DITECI PERCHE’ LA FRANCIA HA FATTO GUERRA A GHEDDAFI - “LE MONDE” TORNA A OCCUPARSI DELL’INCHIESTA GIUDIZIARIA, CHE VA AVANTI DA SEI ANNI, SUI PRESUNTI FINANZIAMENTI LIBICI ALLA CAMPAGNA PRESIDENZIALE DI NICOLAS SARKOZY: “GLI INQUIRENTI HANNO ATTENTAMENTE RICOSTRUITO I NUMEROSI VIAGGI A TRIPOLI DI CLAUDÉ GUEANT E BRICE HORTEFEUX, DUE FEDELISSIMI DELL'EX PRESIDENTE, A VOLTE SENZA MISSIONE UFFICIALE…”

-

Condividi questo articolo

sarkozy gheddafi sarkozy gheddafi

(ANSA) - "La giustizia dinanzi ai misteri dei soldi libici": a pochi giorni dalla conferenza internazionale sulla Libia in programma domenica a Berlino, Le Monde torna a puntare i riflettori sull'annosa inchiesta giudiziaria relativa ai presunti finanziamenti libici alla campagna presidenziale di Nicolas Sarkozy. "Da sei anni - scrive Le Monde - la giustizia indaga su eventuali versamenti da parte del clan di Gheddafi per la campagna presidenziale di Nicolas Sarkozy nel 2007. Tra le affermazioni di persone vicine all'ex dittatore e le smentite dei sarkozysti", il giornale fa dunque il punto sull'inchiesta in corso, in un lungo articolo con apertura in prima pagina.

sarkozy gheddafi sarkozy gheddafi

 

Tra l'altro, sottolinea Le Monde, "gli inquirenti hanno attentamente ricostruito i numerosi viaggi a Tripoli di Claudé Gueant e Brice Hortefeux (due fedelissimi dell'ex presidente,ndr.), a volte senza missione ufficiale". L'inchiesta,, scrive, tra l'altro, il giornale, ha inoltre "permesso di tracciare il percorso dei soldi liquidi, ma senza dimostrare che Nicolas Sarkozy ne abbia beneficiato".

 

Condividi questo articolo

politica

QUESTO REGIME SA DI BUFALA - XI ERA A CONOSCENZA DELL'EMERGENZA CORONAVIRUS GIÀ DAL 7 GENNAIO, A DISPETTO DEL PRIMO INTERVENTO UFFICIALE CHE INVECE RISALE AL 20 GENNAIO, QUANDO UNA SUA DIRETTIVA SOLLECITÒ I COMITATI DEL PARTITO COMUNISTA E I GOVERNI DI OGNI LIVELLO ''AD ADOTTARE MISURE ADEGUATE PER FRENARE LA DIFFUSIONE DELL'EPIDEMIA'' - L'AMMISSIONE INVOLONTARIA NELL'ULTIMO NUMERO DELLA RIVISTA DEL PARTITO COMUNISTA CINESE, CHE METTE IN FILA LE DATE. E CON LE SPALLE AL MURO IL PRESIDENTE