CHE FIGLI DI PUTIN - LA RUSSIA VOLEVA AIUTARE JULIAN ASSANGE A SCAPPARE DAL REGNO UNITO: SPUNTA UN PIANO SEGRETO PER LA FUGA DEL FONDATORE DI WIKILEAKS DALL’AMBASCIATA LONDINESE DELL’ECUADOR – LE RIVELAZIONI DEL “GUARDIAN”: IL PUNTO DI CONTATTO CON MOSCA ERA UN CONSOLE. LA PARTENZA ERA PROGRAMMATA PER LA VIGILIA DI NATALE 2017, POI PERÒ…

-

Condividi questo articolo

Da www.tpi.it

 

julian assange julian assange

Sarebbe esistito un piano segreto della Russia per aiutare Julian Assange a fuggire dal Regno Unito. A rivelarlo è il Guardian, che sottolinea come sia venuto a conoscenza di colloqui segreti, avvenuti lo scorso anno, tra diplomatici russi e persone vicine al fondatore di Wikileaks.

 

Il piano, secondo quanto riportato dal quotidiano britannico, era aiutare Assange ad allontanarsi dall’ambasciata dell’Ecuador, lasciare il Regno Unito e dirigersi verso un altro paese, probabilmente la Russia, dove l’uomo non avrebbe corso il rischio di essere estradato negli Stati Uniti.

 

La fuga, programmata per la vigilia di Natale 2017, non era più stata realizzata perché considerata troppo rischiosa.

 

assange anderson assange anderson

Il ruolo della Russia nel piano solleva nuove domande sui legami tra Assange e il Cremlino, in particolare perché l’editore di Wikileaks ricopre un ruolo centrale nel caso Russiagate, le cui indagini sono coordinate dal procuratore usa Mueller.

 

Proprio Mueller, che indaga sui tentavi della Russia di influenzare l’esito delle presidenziali del 2016, sostiene che Wikileaks ha pubblicato “oltre 50mila documenti” rubati da spie russe.

 

FIDEL NARVAEZ FIDEL NARVAEZ

I dettagli del piano sono solo accennati. Due fonti, a conoscenza delle dinamiche interne all’ambasciata, hanno affermato che Fidel Narváez, uno stretto confidente di Assange che ricopriva il ruolo di console dell’Ecuador a Londra, fungeva da punto di contatto con Mosca. Ma in un’intervista rilasciata al Guardian, Narváez ha negato di essere stato coinvolto in discussioni o in piani per organizzare la fuga di Assange.

 

Skripal e la figlia Yulia Skripal e la figlia Yulia

Narváez ha ammesso di avere visitato l’ambasciata russa a Kensington due volte nel 2018 ma come parte di un gruppo di “20-30 diplomatici provenienti da diversi paesi”. Si trattava, ha affermato, di “incontri pubblico-aperti che si sono verificati nel pieno della crisi britannico-russa” conseguente all’avvelenamento da novicok di Sergei e Yulia Skripal lo scorso mese di marzo.

 

l ambasciata dell ecuador a londra l ambasciata dell ecuador a londra

Il nuovo presidente dell’Ecuador, Lenín Moreno, non ha mai nascosto di volere Assange fuori dall’ambasciata. Lo scorso mese di marzo, il governo di Quito gli aveva interrotto l’accesso a Internet e limitato la sua possibilità di ricevere visite.

 

L’ambasciata dell’Ecuador a Londra, contattata dal Guardian, ha rifiutato di commentare.

 

Recentemente Associated Press aveva pubblicato alcuni documenti, trapelati dallo staff di Wikileaks, in cui si mostra che Assange avrebbe provato, già dal 2010, a scappare dall’Inghilterra e a cercare rifugio in Russia.

 

assange ambasciata ecuador assange ambasciata ecuador

Ap ha pubblicato una e-mail nella quale Assange dice di avere intenzione di chiedere un visto per la Russia, che si era concluso in un nulla di fatto perché l’Interpool aveva emesso un mandato di cattura internazionale nei confronti dell’uomo, che era ricercato in Svezia con l’accusa di stupro e violenza sessuale, accuse per le quali dal 2012 Assange è rifugiato nell’ambasciata ecuadoregna di Londra.

 

 

 

Condividi questo articolo

politica

LA RIFORMA-FUFFA DI BONAFEDE: ALTRO CHE DISCONTINUITÀ, IL CSM AVRÀ TRENTA CONSIGLIERI E PIÙ POTERI - LA DIVISIONE IN CORRENTI VIENE RAFFORZATA - IL CONSIGLIO CONTROLLERÀ DI FATTO LA VITA DI TUTTE LE PROCURE, TOGLIENDO LA PIENA AUTONOMIA AI PROCURATORI CAPO - QUALCHE DISPIACERE AI FUTURI CONSIGLIERI LA BOZZA BONAFEDE LO DÀ SUL PIANO SALARIALE - NON POTRÀ PIÙ ENTRARE AL CSM CHI NEI 5 ANNI PRECEDENTI SIA STATO PARLAMENTARE - NONOSTANTE LE PROMESSE DELLA VIGILIA, NULLA C’È A FAVORE DELLA SEPARAZIONE DELLE CARRIERE…