DAGOREPORT! – COME HA REAGITO IL QUIRINALE AL DISCORSO DI GIORGIA MELONI? AL COLLE NON È PIACIUTA LA POCA CHIAREZZA SUI RAPPORTI CON L’UNIONE EUROPEA. LA DUCETTA INSISTE NEL PARLARE DI NAZIONE, RIFERENDOSI ESCLUSIVAMENTE ALL’ITALIA, MENTRE MATTARELLA INTENDE LA PIÙ AMPIA NAZIONE EUROPEA – IL VERO TIMORE DEL COLLE È LEGATO COMUNQUE ALLA TENUTA DELL’ESECUTIVO, PER VIA DELLA "INSTABILITA'" DI SALVINI E BERLUSCONI. UNO, INSUFFLATO DA FRANCESCA VERDINI, PENSA DI ESSERE UN GRANDE LEADER. L’ALTRO, ORMAI POCO PRESENTE A SE STESSO, È SBALLOTTATO DALLA LOTTA FRATRICIDA RONZULLI-TAJANI – IL SOTTOGOVERNO DEI TROMBATI BY LICIA - IL RUOLO DELLA SOTTOVALUTATA MARTA FASCINA...

-

Condividi questo articolo


DAGONEWS

sergio mattarella giorgia meloni sergio mattarella giorgia meloni

Come ha reagito il Quirinale al discorso di Giorgia Meloni?

 

Al Colle non è piaciuta la poca chiarezza sui rapporti con l’Unione Europea. Mattarella (ma anche Giuliano Amato) confidava in una più precisa apertura della Presidente al dialogo e alla collaborazione con i vertici comunitari e i paesi membri Ue.

 

Quel che non convince i due ottuagenari “guardiani” del Verbo costituzionale riguarda anche il lessico utilizzato da Meloni.

 

Amato Mattarella Amato Mattarella

Le parole sono importanti, lo sappiamo, e quelle scelte da “Donna Giorgia” possono confondere. Mentre lei, quando parla di Nazione, si riferisce esclusivamente all’Italia, loro intendono la più ampia Nazione europea, intesa come comunità omogenea di Stati, frutto del processo di integrazione, avviato ormai da decenni.

 

Ma più delle parole, contano i fatti. La Ducetta ha di fronte un tour de force internazionale, in cui potrà dimostrare la sua totale aderenza alle storiche alleanze euro-atlantiche dell’Italia.

berlusconi meloni salvini alle consultazioni berlusconi meloni salvini alle consultazioni

 

Il vero timore del Quirinale è legato alla tenuta del suo esecutivo, soprattutto per via dell'"instabilità" dei due caballeros Salvini e Berlusconi.

 

Il primo, in cerca di riscatto e di una ritrovata centralità, viene insufflata dalla fidanzatina Francesca Verdini, che ne magnifica le doti da leader e condottiero, lasciandogli immaginare una sua futura riscossa.

 

MEME SU BERLUSCONI NEL TRONO DELLA SALA DELLO ZODIACO MEME SU BERLUSCONI NEL TRONO DELLA SALA DELLO ZODIACO

Il secondo, ormai, è poco presente a se stesso, sballottolato e confuso dalla rivalità interna al suo partito. Senza contare il ruolo della molto sottovalutata Marta Fascina. La finta moglie del Cav ha sempre più influenza tra gli azzurri.

 

Arrivata alla corte di Arcore grazie ai buoni uffici di Licia Ronzulli, di cui è stata assistente ai tempi del Parlamento europeo, la bionda campana allunga i suoi tentacoli e, d’accordo con l’ex infermiera, pianifica le mosse all’interno del partito.

 

Ronzulli, con la distribuzione delle poltrone di sottogoverno, vuole allargare la base del proprio consenso all’interno del partito, sistemando i trombati e portandoli tutti dalla sua parte.

matteo salvini francesca verdini venezia.1 matteo salvini francesca verdini venezia.1

 

Ad esempio, la zarina di Arcore gradirebbe la nomina di Sestino Giacomoni al Mise, ma il ministro Urso traccheggia. “Kiss me Licia” vorrebbe anche il filo-russo Valentino Valentini agli Esteri, ma pesano i no di Meloni e Tajani. Il ministro degli Esteri mugugna ma non sgrugna: a causa del coraggio da semolino, non se la sente di entrare in rotta di collisione con Berlusconi e di sfidare a viso aperto la nemica Ronzulli.

 

 

 

FORZA ITALIA MEME FORZA ITALIA MEME

sergio mattarella giorgia meloni sergio mattarella giorgia meloni sergio mattarella giorgia meloni sergio mattarella giorgia meloni GIURAMENTO GIORGIA MELONI GIURAMENTO GIORGIA MELONI IL GIURAMENTO DI GIORGIA MELONI IL GIURAMENTO DI GIORGIA MELONI sergio mattarella giorgia meloni sergio mattarella giorgia meloni

LICIA RONZULLI GIORGIA MELONI LICIA RONZULLI GIORGIA MELONI ANTONIO TAJANI LICIA RONZULLI ALESSANDRO CATTANEO SILVIO BERLUSCONI AL QUIRINALE PER LE CONSULTAZIONI ANTONIO TAJANI LICIA RONZULLI ALESSANDRO CATTANEO SILVIO BERLUSCONI AL QUIRINALE PER LE CONSULTAZIONI

 

giorgia meloni al senato 2 giorgia meloni al senato 2 matteo salvini francesca verdini venezia matteo salvini francesca verdini venezia

 

 

 

 

Condividi questo articolo

politica