DAGOREPORT! - IL DUELLO TRA DRAGHI E CONTE SULL’AUMENTO DELLE SPESE MILITARI HA MESSO IN EVIDENZA ALCUNI FATTI MOLTO INTERESSANTI - IERI, INFATTI, SI È VISTO IL NUOVO DRAGHI, REDUCE AMMACCATO DAL FLOP POST-COLLE, QUANDO HA SCARICATO IL FARDELLO A 5STELLE NELLE MANI DI SERGIO MATTARELLA (ORA PENSACI TU) - UN DRAGHI CHE, SENZA LA GUERRA, AVREBBE GIÀ MOLLATO AL SUO DESTINO IL GOVERNO. PER ORA, NON È PER NIENTE SICURO DI ARRIVARE AL VOTO DEL 2023 SEDUTO A PALAZZO CHIGI. MAGARI, UNA VOLTA RAGGIUNTA LA PACE TRA RUSSIA E UCRAINA, CON I PEONES SICURI DEL VITALIZIO (SETTEMBRE), LI ABBANDONERÀ AL LORO DESTINO DI SCAPPATI DI CASA E POTRÀ FINALMENTE RIPOSARSI...

Condividi questo articolo


DAGOREPORT

GIUSEPPE CONTE DOPO L INCONTRO CON MARIO DRAGHI A PALAZZO CHIGI GIUSEPPE CONTE DOPO L INCONTRO CON MARIO DRAGHI A PALAZZO CHIGI

Il duello tra Draghi e Conte sull’aumento del 2% delle spese militari ha messo in evidenza alcuni fatti molto interessanti. Intanto, Mariopio ci teneva a sgualcire la pochette del fu Avvocato del popolo e si era ben preparato all'incontro.

 

Quando, con il tono perfido di chi considera l’interlocutore l’usurpatore del suo trono, lo spodestato Peppiniello ha sibilato: “Siccome siamo il partito di maggioranza relativa alla Camera e al Senato, caro Mario valuta bene il no del M5S, un no che si può ritorcere contro di te”, Draghi ha tirato fuori al volo il consueto ghigno e i resoconti di quando Conte era premier (per mancanza di prove). 

 

mario draghi giuseppe conteu mario draghi giuseppe conteu

Riporta Francesco Bei su “la Repubblica”: L'impegno a portare gradualmente le spese militari al 2 per cento del Pil non è una risposta occidentale all'invasione dell'Ucraina. Nasce almeno tre lustri fa e nel 2019, guidando l'alleanza giallo-rossa, fu l'allora premier Conte, al summit Nato di Londra, a mettere la sua firma in calce alla dichiarazione finale che impegnava l'Italia ad aumentare le spese militari al 2% del Pil. "We must and will do more", dobbiamo fare e faremo di più, scriveva Conte. I massimi senatori 5S, da Taverna a Crimi, mettono oggi per iscritto che bisogna opporsi a questa "scelta scellerata", dimenticando che fu la stessa compiuta dal Conte II. 

 

mattarella draghi mattarella draghi

Conclude Bei: “Con una sottile differenza. Il governo Conte aveva aumentato la spesa militare più di quanto ha fatto il governo Draghi. Un calcolo che una manina di palazzo Chigi si è ieri premurata di mettere nero su bianco. I governi dell'avvocato fecero lievitare le spese militari del 17 per cento, con il governo Draghi questa voce del bilancio registra un aumento del 5,6%”.

 

La replica di Conte ha ripetuto in soldoni ciò che aveva detto in una recente intervista: “Non è una richiesta dei 5Stelle, è la richiesta del popolo italiano”. A quel punto Draghi ha ribadito che non romperà l‘impegno sottoscritto da Conte nel 2019 con la Nato e che avrebbe informato subito il Capo dello Stato.

GIUSEPPE CONTE DOPO L INCONTRO CON MARIO DRAGHI A PALAZZO CHIGI GIUSEPPE CONTE DOPO L INCONTRO CON MARIO DRAGHI A PALAZZO CHIGI

 

Salito al Quirinale, Draghi è stato accolto da un Mattarella in modalità democristo sornione: “vediamo”, “non penso”, “se molti 5Stelle voteranno contro, una parte voterà a favore…”, eccetera. Tale tranquillità da parte della Mummia Sicula nasce dai recenti contatti che il suo segretario generale Ugo Zampetti ha auto con Giorgia Meloni; e quanto prima ci sarà un incontro con la leader del partito di opposizione. 

 

Infatti, nel duello con il premier, Conte aveva mostrato irritazione per il parere positivo dato dal governo all’ordine del giorno dei Fratelli d’Italia, favorevole all’aumento delle spese militari. 

mattarella meloni mattarella meloni

 

L’atteggiamento anti-Nato della Pochette dal volto umano ha origine dalla sua volontà di non perdere consensi dell’ala pacifista dei 5Stelle nella recente votazione che lo ha portato di nuovo alla presidenza del Movimento. 

giorgia meloni applaude mattarella giorgia meloni applaude mattarella

 

Ieri, è apparso anche il nuovo Draghi ammaccato dal flop post-Colle quando ha scaricato il fardello pentastellato nelle mani di Sergio Mattarella. Un Draghi stressato che senza la guerra, avrebbe già mollato al suo destino il governo. Per ora, non è per niente sicuro di arrivare seduto a Palazzo Chigi al voto del 2023. Magari, una volta raggiunta la pace tra Russia e Ucraina, con i peones sicuri del vitaliazio (a settembre), li abbandonerà al loro destino di scappati di casa e potrà finalmente riposarsi con la diletta moglie nel buen retiro umbro.

 

 

Condividi questo articolo

politica

PER CAPIRE IN CHE DIREZIONE VA IL NOSTRO DISGRAZIATO PAESE, PRENDETEVI CINQUE MINUTI E LEGGETE IL REPORTAGE DI CAZZULLO DALL’AUTOGRILL CANTAGALLO – QUELLA VOLTA CHE ALMIRANTE FU CACCIATO E IL “SENTIMENT” DI OGGI: “SECONDO UN SONDAGGIO EMPIRICO DURATO TUTTO IL GIORNO, LA FIAMMA TRICOLORE VELEGGIA TRA L'85 E IL 90%” - IL GIORNALISTA SI È FATTO INGOLOSIRE DA UNO DEGLI ANNUNCI MALIZIOSI TROVATI IN BAGNO: “UNA SCRITTA PROMETTE, COME AI VECCHI TEMPI, PRESTAZIONI SESSUALI DETTAGLIATE. PER PURA CURIOSITÀ GIORNALISTICA CHIAMO IL NUMERO DI CELLULARE INDICATO. MI RISPONDE UNA VOCE CHE...” 

"LAMPADINA" FULMINATA - MA QUALE RANCORE DI LETTA VERSO LE “SCORIE” RENZIANE! SOTTO LA CENERE DEL SILURAMENTO DI LOTTI  PESA LA SUA STORIA GIUDIZIARIA: LOTTI È A PROCESSO NEL CASO CONSIP CON L’ACCUSA DI RIVELAZIONE DI SEGRETO D’UFFICIO - IL RINVIO A GIUDIZIO PER L’INCHIESTA SUI FINANZIAMENTI ALLA FONDAZIONE OPEN (CON RENZI, BOSCHI, CARRAI) - IN ZONA CSM, PRESIEDUTO DA MATTARELLA, NESSUNO HA DIMENTICATO GLI INCONTRI DI LOTTI CON PALAMARA - L'IRA DI BASE RIFORMISTA DI GUERINI E MARCUCCI, LA CORRENTE PIU' NUMEROSA DEL PD, PER LA DECAPITAZIONE DI LOTTI - IL TWEET AL CIANURO DI SANDRA ZAMPA CONTRO L'ERA RENZI: ''VOGLIAMO PARLARE DELLE 5 CANDIDATURE COME CAPOLISTA DI MARIA ELENA BOSCHI E UN COLLEGIO UNINOMINALE A BOLZANO?”