CERCAVATE L’ANTI-RENZI? E’ MARISA LAURITO! - A “LINEA NOTTE” L’UNICA VOCE CONTRO L’ITALICUM: “LA COSA CHE MI INFASTIDISCE DA CITTADINO, È CHE IO POI QUANDO VADO A VOTARE NON SCELGO NULLA, PERCHÉ MI RITROVO GIÀ UN PACCHETTO BELLO E PRONTO CHE DEVO VOTARE”

Scanzi: "Durante il dibattito sull’Italicum a "Linea Notte" nessuno ricorda che produce la stortura di 10 deputati in più: del resto, le prime pagine del Fatto lì non sono mai amatissime, se non quando ritraggono Cuperlo e Bersani in mutande: “E’ Renzi ad averli ridotti così, eh eh eh”. Eh eh eh...

Condividi questo articolo


Andrea Scanzi per il “Fatto Quotidiano”

 

MARISA LAURITO ANDREOTTI MARISA LAURITO ANDREOTTI

L’opposizione ha finalmente trovato il suo leader: Marisa Laurito. La rivelazione ha avuto luogo due sere fa a Linea Notte (RaiTre). In studio, ospiti di Giuliano Giubilei, quattro ospiti. Il sommamente pingue renziano Stefano Bonaccini; Tommaso Labate, giornalista non proprio anti-Renzi; Silvia Sardone, astro vagamente nascente di Forza Italia. E infine la Laurito, la cui mostra si è appena aperta a Milano. E’ una puntata delicata, perché all’interno del Pd qualcuno ha addirittura osato dissentire da Renzi. E questo, si sa, è molto maleducato. Vengono esposte al pubblico ludibrio le dichiarazioni oltraggiose dei brutti Zoggia e D’Attorre.

 

Primo giro di interventi. Parlano Labate e Bonaccini. Quest’ultimo loda la benevolenza di Renzi, che ha addirittura concesso una possibile apertura sulla riforma del Senato senza con ciò ipotizzare la fucilazione dei reprobi. Labate commenta con dolore che “il Pd ultimamente ha un po’ perso l’abbrivio” (son problemi grossi). La povera inviata Tatiana Lisanti, mummificata davanti al Nazareno fino a tarda notte, racconta con entusiasmo comprensibilmente impalpabile come stia andando lì dentro: “Renzi ha appena detto di essere molto colpito dal dibattito, ne esce arricchito”. 

MARISA LAURITO LABATE MARISA LAURITO LABATE

 

Giubilei, felice da cotanta buona novella, ipotizza che Bersani sia soddisfatto dell’apertura di Renzi al punto da “scongiurare la scissione”. La Lisanti, che neanche sembra ascoltarlo (“Parli con me Giuliano?”), lo smentisce. E Giuliano ci rimane male.

 

Secondo giro di interventi: Labate titilla Renzi, Bonaccini celebra Renzi, la Sardone esorta a parlare “fuori dai denti”. Accade poi un fatto vieppiù increscioso: la Laurito osa proferire verbo. “La cosa che mi infastidisce da cittadino, è che io poi quando vado a votare non scelgo nulla, perché mi ritrovo già un pacchetto bello e pronto che devo votare”. Sintesi impeccabile, che però indispettisce Giubilei: “Non è proprio così, anzi è stata corretta”. Un intervento pertinente e anzi doveroso: si sentiva, in effetti, la mancanza nel programma di un parere renziano.

silvia sardone 3 silvia sardone 3

 

La Laurito garbatamente glissa (“Ah, è stata corretta”), prima che perfino Labate riconosca che un po’ “la Laurito ha ragione”. Urge un intervento ulteriore, atto a rafforzare l’avanzata a testuggine delle forze (del bene) renziane. Eccolo: ormai stremata, la Lisanti informa che sta per apparire il vicepresidente Pd Guerini. Giubilo (e Giubilei) in studio. Guerini tiene la parola quasi dieci minuti, riuscendo a non dire assolutamente nulla.

 

marisa laurito marisa laurito

La Lisanti, con classe, si appisola. Riappare la Sardone, che prima attacca l’indagata Paita ma poi inciampa drammaticamente nella pronuncia della parola “idrogeologico”. L’Italicum, nel frattempo, resta sullo sfondo come un miraggio pressoché divino. Nessuno, durante il dibattito, ricorda - come ha scritto il Fatto ieri – che produce l’ulteriore stortura di 10 deputati in più: “Sarà una cosa legata al conteggio dei collegi”, minimizzano durante la rassegna stampa finale.

 

marisa laurito marisa laurito Marisa Laurito e Renzo Arbore Marisa Laurito e Renzo Arbore Giuliano Giubilei Giuliano Giubilei Marisa Laurito Marisa Laurito MARIO DURSO MARISA LAURITO MARIO DURSO MARISA LAURITO bad28 marisa laurito bad28 marisa laurito marisa laurito a ballando con le stelle marisa laurito a ballando con le stelle marisa laurito marisa laurito

Del resto, a Linea Notte, le prime pagine del Fatto non sono mai amatissime, se non quando ritraggono (ieri Vauro) Cuperlo e Bersani in mutande: “E’ Renzi ad averli ridotti così, eh eh eh”. Eh eh eh.

 

Condividi questo articolo

politica

GIALLO QUIRINALE - QUALE RUOLO STA SVOLGENDO NELL’OMBRA MATTARELLA MENTRE REGNA IL CAOS TRA LE FORZE POLITICHE OSTAGGIO DEI VETI INCROCIATI E DEI GRANDI ELETTORI LEGATI ALLO SCRANNO (E ALLA PENSIONE)? – DA OLTRE UN ANNO NELL’AGENDA ISTITUZIONALE DEL CAPO DELLO STATO USCENTE FIGURANO I NOMI DI DRAGHI, AMATO, CASSESE E CARTABIA. ANCHE SE PERDE QUOTA L’AUTOCANDIDATURA DI SUPERMARIO, CHE HA LEGATO LA SUA PERMANENZA A PALAZZO CHIGI (RIBADITA A MATTARELLA) SOLO SE GARANTITO DA UNO DEI PAPABILI EVOCATI (E SUSSURRATI) DALLA MUMMIA SICILIANA

DRAGHI CHI? - OSANNATO PER MESI COME IL SALVATORE DELLA PATRIA, SI È GONFIATO DI EGOLATRIA COME UNA MONGOLFIERA. QUANDO HA AVUTO IL BISOGNO DEL CONSENSO DEI PARTITI PER SALIRE AL COLLE, HA PAGATO LA SUA ARROGANZA CON IL VAFFA CORALE DI SALVINI, BERLUSCONI, CONTE, FRANCESCHINI. OGGI L’EX UOMO DELLA PROVVIDENZA PIGOLA: CHIUNQUE VERRÀ ELETTO AL QUIRINALE, NON DARÒ LE DIMISSIONI – “PUÒ ANCHE DARSI CHE DRAGHI RESTI PER QUALCHE SETTIMANA MA AL PRIMO INCIDENTE, ALLA PRIMA RISSA NELLA MAGGIORANZA, È CHIARO CHE DRAGHI SE NE ANDRÀ”

“SALVINI ERA CONTRO I REATI DI OPINIONE AI TEMPI DELLA LEGGE ZAN, ALLORA PERCHÉ MI QUERELA?” - SELVAGGIA LUCARELLI: “IL POLITICO CHE CI HA MOLESTATI PER MESI CON LO SLOGAN ‘LE IDEE NON SI PROCESSANO' PER PERMETTERE A CHIUNQUE DI PICCHIARE UN OMOSESSUALE SENZA L’AGGRAVANTE DELL’OMOFOBIA, VUOLE IL CARCERE PER CHI PENSA CHE LUI SIA UN CINICO CALCOLATORE, CON L’AGGRAVANTE DELLA CARTOLINA DA BOOMER SUI SOCIAL” - MI HA DENUNCIATO PER UN POST SU DI LUI, IN CUI C'ERA…”