DACCÒ, DACCÒ, AL FISCO I SOLDI NON LI DO - DITE A FULL MONTI CHE PER RIPIANARE IL DEBITO PUBBLICO BASTA FAR PAGARE LE TASSE ALL’IMPRENDITORE FURBETTO DEL SAN RAFFAELE - DALL’INCHIESTA VIENE FUORI CHE MALGRADO ALLA FAMIGLIA SIANO INTESTATI 196 CONTI E 14 CASE, DAL 2001 IL CARO AMICO DI FORMIGONI NON HA MAI DICHIARATO ALCUN REDDITTO - TRA LE BANCHE PREFERITE LA POPOLARE DI LODI (IL NOME DELLA FIGLIA ERIKA ERA NELL’AGENDA DI FIORANI) E UNICREDIT…

Condividi questo articolo


Mario CalMario Cal

Walter Galbiati ed Emilio Randacio per "la Repubblica"

«La consultazione dell´Anagrafe tributaria ha evidenziato che Daccò, dal 2001, non ha mai dichiarato redditi imponibili in Italia né all´estero». E risiede a Londra dove i cittadini "non dom", cioè i non residenti, non pagano le tasse. La figura dell´imprenditore Pierangelo Daccò emerge dalle carte dell´indagine milanese sull´ospedale San Raffaele. A lui viene contestato il reato di concorso in bancarotta, per aver distratto attraverso presunte false consulenze circa 3,5 milioni di euro. Una delle ipotesi degli inquirenti è che fosse un collettore di denaro, soprattutto contante, da girare ad alcuni referenti politici.

Il suo nome è stato spesso accostato a quello del governatore della Regione Lombardia, Roberto Formigoni, non fosse altro che per la loro amicizia che, come ha confermato ieri lo stesso Formigoni in una intervista a la Repubblica, dura da vent´anni.

DON VERZEDON VERZE

Daccò è il centro di una rete di società italiane e offshore che per la sua complessità ha fatto sbarrare gli occhi anche agli investigatori più esperti. Eppure negli ultimi dieci anni appare senza reddito, nessuna denuncia al Fisco. Alcune di queste aziende sarebbero riconducibili a lui attraverso le figlie, Erika e Monica, o attraverso la consorte, Annita Cantoni.

Opera secondo schemi operativi ben collaudati: «In primo luogo - dice una informativa di polizia giudiziaria - crea soggetti giuridici italiani, in secondo luogo li sviluppa e successivamente ne cede il controllo, per lo più interponendo società fiduciarie, a soggetti a lui legati da vincoli di parentela o di amicizia, mantenendone pertanto uno stretto controllo».

Le sue attività vanno dal tessile alle comunicazioni, dalle pubbliche relazioni alla cosmetica fino alle ristrutturazioni immobiliari. Ma il suo core business è «nella gestione diretta e indiretta di strutture sanitarie in Italia e all´estero».

FORMIGONI SULLO YACHT DI DACCO'FORMIGONI SULLO YACHT DI DACCO'

I suoi lunghi soggiorni in Cile, per esempio, si spiegano col ruolo che una sua società, la Juvans, ha avuto nella costruzione dell´Ospedale sanatorio marittimo, edificato in Vina del Mar, per l´Ordine ospedaliero di San Giovanni di Dio, i Fatebenefratelli, gli altri grandi committenti di Daccò, prima di Don Verzé.

Dai Fatebenefratelli Daccò avrebbe ricevuto tre bonifici tra il 2001 e il 2003 (per oltre 10 milioni di euro) su un conto corrente acceso presso la Popolare di Lodi. Perché lui, nato a Sant´Angelo Lodigiano, classe 1956, pur non dichiarando nulla al Fisco, tra conti correnti, operazioni extraconto e gestioni, ha ben 28 rapporti bancari, che salgono solo in Italia a 196, se si includono anche quelli della moglie e delle figlie.

lar44 giamp fioranilar44 giamp fiorani

Tra le banche preferite, per ragioni anagrafiche, vi è proprio la Popolare di Lodi (il nome di Erika Daccò è stato trovato nelle agende di Gianpiero Fiorani), ma la più importante è la Unicredit (80 rapporti). L´immobiliarista della famiglia è la moglie con 14 appartamenti in quel di Lodi e due case a Bordighera. Ma gli inquirenti sono pronti a scommettere che attraverso fiduciarie possieda il Residence Baia delle Ginestre a Teulada, alcune case ad Arzachena e una villa a Bonassola. Più una barca (e forse altre due), il Mi Amor, sul quale è stato fotografato con Formigoni.

UNICREDITUNICREDIT

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA FESTA APPENA COMINCIATA È GIÀ FINITA? NO: MA LA SARDEGNA SARÀ L’INIZIO DELLA FINE SE LA DUCETTA NON SI FICCA NELLA TESTOLINA CHE LA POLITICA NON È “QUI COMANDO IO!” - GRAZIE A SU POPULU SARDU, IL CENTROSINISTRA UNITO HA PIÙ NUMERI DEL CENTRODESTRA A PEZZI - FINO A IERI, ALLE AVVISAGLIE DI SALVINI DI TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO, LA MELONA GHIGNAVA MINACCIANDO DI RIPORTARE LA “NAZIONE” AL VOTO. E CON LA VITTORIA DI TRUZZU, AVREBBE CAPITALIZZATO LA SUA PREMIERSHIP DA EROE DEI DUE MONDI - CON LA DISFATTA SARDA E SALVINI AL MURO, DOVE VA “IO SO’ GIORGIA E VOI NON SIETE UN CAZZO”? - SENZA IL TERZO MANDATO, ZAIA PRONTO A SCENDERE DAL CARROCCIO E ADERIRE ALLA LIGA VENETA, LA LEGA SI SPACCA. PER LA DUCETTA INIZIANO GIORNI MOLTO, MOLTO DIFFICILI…

FLASH! – SABATO 24 FEBBRAIO I GIORNALI FILO-MELONIANI TUTTI IN SOLLUCCHERO PER LA NOTIZIA DELLA NUOVA VISITA DI GIORGIA MELONI ALLA CASA BIANCA, ENFATIZZANDO IL VIAGGIO DEL 1 MARZO DELLA DUCETTA NEGLI USA (“LIBERO”: “L’ITALIA PROTAGONISTA”; “IL MESSAGGERO”: “OGGI PATTO CON ZELENSKY. E POI VERTICE DA BIDEN”). MA ERANO I SOLITI SPECCHIETTI PER GLI ALLOCCONI, VISTO CHE SI TRATTA DI UNA PRASSI DEL G7: OGNI ANNO, IL PRIMO MINISTRO DEL PAESE CHE ASSUME LA PRESIDENZA, VA IN TOUR TRA LE CAPITALI DEI PAESI CHE FANNO PARTE DEL GRUPPO DEI 7. INFATTI, È GIÀ STATA IN GIAPPONE E IL 2 MARZO ANDRÀ IN CANADA...

MELONI MARCI - DOMENICA 18 FEBBRAIO DAGOSPIA MEJO DEL MAGO OTELMA: UNICO ORGANO DI INFORMAZIONE A PREVEDERE LA DISFATTA SARDA! "FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI: TODDE SORPASSA TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ -. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? 

1968, IL “MIRACOLO” DEL TEATRO VIVENTE – “ODIO E AMORE”, LA BELLISSIMA E ANCORA ATTUALISSIMA POESIA DEL LIVING THEATRE, BALBETTATA DA DAGO IN ‘’ROMA SANTA E DANNATA’’, ACCENDE LA CURIOSITÀ DEI LETTORI – PER LA RAPPRESENTAZIONE DI ‘’PARADISE NOW’’ ALL'UNIVERSITÀ LA SAPIENZA DI ROMA, DAVANTI ALLA FACOLTÀ DI LEGGE, COVO DEI FASCISTI, LO SCONTRO ERA DATO PER SCONTATO. INVECE ACCADDE IL “MIRACOLO DELL’AMORE”: MENTRE JUDITH MALINA COMINCIÒ A DECLAMARE LA POESIA, I RAGAZZI DEL LIVING COMINCIARONO A FARE A MENO DEI LORO VESTITI… - VIDEO E TESTO INTEGRALE