IN CAUSA CON IL PRESIDENTE – ALFIO CARUSO È STATO QUERELATO DA MATTARELLA PER UN LIBRO IN CUI PARLA DELLA SUA FAMIGLIA – SCRISSE CHE IL PADRE BERBARDO “STRINGEVA MANI LORDE DI SANGUE”

Il libro “Da cosa nasce cosa” (Longanesi) è uscito nel 2000, ma la querela è scattata solo nel 2009, con una richiesta di risarcimento danni da 250 mila euro. L’episodio controverso dello sbarco in Italia del mafioso Joe Bonanno…

Condividi questo articolo


di Sandra Rizza per “Il Fatto Quotidiano

 

de mita e mattarella de mita e mattarella

   Il vecchio patriarca della Dc Bernardo Mattarella? “Viveva per il potere, mescolava spregiudicatezza ai buoni sentimenti, stringeva mani lorde di sangue”. Suo figlio Piersanti, ucciso dalla mafia il 6 gennaio dell’80? “Non avrebbe potuto prescindere dal proprio cognome e dal passato della propria famiglia”. Per aver raccontato la saga dei Mattarella, i Kennedy di Sicilia, in un capitolo del suo libro Da cosa nasce cosa (Longanesi, 2000), il giornalista e scrittore catanese Alfio Caruso è stato citato in giudizio con una richiesta di risarcimento di 250mila euro. A trascinare Caruso davanti al Tribunale civile di Palermo è proprio il figlio di Bernardo, Sergio Mattarella, da ieri nuovo capo dello Stato, e i nipoti Bernardo e Maria, che lo accusano di aver “infangato la figura di Mattarella padre” e di aver ricostruito “in maniera grossolana” i rapporti politici di Piersanti.

 

Caruso, ma cosa ha scritto per far infuriare i Mattarella?

 

Sono il primo ad avere il privilegio di essere chiamato in giudizio per aver riportato vicende che tutti prima di me avevano già scritto. È come se per trent’anni i Mattarella si fossero rifiutati di leggere qualsiasi libro o giornale e si fossero svegliati all’improvviso.

Mattarella e Renzi Mattarella e Renzi

 

Come si sente a essere citato in giudizio dal capo dello Stato?

 

Spero che, senza dover andare a Berlino, ci siano dei giudici anche in Italia. Stabiliranno loro se ho diffamato l’ex ministro Bernardo e suo figlio Piersanti o se invece sono stati Sergio Mattarella e i suoi nipoti ad avventurarsi in una lite temeraria.

 

 Da cosa nasce cosa è del 2000. Perché i Mattarella hanno aspettato il 2009 per depositare l’atto di citazione?

 

Sostengono di aver letto il libro solo nel 2009. All’epoca ci fu un grande battage pubblicitario. Ma a quanto pare nessuno di loro ha saputo nulla. Lei ci crede? Nessuno può mettere in dubbio le parole del presidente della Repubblica.

 

Partiamo dalla vicenda di Joe Bonanno: il capo della mafia italo-americana scrisse nella sua autobiografia che nel ’57, quando sbarcò a Ciampino, fu accolto personalmente dal ministro Bernardo Mattarella. La famiglia sostiene che è una menzogna.

 

MATTARELLA CON LA MOGLIE MARISA, SCOMPARSA NEL 2012 MATTARELLA CON LA MOGLIE MARISA, SCOMPARSA NEL 2012

I Mattarella si svegliano di colpo solo alla morte di Joe Bonanno, scomparso nel 2002: prima, la famiglia non ha mai avuto nulla da obiettare. Eppure, Enzo Biagi per due volte, il 13 marzo del ’92 e il 15 agosto del ’98, sul Corriere della Sera, racconta l’accoglienza di Mattarella a Ciampino. Lo scrive anche Attilio Bolzoni sulla prima pagina di Repubblica il 25 ottobre del 2000. Eppure mai, finché Bonanno fu in vita, la famiglia pensò di querelarlo né di chiedere una smentita.

 

Cosa vuole insinuare? Che, morto Bonanno, i Mattarella hanno riscritto la storia?

 

Loro sostengono che il 13 settembre del ’57 il vecchio Bernardo era a Palermo, ma la data dell’arrivo a Ciampino di Bonanno è controversa: il 15, il 16 o il 28 settembre. E anche se il boss fosse arrivato a Roma il 13, nulla impediva al vecchio patriarca dc di essere la mattina a Roma e il pomeriggio a Palermo.

 

 È vero che l’atto di citazione dei Mattarella è partito contestualmente a una querela presentata dagli 8 figli del ministro dc Franco Restivo, conclusa con un’archiviazione?

 

Sì, verissimo, e la sentenza penale riconosce che tutto quello che ho scritto su Franco Restivo è vero.

 

Come spiega questa coincidenza temporale?

 

BERNARDO MATTARELLA BERNARDO MATTARELLA

Avranno fatto una rimpatriata, una riunione di vecchie famiglie di ex dc e avranno detto: vediamo un po’ cosa fare.

 

Tra le contestazioni dei Mattarella ci sono le accuse di collusioni mafiose rivolte al vecchio Bernardo che sarebbero tratte dal dossier di Danilo Dolci del 1965. Ma Dolci fu condannato per diffamazione...

 

Dolci non è tra le mie fonti. Le vicende relative alle frequentazioni di Mattarella con esponenti mafiosi della zona di Castellammare, le ho attinte dal volume Raccolto Rosso di Enrico Deaglio che a sua volta aveva consultato gli atti della Prima Commissione Antimafia (’76). Nessuno ha querelato Deaglio, che tra l’altro ha ripubblicato tranquillamente il suo libro nel 2010.

 

 E il ritratto di Piersanti? L’accusano di aver diffamato persino il presidente della Regione siciliana ucciso dalla mafia nell’80...

 

   Piersanti è un signore che viene fuori da una storia familiare controversa. Tanto di cappello per quello che è stato poi l’approdo finale, straordinario, della sua vita. Ma anche Carlo Alberto Dalla Chiesa in un’intervista a Giorgio Bocca, ricordò da dove veniva Piersanti. Sono fatti. Nessuno è mai stato querelato prima di me per averli raccontati.

 

Sembra proprio che i Mattarella ce l’abbiano con lei. Perché?

 

Gli sarò simpatico.

 

Condividi questo articolo

politica

LARGO AL CAMPO LARGO! – ENRICO LETTA TENDE LA MANO A BERLUSCONI: “DOBBIAMO COSTRUIRE QUALCOSA CHE SIA VINCENTE RISPETTO AL 40% RAPPRESENTATO DA SALVINI E MELONI. IL CAMPO LARGO DEVE ESSERE DAVVERO LARGO”. BASTA FARE I CONTI: IL PD È AL 20% E I CINQUE STELLE AL 12. BASTA AGGIUNGERE L’8% DI FORZA ITALIA E COME PER MAGIA SI ARRIVA AL 40. A CUI ANDREBBE AGGIUNTO CALENDA, CHE PERÒ SUBITO FA LO GNORRI: “DA 30 ANNI L'UNICA RAGIONE DI STARE INSIEME È NON FARE VINCERE GLI ALTRI, SEMBRA IL PALIO DI SIENA. IO NON LO CONDIVIDO"

IL “CENTRINO” È TROPPO PICCOLO PER TENERE INSIEME L’EGO DI RENZI E QUELLO DI CALENDA – MATTEUCCIO E CARLETTO DA SETTIMANE SI MANDANO CORDIALMENTE A QUEL PAESE, NEL TENTATIVO DI FREGARSI A VICENDA UNO ZERO VIRGOLA – DALLA LEOPOLDA A BIN SALMAN: TUTTI GLI SCAZZI TRA I DUE – VELARDI: “SONO DUE PERSONE INTELLIGENTI CHE PENSANO DI ESSERE MEGLIO DEGLI ALTRI, IL CHE È VERO. IL PROBLEMA È CHE NON HANNO I VOTI. E IL LORO NARCISISMO FRUSTATO DALLO SCARSO CONSENSO FINISCE PER…