IL CONDOMINO SERGIO – UN ALTRO INDIZIO SUL FATTO CHE MATTARELLA NON PENSA (PER ORA) AL BIS AL COLLE: IL CAPO DELLO STATO CERCA CASA (IN AFFITTO) A ROMA. LO SCORSO MERCOLEDI’, ACCOMPAGNATO DALLA FIGLIA, MATTARELLA HA VISITATO UN APPARTAMENTO CHE SI TROVA VICINO VILLA BORGHESE. LA VISITA E IL SELFIE CON L’INQUILINA...

-

Condividi questo articolo


Tommaso Labate per corriere.it

 

mattarella mattarella

«Presidente, non so se posso... Ehm, possiamo fare una foto ricordo?». Alla tentazione del selfie avrebbe ceduto chiunque si fosse trovato ieri l’altro alle 16 nella situazione di Alessandra. Il nome è di fantasia, la storia no.

 

In un normalissimo pomeriggio di inizio autunno, una giornata come tante, la ragazza stava aspettando, come da indicazioni della proprietaria di casa, che un possibile nuovo inquilino venisse a visitare l’appartamento in cui vive da qualche anno assieme al suo ragazzo.

 

La coppia sta per lasciare la casa, ha già mandato la disdetta ai proprietari e, come capita in questi casi, questi ultimi le hanno chiesto il favore di agevolare per quanto possibile le visite di eventuali nuovi inquilini.

 

Immaginate quindi la sorpresa di Alessandra nel trovarsi dentro casa, per l’appunto nella veste di possibile nuovo inquilino pronto a subentrarle in un contratto d’affitto, nientemeno che il presidente della Repubblica .

pippo baudo sergio mattarella 3 pippo baudo sergio mattarella 3

 

Accompagnato dalla figlia, a metà del pomeriggio di mercoledì 29 settembre, Sergio Mattarella si è materializzato in questo appartamento che si trova nella zona Nord-Est della Capitale che confina col centro storico, a metà strada tra Villa Borghese e Villa Ada, a due passi dal palazzo della Zecca dello Stato.

 

mattarella riconsegna del tricolore mattarella riconsegna del tricolore

Appartamento bello ma non propriamente «di pregio», grande ma non grandissimo, zona centrale ma non centralissima, all’interno di quello che i dépliant delle agenzie definirebbero «un palazzo signorile»: centoventi metri quadri circa, salone luminoso, cucinino, due bagni, tre camere da letto.

 

 

 

In vista della fine del suo settennato, insomma, il capo dello Stato fa quello che si fa di solito quando finisce il periodo di permanenza in una casa, anche se la casa che si sta per lasciare è il Quirinale: ne cerca un’altra. Non da comprare, perché il presidente considera la casa di Palermo la sua residenza; ma in affitto.

 

mattarella csm mattarella csm

L’appartamento, che per Mattarella ha il pregio di essere molto vicino alla residenza di uno dei figli, dev’essere pronto entro dicembre; o almeno questa sembra essere la richiesta dell’autorevolissimo inquilino, ulteriore conferma — qualora ne servissero — che non esiste niente di più lontano dalla sua volontà dell’ipotesi di un «bis» alla presidenza della Repubblica.

 

Lontano dall’immaginario del capo di Stato che per cercare casa attiva un passaparola ai massimi livelli istituzionali, organizza visite negli appartamenti nelle ore notturne e protetto da qualsiasi sguardo indiscreto, Mattarella si muove come s’era mosso per fare la prima dose del vaccino: come uno qualunque, senza corsie preferenziali.

mattarella mattarella

 

Ha scelto la zona di Roma, preso contatti con un’agenzia immobiliare, contattato gli intermediari, preso gli appuntamenti e, dopo una serie di case già visitate, s’è ritrovato nel soggiorno luminoso occupato, ancora per qualche settimana, da Alessandra e dal suo compagno.

 

E il selfie, quella richiesta della ragazza di fissare per sempre nella memoria — anche in quella del telefonino — un pomeriggio da non dimenticare? Mattarella si è messo in posa con la ragazza, hanno sorriso entrambi sotto la mascherina e clic.

mattarella mattarella

 

Condividi questo articolo

politica

"SE ENTRASSIMO IN UNA SPIRALE PERVERSA DI VOTAZIONI INCONCLUDENTI, NON ESCLUDEREI UN RIPENSAMENTO DEL PRESIDENTE MATTARELLA" - IL POLITOLOGO ROBERTO D'ALIMONTE: "DEL RESTO, I TANTI VOTI CHE HA PRESO NEI PRIMI TRE SCRUTINI DIMOSTRANO CHE QUESTA SOLUZIONE PIACEREBBE A MOLTI. ECCO, L'UNICA ALTERNATIVA POSSIBILE A DRAGHI È IL MANTENIMENTO DELLO STATUS QUO - MI PARE CHE NESSUNO SI STIA MUOVENDO BENE, MA CONTE MI SEMBRA QUELLO PIÙ IN DIFFICOLTÀ. IL M5S È IL PARTITO CON IL MAGGIOR PACCHETTO DI VOTI MA, DIVISO COM' È, NON RIESCE A FARLO VALERE. E LA LEADERSHIP DI CONTE NE SOFFRE…"

"SUL COLLE NESSUNO CREDE CHE, SULL'ONDA DELL'AFFETTO MANIFESTATO DAI PEONES, MATTARELLA POSSA CONCEDERSI AL BIS" - UGO MAGRI SI FA MEGAFONO DEL QUIRINALE: "IL CENTRODESTRA PER ORA NON LO VUOLE. SE MELONI O SALVINI DOVESSERO MAI CAMBIARE IDEA, CIÒ POTREBBE ACCADERE SOLO A FRONTE DI UN DEFAULT DELLA POLITICA; DOPO UNA QUANTITÀ DI TENTATIVI A VUOTO, VOTAZIONI SENZA ESITO, NEGOZIATI FALLITI, IN UNO STALLO INSUPERABILE CON IL SISTEMA AL COLLASSO. IN QUEL CASO MATTARELLA DIVENTEREBBE LA SCIALUPPA DOVE I PARTITI SI RIFUGIANO PER SALVARSI MENTRE LA NAVE ITALIA STA COLANDO A PICCO. SOLO UN MATTO POTREBBE DESIDERARLO"