DAGOREPORT – GRANDE STUPORE TRA GLI ADEPTI DI FRANCESCHINI: NEI GIORNI SCORSI “SU-DARIO” HA RIUNITO LA SUA CORRENTE E HA COMUNICATO CHE BISOGNA VOTARE ELLY SCHLEIN. I FRANCESCHINIANI SI SONO SPACCATI IN DUE CON CONTORNO DI PETTEGOLEZZI: IL CAMBIO DI CAVALLO È TUTTA COLPA DEI CONSIGLI DELLA CONSORTE DELL’EX MINISTRO DELLA CULTURA: MICHELA DI BIASE – I NO DI ENZO AMENDOLA E DI “SAD-MAN” ORLANDO E L’INCAZZATURA DEL BONACCIONE BONACCINI CON ENRICO LETTA…

-

Condividi questo articolo


DAGOREPORT

dario franceschini e michela di biase dario franceschini e michela di biase

Nei giorni scorsi Dario Franceschini ha riunito la sua corrente e ha comunicato che bisogna votare Elly Schlein. Gran stupore tra gli adepti franceschiniani perché fino a ieri il candidato alla segreteria del Pd era il sindaco di Firenze Dario Nardella.

 

All’invito di Su-Dario, il primo a prendere le distanze è stato Piero Fassino: la fluida bolognese con tre passaporti (italiano, svizzero e americano) ma priva della tessera del Pd, non conosce il partito, non ha le competenze necessarie. Amen.

 

aboubakar soumahoro elly schlein aboubakar soumahoro elly schlein

Quindi la corrente si è spaccata in due con contorno di pettegolezzi: il cambio di cavallo è tutta colpa dei consigli della consorte di Franceschini, la deputata Michela Di Biase, combattente delle quote rosa.

 

Intanto, Enzo Amendola ha detto ‘’no, grazie” alla candidatura scodellata da Provenzano in quanto appoggiata dal governatore Vincenzo De Luca (acerrimo nemico dei 5stelle) e  da Emiliano (in love con Conte). Idem con patate: “Sad-man” (uomo triste), così viene nomignolato nel Pd Orlando non si vuole presentare. Lui e il compare di merenda Provenzano sono convinti dell’alleanza con M5s perché “noi del Pd abbiamo una struttura, quindi ce li pappiamo con un boccone”.

 

LETTA BONACCINI LETTA BONACCINI

Il dubbio amletico (allearsi o non con i pentastellati) sta portando i Dem alla scissione. Da parte sua il contiano Goffredo Bettini, sepolto il ‘’campolargo’’ di Enrico Letta, si è inventato il “terreno comune” con i 5stelle, dove Conte ha sostituito il doppiopetto con pochette con l’eskimo.

 

goffredo bettini andrea orlando foto di bacco goffredo bettini andrea orlando foto di bacco

Quel bonaccione di Bonaccini, che propugna una alleanza tattica ma non strategica con i grillini, si è incazzato con sotti-Letta, reo di aver messo l’abusivo Roberto Speranza (Articolo Uno) nel comitato della costituente del Pd. Insomma, il peggio deve ancora arrivare….

elly schlein 1 elly schlein 1 LETTA BETTINI BONACCINI LETTA BETTINI BONACCINI peppe provenzano esce da clemente alla maddalena peppe provenzano esce da clemente alla maddalena STEFANO BONACCINI ENRICO LETTA STEFANO BONACCINI ENRICO LETTA elly schlein 2 elly schlein 2 sergio mattarella dario franceschini cerimonia di presentazione dei david di donatello sergio mattarella dario franceschini cerimonia di presentazione dei david di donatello DARIO FRANCESCHINI SERVE AI TAVOLI ALLA FESTA DELL UNITA DARIO FRANCESCHINI SERVE AI TAVOLI ALLA FESTA DELL UNITA

 

Condividi questo articolo

politica

PERCHÉ RENZI SI È TRASFORMATO IN UN ARIETE LANCIATO CONTRO I SERVIZI SEGRETI? - IL LEGALE DEL “PATRIOTA DI RIGNANO”, LUIGI PANELLA, GIÀ DIFENSORE DELLO 007 MARCO MANCINI SINO AL 2014, STA PROVANDO A IMBASTIRE UN PROCESSO PER LA NOSTRA INTELLIGENCE, “COLPEVOLE” DI AVER PREPENSIONATO NEL 2021 IL DIRIGENTE DEL DIS PROPRIO A CAUSA DI QUELL’INCONTRO ALL’AUTOGRILL PROBABILMENTE NON SUFFICIENTEMENTE MOTIVATO TRA UN LEADER DI PARTITO E UN CAPO REPARTO DEL DIS - PARLA L’UOMO CHE A “REPORT” HA CONFERMATO L’IDENTITÀ DI MANCINI: “LE SUE AMBIZIONI ERANO NOTE..”

“I SERVIZI ITALIANI AVEVANO OFFERTO UNA SOFFIATA ESPLOSIVA, CHE COLLEGAVA TRUMP AD ALCUNI SOSPETTI CRIMINI FINANZIARI” – PRESTO, CHIAMATE CONTE E VECCHIONE: IL “NEW YORK TIMES” RIAPRE IL CASO DELLE VISITE DI WILLIAM BARR E JOHN DURHAM A ROMA, NELLA CALDA ESTATE DEL 2019. L'ALLORA SEGRETARIO ALLA GIUSTIZIA E IL PROCURATORE CERCAVANO DETTAGLI SUL “RUSSIAGATE”, CHE TRUMP RITENEVA FOSSE PARTITO DALL’ITALIA (REMEMBER MIFSUD?). INVECE, DAI SERVIZI ITALIANI AVREBBERO RICEVUTO "SOFFIATE" PER SALVARE DA EVENTUALI REATI IL LORO DONALD, QUELLO CHE CHIAMAVA CONTE "GIUSEPPI" AUGURANDOGLI DI RESTARE A PALAZZO CHIGI...

FERMI TUTTI: IL PROGRESSISTA MICHELE SERRA È D’ACCORDO CON IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA NORDIO SULLE INTERCETTAZIONI – “DAI TEMPI DI TANGENTOPOLI LA SINISTRA HA SPOSATO UNA SPECIE DI SCORCIATOIA GIUDIZIARIA. CIÒ CHE NON POTEVA ESSERE AFFRONTATO POLITICAMENTE TROVAVA UNA INSPERATA SOLUZIONE GIUDIZIARIA” – LA STOCCATA AI COLLEGHI GIORNALISTI ACCUSATI DI VOYEURISMO: “LE INTERCETTAZIONI SONO UNO STRUMENTO DI VIOLENZA MEDIATICA. SE IL COLPEVOLE FINISCE IN GALERA O SPUTTANATO SUI GIORNALI, PER LUI QUELLO È RISCHIO D'IMPRESA. MA SE SUCCEDE ALL'INNOCENTE, QUELLO È UN UOMO MORTO…”

COME MAI TUTTA ‘STA PREMURA PER L’ALGERIA? – IN UN ANNO CI SONO STATE BEN QUATTRO CERIMONIE IN ONORE DELL’AMICIZIA TRA L’ITALIA E IL PAESE AFRICANO: DRAGHI, MELONI E MATTARELLA SONO STATI BEN ATTENTI A INCENSARE IL PRESIDENTE TEBBOUNE. LA CONVENIENZA È RECIPROCA. NOI ABBIAMO UN DRAMMATICO BISOGNO DI GAS E LORO DI ARMI - DITE A MELONI & C. CHE LA GEOPOLITICA EUROPEA VUOLE CHE IL PRIMO ACCORDO DEBBA ESSERE FATTO CON LA FRANCIA E L'ALGERIA NON E' BEN VISTA DALLE PARTI DELL'ELISEO...