALINO, CHE DA ANNI SOGNA DI POGGIARE LE SUE NATICHE SULLO SCRANNO DI SENATORE, È ARRIVATO DA BEPPE GRILLO, CHE SI E’ VENDICATO CON CONTE PER IL TRATTAMENTO RISERVATO ALLA SUA COCCA VIRGINIA RAGGI - IL VIDEO CON IL "CHE GUEVARA DI ROMA NORD" SPIEGA LA MANCATA CANDIDATURA