CALVA E SANGUE FREDDO - PAOLA PESSINA SI DIMETTE DA VICEPRESIDENTE DELLA FONDAZIONE CARIPLO DOPO IL POST CONTRO LA MELONI, IN CUI SCRIVEVA ''STAI DIVENTANDO CALVA, L'ECCESSO DI TESTOSTERONE OLTRE CHE CATTIVI FA DIVENTARE BRUTTI''. SI ERA POI SCUSATA, MA AL PRESIDENTE NON E' BASTATO - MORALE: SE UNO VUOLE PARCHEGGIARSI SULLE COMODE POLTRONE DELLA SOTTO-POLITICA, DEVE SAPERE COME CI SI COMPORTA IN SOCIETÀ

-

Condividi questo articolo

 

Da www.ilmessaggero.it

 

PAOLA PESSINA PAOLA PESSINA

Offende Giorgia Meloni sui social, «stai diventando calva, l'eccesso di testosterone oltre che cattivi fa diventare brutti». Paola Pessina, ex sindaca di Rho, si è dimessa da vicepresidente della Fondazione Cariplo. Le scuse alla leader di Fratelli d'Italia non sono bastate. Ieri  il presidente di Fondazione Cariplo, Giovanni Fosti, e Paola Pessina, ex sindaco di Rho, hanno avuto un colloquio sul post pubblicato nei giorni scorsi sul profilo Facebook.

 

«Hanno convenuto che le affermazioni e il linguaggio utilizzati in quella occasione - si legge nella nota della Fondazione - non rispecchino in alcun modo i valori che la Fondazione incarna e l'atteggiamento che ogni giorno pone nel proprio operato, risultando inappropriati soprattutto per chi riveste un ruolo istituzionale».

 

GIOVANNI FOSTI CLAUDIA SORLINI PAOLA PESSINA GIUSEPPE GUZZETTI GIOVANNI FOSTI CLAUDIA SORLINI PAOLA PESSINA GIUSEPPE GUZZETTI

 

La nota ricorda che «la dottoressa Pessina aveva già posto le proprie scuse pubbliche all'onorevole Meloni», ma, «per coerenza e rispetto della Fondazione, ha ritenuto di presentare le proprie dimissioni». «Il presidente Fosti - conclude la Fondazione - ha accolto la decisione con profondo rammarico per tutti gli attori coinvolti, riconoscendo a Paola Pessina, in questa circostanza, la coerenza di chi sa ammettere i propri errori, e la competenza, la passione e la disponibilità per tutto ciò che ha fatto fino ad oggi, con un importante apporto in numerose iniziative promosse dalla Fondazione».

 

Il post

Sulla sua pagina Facebook, Pessina, ex sindaco di Rho, aveva insultato la Meloni. La leader di Fdi aveva così replicato: «Non mi interessano gli insulti sul piano fisico, anche perché quando mi attaccano su quel lato significa che non hanno nulla da dire su quello politico, tuttavia leggere frasi del genere da figure che dovrebbero essere d'esempio e che magari dicono di essere in prima linea contro fenomeni come il sessismo o il body shaming, lascia un pò delusi e perplessi».

giorgia meloni giorgia meloni

 

Pessina ha poi ammesso di aver scritto «un post di cattivo gusto su Giorgia Meloni. Come molti, sono rimasta sbalordita dall'intervento in Parlamento che le stravolgeva i lineamenti. Intendevo dire che se le donne fanno la differenza in politica, non è con atteggiamenti così aggressivi che la dimostrano. Ma mi sono espressa molto male, evidentemente». Poco dopo, le scuse: «Chiedo di nuovo scusa all'onorevole Giorgia Meloni per il post pubblicato nei giorni scorsi, di cui assumo personalmente ed esclusivamente la responsabilità», fino alle dimissioni da fondazione Cariplo.

giorgia meloni shining giorgia meloni shining giorgia meloni giorgia meloni

 

Condividi questo articolo

politica

DE MICHELI, IL FALLIMENTO È IL MIO MESTIERE - NELLE MARCHE PROMETTE SOLDI E RACCOGLIE FISCHI: I TERREMOTATI NON LE PERDONANO NULLA - A ROMA, TRA I NOMI DI UN POSSIBILE RIMPASTO, OLTRE AI GRILLINI INETTI E CIUCCI, BRILLA LA MINISTRA DELLE INFRASTRUTTURE – LA POVERINA È ACCUSATA DI ESSERE SUCCUBE DEL SUO CAPO DI GABINETTO ALBERTO STANCANELLI E DEL SUO “ADVISOR”, L’IMMARCESCIBILE MAURO MORETTI. QUESTI TRE CERVELLONI, AD ESEMPIO, NON SONO RIUSCITI A CHIUDERE LA PARTITA DI AUTOSTRADE