DAGONEWS - DAL ROVENTE DOSSIER DELLE NOMINE PUBBLICHE: RENZI FURIOSO PER ESSERE STATO ESCLUSO DAL PRIMO VERTICE TRA PD E M5S. DA QUI LA MINACCIA DI SFIDUCIARE BONAFEDE - A MUOVERE LE PEDINE C'ERANO CONTE, ZINGARETTI, GUALTIERI E FRACCARO, CHE VUOLE CAMBIARE TUTTI I PRESIDENTI E SOLO DUE AD (PROFUMO E DESCALZI). ZINGARETTI RINVIA LA DECISIONE - CONTE È STREGATO DA D'ALEMA, TANTO DA AVER PROPOSTO…

-

Condividi questo articolo

 

DAGONEWS

 

NICOLA ZINGARETTI E MATTEO RENZI NICOLA ZINGARETTI E MATTEO RENZI

Cosa frulla nella capoccia di Renzi? Perché è così inferocito nei confronti del governo Conte? Certo i sondaggi – ieri a “Cartabianca” – lo vedono affondato al 3,8% ma in termini parlamentari la sua pattuglia è fondamentale per tenere a galla il governo giallo-rosso. C’è però da svelare un goloso retroscena all’origine del Matteo furioso.

 

riccardo fraccaro riccardo fraccaro

La settimana scorsa c’è stata un riservato e rilevante incontro preliminare tra esponenti del PD e M5S dedicato alla prossima informata di ben 400 nomine – dall’Eni all’Enel, da Leonardo a Poste - con l'idea di allargare solo in un secondo momento a Italia Viva e Leu. Arrogance di Rignano lo viene a sapere e s’incazza: al taglio della torta del potere voglio essere presente. Decide di farlo sapere al duo PD-M5S. E subito parte un siluro, ovvero la minaccia di sfiducia individuale nei confronti di Bonafede, ministro della Giustizia e appena nominato capo delegazione dei 5Stelle nel governo Conte-bis.

 

Alla riunione della poltrona bollente i presenti sicuri sono Conte, Zingaretti, Gualtieri e Fraccaro per i 5Stelle. Quest’ultimo teorizza di cambiare tutti i presidenti delle partecipate di Stato (Eni, Poste, Enel, Terna, etc.) e gli amministratori delegati di Leonardo (Alessandro Profumo) e di Eni (Claudio Descalzi).

 

MASSIMO DALEMA GIUSEPPE CONTE MASSIMO DALEMA GIUSEPPE CONTE

Zingaretti rimane silente davanti proposta del sottosegretario grillino e non volendo rompere né discutere con l’alleato di governo, propone di rinviare tutto a una nuova riunione. Nelle more dell’incontro, si è parlato anche di Cdp.

 

A proposito dI Massimo D'alema: alla riunione Conte ha dimostrato, ancora una volta, di essere influenzato non poco dal verbo dalemiano, proponendo il nome di Domenico Arcuri al posto del povero Profumo.

buffagni alessandro profumo buffagni alessandro profumo fabrizio palermo foto di bacco (2) fabrizio palermo foto di bacco (2) DOMENICO ARCURI GIUSEPPE CONTE DOMENICO ARCURI GIUSEPPE CONTE CLAUDIO DESCALZI CLAUDIO DESCALZI

 

Condividi questo articolo

politica

"COSÌ UTILIZZI LO SFINTERE DI UN ALTRO" - FRANCO GABRIELLI SFANCULA IL SALVINI, MINISTRO DELL’INTERNO: “IN UN PAESE NORMALE CI AVREBBERO GIÀ PRESO A CALCI NEL SEDERE" - IL CAPO DELLA POLIZIA AD UN SEMINARIO FORMATIVO PER DIRIGENTI SINDACALI NE SPARA DI TUTTI I COLORI: “LA LEGA AL GOVERNO NON HA CHIUSO GLI UFFICI DELLA POLSTRADA? BEH: GRAZIE, GRAZIELLA E…”, DICE GABRIELLI LASCIANDO IN SOSPESO IL FAMOSO DETTO. E SULLA RICHIESTA DI INVIARE PIÙ PERSONALE, AGGIUNGE: "AH SI? TUA SORELLA. O TUO CUGINO" – VIDEO DELL’AVVELENATA

IL VIRUS SFIDA E WALTER RISPONDE - DAI FILM CON MARIO MEROLA A ESPERTO DI CORONAVIRUS: LA STORIA DI WALTER RICCIARDI MEMBRO ESECUTIVO DELL'ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITÀ E CONSULENTE SPECIALE DEL MINISTRO SPERANZA, CHE NEGLI ANNI '70 HA RECITATO CON GIULIANA DE SIOALIDA VALLIMICHELE PLACIDOSTEFANIA SANDRELLIMARIA SCHNEIDER E SOPRATTUTTO MARIO MEROLA. I RUOLI IN ''L’ULTIMO GUAPPO‘' (1978), ''IL MAMMASANTISSIMA E NAPOLI… LA CAMORRA SFIDA E LA CITTÀ RISPONDE'' (1979)