DAGONEWS – ENTRO DUE SETTIMANE, INTORNO AL 20 FEBBRAIO, ARRIVERÀ IN VISITA DI STATO UFFICIALE IN ITALIA, SU INVITO DEL QUIRINALE, TAMIM BIN HAMAD AL THANI, L’EMIRO DEL QATAR – UNA VISITA CHE NON PASSERÀ INOSSERVATA A BRUXELLES E FARÀ DRIZZARE LA COFANA BIONDA DI URSULA VON DER LEYEN. L'INCONTRO SEMBRA QUANTOMENO INOPPORTUNO, DOPO LO SCANDALO QATARGATE. MA L’ITALIA HA BISOGNO DI GAS E NON PUÒ FARE LA SCHIZZINOSA…
DAGOSPIA DÀ LA NOTIZIA E L'ANSA LA CONFERMA: "L'EMIRO DEL QATAR SARÀ PRESTO IN EUROPA E DOVREBBE FARE UNA TAPPA A ROMA, INTORNO A METÀ FEBBRAIO"

Condividi questo articolo


TAMIM BIN HAMAD AL THANI SERGIO MATTARELLA TAMIM BIN HAMAD AL THANI SERGIO MATTARELLA

DAGONEWS

Entro due settimane, intorno al 20 febbraio, ci sarà una visita di Stato ufficiale in Italia che può creare più di un problema tra Roma e Bruxelles. Sbarcherà a Fiumicino, su invito del presidente della Repubblica Mattarella, l’emiro del Qatar, Tamim bin Hamad Al Thani.

 

Dopo l’esplosione del Qatargate, invitare il sovrano di un Paese che ha messo in fortissimo imbarazzo le istituzioni europee non sembra il miglior modo per ammorbidire Bruxelles. La visita dell’emiro porta con sé un certo profumino di gas: l’Italia, dopo la rottura dell’asse energetico con la Russia, ha necessità di rinsaldare i legami con i suoi nuovi fornitori. E Doha è uno dei principali sostituti di Putin, insieme all’Algeria.

 

 

AGGIORNAMENTO ORE 19.48: L'ANSA CONFERMA IL DAGO-SCOOP:

 

L'emiro del Qatar in Europa, tappa a Roma a metà febbraio 
(ANSA)
- L'emiro del Qatar, Tamim Bin Hamad Al Thani, sarà presto in Europa e dovrebbe fare una tappa a Roma, intorno a metà febbraio. L'emiro, che ha anche in programma un incontro a Parigi con il presidente Emmanuel Macron, potrebbe incontrare il presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Non si tratta di una visita di Stato e la data esatta deve essere ancora confermata. L'emiro ha visitato Roma nel 2018 mentre il presidente Mattarella è stato in Qatar nel 2020.

 

antonio panzeri antonio panzeri infantino al thani messi infantino al thani messi TAMIM BIN HAMAD AL THANI SERGIO MATTARELLA TAMIM BIN HAMAD AL THANI SERGIO MATTARELLA

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA DISAVVENTURA CHE VIDE GIANNI AGNELLI E IL PLAYBOY GIGI RIZZI FINIRE PER TRE GIORNI IN UNA GALERA FRANCESE - UNA BOMBASTICA STORIA RACCONTATA DA UN EX DIRIGENTE FIAT CHE, VA AMMESSO, NON È SOSTENUTA DA UN DOCUMENTO O INDISCREZIONI GOSSIP - IL FATTACCIO AVVENNE NEL1969 A CAP FERRAT: LA TRUPPA SBRONZA E SU DI GIRI CAPITANATA DA GIGI RIZZI, RINFORZATA DALLA PRESENZA CHIC DELL’AVVOCATO, MISE SOTTOSOPRA UN NIGHT CLUB. CI VOLLE L'INTERVENTO DELLA POLIZIA PER FRENARE LA BABILONIA DEGLI "ITALIENS” - RIZZI E AGNELLI FURONO BECCATI IN POSSESSO DI DOSI DI COCAINA E FINIRONO IN GATTABUIA...

DAGOREPORT – ANCHE ROBERTA METSOLA VA IN PRESSING SU GIORGIA MELONI: LA PRESIDENTE DEL PARLAMENTO EUROPEO, RIELETTA CON UNA MAGGIORANZA RECORD DI 562 VOTI, COMPRESI QUELLI DI ECR, OGGI TELEFONERÀ ALLA DUCETTA PER CONVINCERLA A SMETTERLA DI NICCHIARE E APPOGGIARE APERTAMENTE URSULA VON DER LEYEN – LA DUCETTA È CONSAPEVOLE DELL’IMPORTANZA DI NON AUTOESCLUDERSI, MA È TERRORIZZATA DI PERDERE ECR, DALLA REAZIONE DI SALVINI PRONTO A URLARE ALL’INCIUCIO CON I SOCIALISTI E DALLO ZOCCOLO POST-FASCIO DEL SUO ELETTORATO, DA SEMPRE EURO-SCETTICO – BIDEN O TRUMP? CHIUNQUE VINCA, PER L’UE È FINITA LA PACCHIA DELLA SICUREZZA MILITARE PAGATA DAGLI USA...

DAGOREPORT – LA RESA DEI CONTI TRA BIDEN E OBAMA ARRIVERÀ A FINE LUGLIO, QUANDO SI TIRERANNO LE SOMME SULLA PENURIA DI DONAZIONI: ANCHE UN EVENTUALE SUCCESSO IN POLITICA INTERNAZIONALE (LA TREGUA A GAZA) RISCHIA DI NON ESSERE RISOLUTIVO PER “SLEEPY JOE” – I SONDAGGI CONTINUANO A FOTOGRAFARE UN TESTA A TESTA CON TRUMP: L’ATTENTATO AL TYCOON NON HA SMOSSO TROPPI CONSENSI. ORMAI L’AMERICA, SEMPRE PIÙ POLARIZZATA, RAGIONA SU ALTRI SCHEMI - IN UN PAESE CON 330 MILIONI DI ABITANTI E 450 MILIONI DI ARMI PUO' SUCCEDERE DI TUTTO…

DAGOREPORT - A MEDIASET NULLA SARÀ COME PRIMA: CON PIER SILVIO E MARINA AL COMANDO, TRAMONTA LA STELLA DEL GRAN CAPO DELL'INFORMAZIONE, MAURO CRIPPA (DA OLTRE 25 ANNI SOTTO L'ALA PROTETTIVA DI CONFALONIERI) - NELLA PROSSIMA STAGIONE TV, I CONDUTTORI-ULTRA’ CHE HANNO POMPATO I VOTI DI SALVINI E ORA TIRANO LA VOLATA ALLA MELONI (DEL DEBBIO, PORRO E GIORDANO) DOVRANNO DARSI UNA REGOLATA: PIER SILVIO VUOLE UN BISCIONE PLURALISTA - LO SCAZZO DI “PIERDUDI” CON PAOLO DEL DEBBIO - NICOLA PORRO, SE NON SI TOGLIE IL FEZ, RISCHIA DI PERDERE IL PROGRAMMA: LO STIPENDIO GLIELO PAGA MEDIASET, NON FRATELLI D’ITALIA - SILVIO NON C'E' PIU', CONFALONIERI HA 87 ANNI E CRIPPA INIZIA A PRENDERE CEFFONI: LA CACCIATA DELLA D’URSO E IL LICENZIAMENTO IN TRONCO DI DEL CORNO…