DAGOESCLUSIVO – MATTARELLA EVITERÀ MANDATI ESPLORATIVI PER FORMARE IL GOVERNO. MANDATO PIENO PRIMA DI TUTTO AL CENTRODESTRA NEL CASO CHE ABBIANO UNITÀ DI INTENTI E CHE SIANO D’ACCORDO A INDICARE UN PREMIER COMUNE - SE CIO' NON AVVENISSE, L’INCARICO ANDREBBE A DI MAIO - IN CASO DI FLOP A CINQUE STELLE, ALTRO MANDATO AL CENTRODESTRA. L’ULTIMA SOLUZIONE È UN “GOVERNO DEL PRESIDENTE” FORMATO DA…

-

Condividi questo articolo


Di Maio Mattarella Di Maio Mattarella

DAGOREPORT

 

Mattarella l’ha detto: per risolvere il garbuglio politico uscito dalle urne del 4 marzo ci vuole tempo, e il Colle non ha fretta. Il Capo dello Stato deve assicurare, intanto, che il governo prossimo venturo sia all’interno dell’Europa, saldo dentro l’euro e attento a non sforare sui conti.

 

La Mummia del Quirinale pensa di prendere tempo al termine del primo giro di consultazioni per riflettere sul da farsi. Intanto, si è fatto l’idea di evitare di dare mandati esplorativi, meglio mandati pieni per formare il governo. Prima di tutto al Centrodestra nel caso che abbiano un programma comune e una unità di intenti e che i partiti di Salvini, Berlusconi, Meloni siano d’accordo a indicare un premier comune.

MATTARELLA BERLUSCONI MATTARELLA BERLUSCONI

 

Nel caso questo non avvenisse, Mattarella darebbe l’incarico per formare il governo a Di Maio. In caso di fallimento a cinque stelle, sarebbe pronto a dare un altro mandato al Centrodestra.

 

SALVINI MELONI GIORGETTI 1 SALVINI MELONI GIORGETTI 1

L’ultima soluzione è un “governo del Presidente” formato da personalità politiche e tecnici con provata esperienza soprattutto nei ministeri chiave (interni, economia ed esteri) graditi a una vasta platea parlamentare.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA FESTA APPENA COMINCIATA È GIÀ FINITA? NO: MA LA SARDEGNA SARÀ L’INIZIO DELLA FINE SE LA DUCETTA NON SI FICCA NELLA TESTOLINA CHE LA POLITICA NON È “QUI COMANDO IO!” - GRAZIE A SU POPULU SARDU, IL CENTROSINISTRA UNITO HA PIÙ NUMERI DEL CENTRODESTRA A PEZZI - FINO A IERI, ALLE AVVISAGLIE DI SALVINI DI TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO, LA MELONA GHIGNAVA MINACCIANDO DI RIPORTARE LA “NAZIONE” AL VOTO. E CON LA VITTORIA DI TRUZZU, AVREBBE CAPITALIZZATO LA SUA PREMIERSHIP DA EROE DEI DUE MONDI - CON LA DISFATTA SARDA E SALVINI AL MURO, DOVE VA “IO SO’ GIORGIA E VOI NON SIETE UN CAZZO”? - SENZA IL TERZO MANDATO, ZAIA PRONTO A SCENDERE DAL CARROCCIO E ADERIRE ALLA LIGA VENETA, LA LEGA SI SPACCA. PER LA DUCETTA INIZIANO GIORNI MOLTO, MOLTO DIFFICILI…

FLASH! – SABATO 24 FEBBRAIO I GIORNALI FILO-MELONIANI TUTTI IN SOLLUCCHERO PER LA NOTIZIA DELLA NUOVA VISITA DI GIORGIA MELONI ALLA CASA BIANCA, ENFATIZZANDO IL VIAGGIO DEL 1 MARZO DELLA DUCETTA NEGLI USA (“LIBERO”: “L’ITALIA PROTAGONISTA”; “IL MESSAGGERO”: “OGGI PATTO CON ZELENSKY. E POI VERTICE DA BIDEN”). MA ERANO I SOLITI SPECCHIETTI PER GLI ALLOCCONI, VISTO CHE SI TRATTA DI UNA PRASSI DEL G7: OGNI ANNO, IL PRIMO MINISTRO DEL PAESE CHE ASSUME LA PRESIDENZA, VA IN TOUR TRA LE CAPITALI DEI PAESI CHE FANNO PARTE DEL GRUPPO DEI 7. INFATTI, È GIÀ STATA IN GIAPPONE E IL 2 MARZO ANDRÀ IN CANADA...

MELONI MARCI - DOMENICA 18 FEBBRAIO DAGOSPIA MEJO DEL MAGO OTELMA: UNICO ORGANO DI INFORMAZIONE A PREVEDERE LA DISFATTA SARDA! "FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI: TODDE SORPASSA TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ -. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? 

1968, IL “MIRACOLO” DEL TEATRO VIVENTE – “ODIO E AMORE”, LA BELLISSIMA E ANCORA ATTUALISSIMA POESIA DEL LIVING THEATRE, BALBETTATA DA DAGO IN ‘’ROMA SANTA E DANNATA’’, ACCENDE LA CURIOSITÀ DEI LETTORI – PER LA RAPPRESENTAZIONE DI ‘’PARADISE NOW’’ ALL'UNIVERSITÀ LA SAPIENZA DI ROMA, DAVANTI ALLA FACOLTÀ DI LEGGE, COVO DEI FASCISTI, LO SCONTRO ERA DATO PER SCONTATO. INVECE ACCADDE IL “MIRACOLO DELL’AMORE”: MENTRE JUDITH MALINA COMINCIÒ A DECLAMARE LA POESIA, I RAGAZZI DEL LIVING COMINCIARONO A FARE A MENO DEI LORO VESTITI… - VIDEO E TESTO INTEGRALE