I DIRIGENTI DIRIGONO I FONDI VERSO I LORO STIPENDI - MARIO GIORDANO: ''MENTRE INFURIA LA CRISI, A PALAZZO CHIGI I 300 DIRIGENTI AVRANNO UN AUMENTO CHE PER ALCUNI ARRIVERÀ A 1.126 EURO AL MESE. MA POI COSA CI FANNO TRECENTO DIRIGENTI A PALAZZO CHIGI?''

-

Condividi questo articolo

Da www.liberoquotidiano.it

giuseppe conte rocco casalino giuseppe conte rocco casalino

 

Un discreto scandalo quello svelato da Mario Giordano. Mentre l'Italia deve fare i conti con la crisi, i vertici della presidenza del Consiglio gonfiano i loro stipendi. "Pioggia di soldi per i 300 dirigenti di Palazzo Chigi che avranno un aumento - rivela il conduttore di Fuori dal Coro, il programma in onda su Rete 4 -. Alcuni anche di 1.126 euro al mese!. Mi viene una rabbia...".

 

 

 

Eppure per Giordano la vera domanda è un'altra: "Ma poi cosa ci fanno 300 dirigenti a Palazzo Chigi?". Sfogo che ha trovato tutto il sostegno di Matteo Salvini. Il leader della Lega ha voluto condividere l'accaduto sulla sua pagina Twitter senza aggiungere nulla. D'altronde il fatto si commenta da solo.

mario giordano mario giordano GIUSEPPE CONTE ROCCO CASALINO GIUSEPPE CONTE ROCCO CASALINO

 

Condividi questo articolo

politica

IL DPCM CHE VERRÀ – BAR E RISTORANTI CHIUSI LA DOMENICA E GIORNI FESTIVI; ORE 18.00 CHIUSURA ALTRI GIORNI; SOSPESI TEATRI E CINEMA; DIDATTICA A DISTANZA SUPERIORE AL 75%; RACCOMANDAZIONE (MA SOLA RACCOMANDAZIONE) SPOSTAMENTO DA PROPRIA RESIDENZA O DOMICILIO SOLO PER MOTIVI DI URGENZA LAVORO E SALUTE; SOSPESI EVENTI E COMPETIZIONI SPORTIVE CHE NON SIANO RICONOSCIUTI DA CONI E FEDERAZIONI... - SE SIAMO ALLA VIGILIA DI UN NUOVO LOCKDOWN LA COLPA È CHE IN ESTATE NESSUNO, NÉ GOVERNO, NÉ REGIONI, HA FATTO NIENTE PER PREVENIRE LA SECONDA ONDATA

IL PAESE DELLO SCARICABARILE - “NON È COLPA DELLA SCUOLA, PERCHE’ - DICEVA LA AZZOLINA - “POSSIAMO INDIVIDUARE TEMPESTIVAMENTE I POSITIVI”. IN UNA SETTIMANA I CONTAGI IN AULA SONO RADDOPPIATI, CON 13 MILA PROF E STUDENTI COINVOLTI. NON È COLPA DEI TRASPORTI PERCHÉ, SECONDO LA DE MICHELI, “AEREI, NAVI, BUS E TRENI HANNO CONTRIBUITO CON LO 0,1% AL CONTAGIO”. NON È COLPA DELLE REGIONI. CHE LAMENTANO POCHE RISORSE, MA HANNO SPESO SOLO 120 DEI 300 MILIONI DISPONIBILI PER POTENZIARE I TRASPORTI. NON È COLPA DI NESSUNO. MA IL LOCKDOWN È PIÙ VICINO”