CAMPO MINATO PER LA MAGGIORANZA – LA PROTESTA DEI TRATTORI È L’ENNESIMA OCCASIONE PER UNO SCAZZO TRA SALVINI E MELONI. TOMMASO FOTI, CAPOGRUPPO FDI ALLA CAMERA, SI SCAGLIA CONTRO LA LEGA, CHE CHIEDE “UN PASSO IN PIÙ” PER GLI AGRICOLTORI: “LA LEGGE DI BILANCIO L’HANNO VOTATA TUTTI. BISOGNEREBBE CHIEDERE AL MINISTRO GIORGETTI. LA REALTÀ È CHE C’È POCO SPAZIO PER AGIRE. IL VERO PROBLEMA NON È L’ESENZIONE IRPEF MA LE POLITICHE UE”

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Alessandro Di Matteo per “la Stampa”

 

TOMMASO FOTI TOMMASO FOTI

Bisognerebbe chiedere a Giancarlo Giorgetti se è possibile quel «passo in più» che chiede la Lega. Tommaso Foti, capogruppo FdI alla Camera, ci tiene a ricordare che «la legge di bilancio l'hanno votata tutti i partiti della maggioranza» e ritiene sbagliato leggere le proteste degli agricoltori come una conseguenza delle scelte del governo, perché il problema sono «le "eco-follie" di Bruxelles» e non è un caso, sottolinea, che le proteste siano iniziate prima all'estero La Lega rilancia, Salvini chiede di fare un «passo in più» per gli agricoltori. È possibile?

 

MATTEO SALVINI SUL TRATTORE MATTEO SALVINI SUL TRATTORE

«Bisognerebbe chiederlo al ministro Giorgetti! Qui il problema è semplicemente aiutare chi ha più bisogno. E sicuramente chi ha un reddito fino a 10 mila euro merita di avere un'esenzione, che nessuno peraltro aveva caldeggiato quando è stata approvata la legge di bilancio…».

 

Vuol dire che non si era lamentato nemmeno Salvini dell'eliminazione delle esenzioni Irpef per gli agricoltori? Però vale anche per voi, perché avete approvato quelle norme 40 giorni fa per poi cambiarle ora?

«La legge di bilancio l'hanno votata tutti i partiti della maggioranza. La realtà è che nella manovra c'è poco spazio per agire, anche per i tempi con cui viene esaminata. […] il punto è che chiunque vada a parlare con gli agricoltori sa che non è l'esenzione il primo dei loro problemi. Certo, è un aiuto. Ma è strano che non si comprenda che la protesta è nei confronti delle norme Ue».

 

giorgia meloni matteo salvini atreju giorgia meloni matteo salvini atreju

Quindi niente estensione dell'esenzione Irpef?

«Se si trova una copertura lo si faccia pure, ma non è quello che risolve i problemi, che sono altri. Il problema è ridare redditività all'impresa agricola, colmare lo squilibrio tra costo di produzione e vendita a consumatore finale».

 

Insomma, sbaglia la Lega a prendersela col governo, il problema è a Bruxelles?

«Lo dimostra il fatto che le prime sollevazioni si sono avute in Francia, Germania, Belgio, Olanda e solo dopo anche in Italia. Pensare che tutto questo abbia a che fare con un provvedimento come l'esenzione dell'Irpef agricola mi sembra un "fuor d'opera".

 

PROTESTA DEGLI AGRICOLTORI PROTESTA DEGLI AGRICOLTORI

In realtà la protesta degli agricoltori è chiara: la verità è che in Europa un fronte ambientalista e "anti-impresa" ha continuato a vedere nell'agricoltura un nemico più che un alleato. Non spostiamo il tema dell'agricoltura, che è causato dalle "eco-follie" di Bruxelles, facendolo diventare un problema nazionale».

 

Meloni infatti dice che il governo difende i coltivatori dall'Ue. Non è un modo per scaricare le responsabilità?

GIANCARLO GIORGETTI - QUESTION TIME SENATO GIANCARLO GIORGETTI - QUESTION TIME SENATO

«Chiunque abbia parlato con qualche agricoltore sa che le politiche Ue sono un problema.  […]. Inutile far finta di non rendersi conto che la narrazione del commissario Timmermans oggi trova la rivolta da parte di tutti coloro che praticano l'agricoltura. La Pac (la politica agricola comunitaria, ndr) aveva la finalità di aiutare agricoltori sui costi di produzione per fare arrivare ai consumatori prodotti a prezzo accettabile. Oggi è il contrario, gli agricoltori vendono a poco e i consumatori comprano a prezzi alti. È una maionese impazzita su cui è meglio fare una riflessione globale».

TOMMASO FOTI ALLA CAMERA TOMMASO FOTI ALLA CAMERA francesco lollobrigida e i trattori – vignetta by riccardo mannelli francesco lollobrigida e i trattori – vignetta by riccardo mannelli MATTEO SALVINI CON TRATTORE MATTEO SALVINI CON TRATTORE PROTESTA DEGLI AGRICOLTORI PROTESTA DEGLI AGRICOLTORI MATTEO SALVINI CON TRATTORE MATTEO SALVINI CON TRATTORE PROTESTA DEGLI AGRICOLTORI PROTESTA DEGLI AGRICOLTORI

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGONEWS – COME MAI IL NUOVO ROMANZO DI CHIARA VALERIO, “CHI DICE E CHI TACE”, È STATO PUBBLICATO DA SELLERIO E NON, COME I PRECEDENTI, DA EINAUDI? SCREZI? LITI? MACCHÉ: È TUTTA UNA STRATEGIA PER VINCERE IL CAMPIELLO, PREMIO LAGUNARE PRESIEDUTO DA WALTER VELTRONI – LA VALERIO, SCRITTRICE CON LA PASSIONE PER LE SUPERCAZZOLE (E L’AGLIO, OLIO E PEPERONCINO), È UNA DELLE FIRME PIÙ AMATE DA ELLY SCHLEIN: SE VINCESSE IL CAMPIELLO, SAREBBE UNA FESTA GRANDE PER UOLTER E PER LA SEGRETARIA MULTIGENDER…

SCOOP! GAME OVER FRA CHIARA FERRAGNI E FEDEZ. IL RAPPER, DOMENICA SCORSA, SE NE È ANDATO DI CASA E NON È PIÙ TORNATO. DAL SANREMO DELL’ANNO SCORSO, LA STORIA D’AMORE TRA I DUE S’ERA INCRINATA MA L’INFLUENCER AVEVA RIMANDATO QUALSIASI DECISIONE PER STARE VICINA AL MARITO MALATO. NEL MOMENTO IN CUI LEI SI È TROVATA IN DIFFICOLTÀ, INVECE, FEDEZ SI È MOSTRATO MENO GENEROSO, RINFACCIANDOLE CHE I SUOI PROBLEMI GIUDIZIARI AVESSERO EFFETTI NEGATIVI ANCHE SUI SUOI AFFARI - COSI' FINISCE L'EPOPEA DEI "FERRAGNEZ"

DAGOREPORT! - FORZA ITALIA, SI CAMBIA MUSICA: LETIZIA MORATTI RITORNA PREPOTENTEMENTE IN FORZA ITALIA MA NON NEL RUOLO DI COMPARSA: PER IMPRIMERE UNA SVOLTA MODERATA AL PARTITO DEL FU CAVALIERE, PIER SILVIO E MARINA HANNO SCELTO UN POLITICO DISTANTE 'ANNI DUCE' DALLA DESTRA DEI FEZ-ZOLARI, UNA CHE NON MANCA MAI DI RICORDARE IL PADRE PARTIGIANO, TANT'È CHE ALLE REGIONALI IN LOMBARDIA SCESE IN CAMPO, E FU SCONFITTA, DA MELONI-SALVINI - L'ADDIO ALL'ERA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI E' GIÀ INIZIATO A MEDIASET CON LO SBARCO DELLA BERLINGUER. SI È AVUTA ULTERIORE PROVA DEL CAMBIO DI STRATEGIA DI PIER SILVIO CON LA MIELOSA PROFFERTA DI ASSUNZIONE RIVOLTA PUBBLICAMENTE A FABIO FAZIO, SBARCATO NON A CASO SU CANALE5 COME CONDUTTORE DELLO SPECIALE IN MEMORIA DI MAURIZIO COSTANZO - IL NUOVO BISCIONE SECONDO IL BERLUSCONINO: MENO TRALLALA' PER CASALINGHE E PIU' PROGRAMMI INTELLETTUALMENTE VIVACI. I TALK DI RETE4? CALMA. FINCHE' C'E' CONFALONIERI... - VIDEO