DAGOREPORT! – COME HA REAGITO IL QUIRINALE AL DISCORSO DI GIORGIA MELONI? AL COLLE NON È PIACIUTA LA POCA CHIAREZZA SUI RAPPORTI CON L’UNIONE EUROPEA. LA DUCETTA INSISTE NEL PARLARE DI NAZIONE, RIFERENDOSI ESCLUSIVAMENTE ALL’ITALIA, MENTRE MATTARELLA INTENDE LA PIÙ AMPIA NAZIONE EUROPEA – IL VERO TIMORE DEL COLLE È LEGATO COMUNQUE ALLA TENUTA DELL’ESECUTIVO, PER VIA DELLA "INSTABILITA'" DI SALVINI E BERLUSCONI. UNO, INSUFFLATO DA FRANCESCA VERDINI, PENSA DI ESSERE UN GRANDE LEADER. L’ALTRO, ORMAI POCO PRESENTE A SE STESSO, È SBALLOTTATO DALLA LOTTA FRATRICIDA RONZULLI-TAJANI – IL SOTTOGOVERNO DEI TROMBATI BY LICIA - IL RUOLO DELLA SOTTOVALUTATA MARTA FASCINA...

-

Condividi questo articolo


DAGONEWS

sergio mattarella giorgia meloni sergio mattarella giorgia meloni

Come ha reagito il Quirinale al discorso di Giorgia Meloni?

 

Al Colle non è piaciuta la poca chiarezza sui rapporti con l’Unione Europea. Mattarella (ma anche Giuliano Amato) confidava in una più precisa apertura della Presidente al dialogo e alla collaborazione con i vertici comunitari e i paesi membri Ue.

 

Quel che non convince i due ottuagenari “guardiani” del Verbo costituzionale riguarda anche il lessico utilizzato da Meloni.

 

Amato Mattarella Amato Mattarella

Le parole sono importanti, lo sappiamo, e quelle scelte da “Donna Giorgia” possono confondere. Mentre lei, quando parla di Nazione, si riferisce esclusivamente all’Italia, loro intendono la più ampia Nazione europea, intesa come comunità omogenea di Stati, frutto del processo di integrazione, avviato ormai da decenni.

 

Ma più delle parole, contano i fatti. La Ducetta ha di fronte un tour de force internazionale, in cui potrà dimostrare la sua totale aderenza alle storiche alleanze euro-atlantiche dell’Italia.

berlusconi meloni salvini alle consultazioni berlusconi meloni salvini alle consultazioni

 

Il vero timore del Quirinale è legato alla tenuta del suo esecutivo, soprattutto per via dell'"instabilità" dei due caballeros Salvini e Berlusconi.

 

Il primo, in cerca di riscatto e di una ritrovata centralità, viene insufflata dalla fidanzatina Francesca Verdini, che ne magnifica le doti da leader e condottiero, lasciandogli immaginare una sua futura riscossa.

 

MEME SU BERLUSCONI NEL TRONO DELLA SALA DELLO ZODIACO MEME SU BERLUSCONI NEL TRONO DELLA SALA DELLO ZODIACO

Il secondo, ormai, è poco presente a se stesso, sballottolato e confuso dalla rivalità interna al suo partito. Senza contare il ruolo della molto sottovalutata Marta Fascina. La finta moglie del Cav ha sempre più influenza tra gli azzurri.

 

Arrivata alla corte di Arcore grazie ai buoni uffici di Licia Ronzulli, di cui è stata assistente ai tempi del Parlamento europeo, la bionda campana allunga i suoi tentacoli e, d’accordo con l’ex infermiera, pianifica le mosse all’interno del partito.

 

Ronzulli, con la distribuzione delle poltrone di sottogoverno, vuole allargare la base del proprio consenso all’interno del partito, sistemando i trombati e portandoli tutti dalla sua parte.

matteo salvini francesca verdini venezia.1 matteo salvini francesca verdini venezia.1

 

Ad esempio, la zarina di Arcore gradirebbe la nomina di Sestino Giacomoni al Mise, ma il ministro Urso traccheggia. “Kiss me Licia” vorrebbe anche il filo-russo Valentino Valentini agli Esteri, ma pesano i no di Meloni e Tajani. Il ministro degli Esteri mugugna ma non sgrugna: a causa del coraggio da semolino, non se la sente di entrare in rotta di collisione con Berlusconi e di sfidare a viso aperto la nemica Ronzulli.

 

 

 

FORZA ITALIA MEME FORZA ITALIA MEME

sergio mattarella giorgia meloni sergio mattarella giorgia meloni sergio mattarella giorgia meloni sergio mattarella giorgia meloni GIURAMENTO GIORGIA MELONI GIURAMENTO GIORGIA MELONI IL GIURAMENTO DI GIORGIA MELONI IL GIURAMENTO DI GIORGIA MELONI sergio mattarella giorgia meloni sergio mattarella giorgia meloni

LICIA RONZULLI GIORGIA MELONI LICIA RONZULLI GIORGIA MELONI ANTONIO TAJANI LICIA RONZULLI ALESSANDRO CATTANEO SILVIO BERLUSCONI AL QUIRINALE PER LE CONSULTAZIONI ANTONIO TAJANI LICIA RONZULLI ALESSANDRO CATTANEO SILVIO BERLUSCONI AL QUIRINALE PER LE CONSULTAZIONI

 

giorgia meloni al senato 2 giorgia meloni al senato 2 matteo salvini francesca verdini venezia matteo salvini francesca verdini venezia

 

 

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - EIA EIA ALALA’, VENEZIA ECCOLA QUA: "IL POTERE ORACOLARE DEL CINEMA… SETTIMA ARTE O... DECIMA MUSA?" - CON L’AMPOLLOSISSIMA PRESENTAZIONE (CON PAUSE RITARDANTI E ACCELERAZIONI IMPROVVISE, PIÙ DA TURI PANDOLFINI CHE DA TURI FERRO), ABBIAMO FINALMENTE CAPITO PERCHÉ LA MELONA HA SPEDITO PIETRANGELO BUTTAFUOCO ALLA PRESIDENZA DELLA BIENNALE DARTE: SODDISFARE IL SUO ERUDITO TROMBONISMO DA MEGALOMANE D’ANNUNZIO SICULO-MUSULMANO - SEMMAI, CI CHIEDIAMO: PERCHÉ L’OTTIMO BARBERA, UNO DEI POCHI DIRETTORI DI SINISTRA CAPACE DI ORGANIZZARE UNA MOSTRA D’ARTE CINEMATOGRAFICA PIENA DI STAR E OTTIMI FILM, SI PIEGA AD ACCETTARE DI REGGERE PER DUE ANNI LA RASSEGNA VENEZIANA PRESIEDUTA DAL FILODRAMMATICO AEDO DELLA FUFFA CULTURALE DI DESTRA? – VIDEO STRACULT!

DAGOREPORT - COME SI DICE FORZA ITALIA IN CALABRESE? - L’OBIETTIVO DI MARINA E PIER SILVIO DI PORTARE IL PARTITO AL 20%, TRASFORMANDOLO NELLA “CASA DEI LIBERALI E DEI MODERATI”, DEVE FARE I CONTI NON SOLO CON L’IRRILEVANZA DI LEADERSHIP DI TAJANI MA CON LA CRUDELE REALTÀ - IL 10% INTASCATO DA FORZA ITALIA ALLE EUROPEE APPARTIENE ALLA VECCHIA ARCHITRAVE MERIDIONALISTA: MARTUSCIELLO HA OTTENUTO L’11% IN CAMPANIA, OCCHIUTO IL 18% IN CALABRIA, SCHIFANI IL 23% IN SICILIA. MENTRE NEL LAZIO (REGIONE DEL CIOCIARO TAJANI) ARRIVA AL 4% E NEL NORD EST AL 7% (FLOP DEL BRAND LETIZIA MORATTI) - IL PROBLEMA È CHE I DUE FIGLI DEL CAV, PUR ESSENDO PROPRIETARI DEL PARTITO, NON HANNO RAPPORTI CON I RAS LOCALI CHE, PUR NON GODENDO DI GRANDE CONSIDERAZIONE, SONO QUELLI CHE SPADRONEGGIANO IMPIPANDOSENE ALLEGRAMENTE DELLA “FASE 2” DEL BERLUSCONISMO…

DAGOREPORT - SE TRUMP SI RIPRENDE LA CASA BIANCA, PER LA MELONA LA SITUAZIONE SI FA DIFFICILISSIMA - DENTRO DI SÉ, FA IL TIFO PER KAMALA HARRIS. CON LEI, CHE SEGUIRÀ LE LINEE GUIDA DI BIDEN, AVREBBE UN COLLOQUIO PIÙ AGEVOLE RISPETTO ALL’”AMERICA FIRST” DI TRUMP E VANCE - GIÀ PIOMBATA DA MEGA INCUBI DOMESTICI (FINANZIARIA PER ARIA, MES DA RATIFICARE, PNRR IN GRAVE RITARDO), CON I TRE PARTITI DI GOVERNO IMPEGNATISSIMI A SFANCULARSI OGNI GIORNO, E’ ORMAI CHIARO CHE, DOPO IL SUO NO A URSULA, IL QUARTETTO AL COMANDO, SCHOLZ-MACRON-SANCHEZ-TUSK, MIRA APERTAMENTE A INDEBOLIRE IL GOVERNO DUCIONI CON OGNI AZIONE POLITICA ED ECONOMICA PER CACCIARLO DA PALAZZO CHIGI PRIMA DEL 2027 - SE NON CI PENSA PRIMA UN COLPO DI TESTA DI MATTEO SALVINI APPARECCHIANDO UN SECONDO PAPEETE. COSA CHE POTREBBE ACCADERE IN CASO DI SCONFITTA DEL SUO RIXI ALLE REGIONALI DEL DOPO TOTI IN LIGURIA. AD OGGI I SONDAGGI SONO A FAVORE DELLA SINISTRA…

DAGOREPORT - SONO GIORNI CHE FA UN CALDO DA TOGLIERE IL RESPIRO MA GIORGIA MELONI SUDA FREDDO - GIUNTA A UN BIVIO IN CUI E' DIVENTATO INUTILE IL SUO CAMALEONTISMO DA ATTRICE DI BORGATA, E’ SCOCCATA L’ORA DELLE “DECISIONI IRREVOCABILI” (COME DIREBBERO I SUOI) - LO HA BEN CAPITO IERI, A PALAZZO CHIGI: LA DUCETTA E’ SVENUTA QUANDO IL NEO PRESIDENTE DEL CONSIGLIO EUROPEO, ANTONIO COSTA, HA COMUNICATO CHE IL DIRITTO DI VETO VERRA’ CASSATO: CON IL VOTO ALL’UNANIMITÀ NON SI PUÒ PIÙ GOVERNARE L’UNIONE EUROPEA, NE APPROFITTANO I PICCOLI STATI OSTILI A BRUXELLES PER METTERE IL BASTONE TRA LE RUOTE - È QUELLO CHE SUCCEDE A CHI DIMENTICA IL TERZO PRINCIPIO DELLA DINAMICA: AD OGNI AZIONE CORRISPONDE UNA REAZIONE UGUALE E CONTRARIA. E’ CHIARO CHE IL NO AL BIS DI URSULA CONDANNA IL GOVERNO DUCIONI A UNA EMARGINAZIONE CON ‘’RAPPRESAGLIA’’ SU COMMISSARI E FINANZIARIA. E AL SUO FIANCO, NON C’È PIÙ LA FORZA ITALIA SDRAIATA AI SUOI VOLERI MA UNA LEGA IN MODALITÀ ORBAN-LE PEN OSTILE NEI CONFRONTI DELL’UNIONE EUROPEA CHE MAI, COME NELL’ATTUALE DISORDINE MONDIALE, HA BISOGNO DI ESSERE UNITA PER NON FARSI TROVARE IMPREPARATA DALL’ESITO A NOVEMBRE DELLE PRESIDENZIALI AMERICANE

DAGOREPORT - COME MAI BARACK OBAMA NON SI È ANCORA SCHIERATO AL FIANCO DI KAMALA HARRIS? L’EX PRESIDENTE VUOLE ESSERE IL PAPA CHE DÀ LA BENEDIZIONE FINALE AL TICKET PRESIDENZIALE DEM, E NON SOLO ALLA CANDIDATA. IL GUAIO È TROVARE UN "RUNNING MATE" ADATTO: SERVE UN UOMO BIANCO CHE FACCIA DA CONTRALTARE ALLA DONNA, NERA E IDENTITARIA KAMALA. IN POLE JOSH SHAPIRO, MA IL SUO ESSERE EBREO PORTEBBE INIMICARGLI IL FAVORE DELL'ELETTORATO ARABO E DEI RADICAL FILO-PALESTINESI (OCASIO-CORTEZ E COMPAGNIA) – COME SI È ARRIVATI AL RITIRO DI BIDEN: LO STAFF DI “SLEEPY JOE” GLI HA SOTTOPOSTO DEI SONDAGGI HORROR (ERA A 7 PUNTI DA TRUMP) E IL PRESIDENTE HA CAPITO CHE NON C’ERA PIÙ NIENTE DA FARE…