LA CORRISPONDENZA DI AMOROSI SENSI TRA RENZI E SALVINI – L’EX PREMIER TERRÀ UNA LEZIONE ALLA SCUOLA DI FORMAZIONE POLITICA DELLA LEGA, MA SALVINI NON SI SCOMPONE: “NON LO SAPEVO, MA MI FA PIACERE. È STATO GENTILE AD ACCETTARE E INTELLIGENTI GLI ORGANIZZATORI A INVITARLO” – ALBERTO MATTIOLI: “I DUE MATTEI, MESSAGGIATORI SERIALI, SI SCRIVONO QUASI TUTTI I GIORNI, E RACCONTANO CHE L'EX PREMIER STIA SFINENDO DI WHATSAPP L'EX MINISTRO DELL'INTERNO PER CONVERTIRLO AL PROPORZIONALE. INSOMMA, IL PASSAGGIO AL COLLEGE LEGHISTA CI STA. SOLO NON SI CAPISCE PERCHÉ…”

-

Condividi questo articolo


salvini renzi salvini renzi

1 - LEGA: SALVINI, RENZI A SCUOLA POLITICA? NON LO SAPEVO

(ANSA) - "Onestamente non sapevo che ci fosse Matteo Renzi (alla scuola di formazione politica della Lega, in programma oggi e domani a Milano ndr) ma mi fa piacere. E' stato gentile lui ad accettare, e sono stati intelligenti gli organizzatori a invitarlo".

 

Lo ha detto il leader della Lega Matteo Salvini, a margine della assemblea regionale di 'Lombardia Ideale - Fontana presidente' a Milano. E ha aggiunto: "Ho chiesto di invitare persone anche per portare pareri opposti ai nostri. Detto questo, abbiamo modi di fare politica lontano anni luce". Commentando il nuovo libro del leader di Italia Viva, 'Il mostro', ha concluso affermando che "non penso che scriverò mai un libro con retroscena e pettegolezzi".

salvini renzi salvini renzi

 

2 - RENZI PROF PER I LEGHISTI

Alberto Mattioli per “La Stampa”

 

Indovina chi viene a far lezione. Alla Scuola di Formazione politica della Lega, oggi a Milano, il prof che non t' aspetti si chiama Matteo Renzi.

MATTEO RENZI L'ARIA CHE TIRA MATTEO RENZI L'ARIA CHE TIRA

 

Certo, dicono i leghisti, le loro Frattocchie hanno sempre ospitato anche personalità eterodosse. Però Italia Viva sembra sempre di più il partito più a destra del centrosinistra. Alle amministrative prossime venture, appoggerà almeno tre candidati di centrodestra, a Genova, Catanzaro e Verona (dove però è Flavio Tosi, leghista transfugo quindi detestato).

salvini renzi salvini renzi

 

Renzi ha firmato tutti e cinque i referendum sulla giustizia, carissimi a Salvini, e sulla riforma Cartabia è anche più negativo di lui. I due Mattei, messaggiatori seriali, si scrivono quasi tutti i giorni, e raccontano che l'ex premier stia sfinendo di WhatsApp l'ex ministro dell'Interno per convertirlo al proporzionale. Insomma, il passaggio al college leghista ci sta. Solo non si capisce perché non ce ne sia taccia nell'"enews" che racconta tutto Renzi minuto per minuto e annuncia ogni suo impegno. Tutti, tranne questo.-

Renzi Salvini Renzi Salvini salvini renzi meme salvini renzi meme

 

Condividi questo articolo

politica

ATTENZIONE, CADUTA MITI! – FUBINI: “CIÒ CHE ACCADE DA 4 MESI RIDIMENSIONA LA LEGACY DI DUE DEI LEADER PIÙ ADULATI DAI MEDIA OCCIDENTALI NEGLI ULTIMI 20 ANNI: BARACK OBAMA E ANGELA MERKEL” – “OBAMA HA LANCIATO IL RESET DEI RAPPORTI CON PUTIN DOPO L’AGGRESSIONE ALLA GEORGIA.  IL MESSAGGIO AL CREMLINO È ARRIVATO COSÌ: TUTTO È CONDONATO, DUNQUE POSSIAMO RIFARLO. INFATTI L'HANNO RIFATTO” – “MERKEL AMAVA FARSI RITRARRE MENTRE RUOTAVA GLI OCCHI IN SEGNO DI SECCATURA QUANDO PUTIN LE PARLAVA. COME NO. MA NON HA FATTO NULLA PER LIMITARE LA DIPENDENZA DELL'INDUSTRIA TEDESCA DALLA RUSSIA…”

QUI MOSCA, PARLA ALESSANDRO DI BATTISTA - NEL SUO PRIMO REPORTAGE DALLA RUSSIA, IL “CHE GUEVARA DI ROMA NORD” MINIMIZZA GLI EFFETTI DELLE SANZIONI OCCIDENTALI: “I PREZZI SONO AUMENTATI, MA MENO DI QUANTO NON SIANO AUMENTATI IN EUROPA. IL RUBLO È FORTE E, SEPPUR CON MAGGIORI DIFFICOLTÀ, LE PERSONE VIVONO NORMALMENTE INVADENDO I RISTORANTI, I PARCHI PUBBLICI E I CENTRI COMMERCIALI.  PIÙ CI SI ALLONTANA DA MOSCA E PIÙ (SEBBENE GLI EFFETTI DELLE SANZIONI SI SENTANO MAGGIORMENTE) AUMENTANO I SUPPORTER DI PUTIN…”

TASSISTI, I VERI POTERI FORTI – IL CUCÙ DI SEBASTIANO MESSINA: “OGGI ASSISTEREMO AL PIÙ CLASSICO DEI DERBY, LA SFIDA STATO-TASSISTI. LO STATO PARTE SFAVORITO: FINORA È SEMPRE STATO BATTUTO” – FILIPPO CECCARELLI RICORDA GLI INTRECCI TRA TASSISTI E POLITICA, DA ENRICO MATTEI (“USO I PARTITI COME TAXI: PAGO E SCENDO”) A DENIS VERDINI (“SOLO IO TI CONDUCO IN DIECI MINUTI DA BERLUSCONI A MATTEO”) PASSANDO PER LA SCIAGURATA COPPIA ANDREOTTI-SORDI FINO A “BONITAXI” 

IL CAMPO LARGO E’ UN CAMPO SANTO. E ALLORA IL PD SI BUTTA SUL PROPORZIONALE - GLI ABBOCCAMENTI IN PARLAMENTO SI SONO INTENSIFICATI DOPO LE AMMINISTRATIVE COINVOLGENDO ANCHE FRATELLI D'ITALIA, IL PARTITO PIÙ OSTILE ALLA MODIFICA DEL ROSATELLUM - QUEL CHE POTREBBE CONVINCERE GIORGIA MELONI A TRATTARE È SÌ UN SISTEMA PROPORZIONALE, MA CON ROBUSTO PREMIO DI MAGGIORANZA ALLA COALIZIONE - QUESTO PERMETTEREBBE DI CANCELLARE I COLLEGI UNINOMINALI, DA SEMPRE FONTE DI SCONTRI FRA ALLEATI PUR DI ACCAPARRARSI I MIGLIORI, E ANDREBBE NELLA DIREZIONE DI INDICARE, LA SERA STESSA DELLE ELEZIONI, CHI HA VINTO E CHI HA PERSO...