DONATELLA DI CESARE NON HA DIFFAMATO LOLLOBRIGIDA! – IL GIUDICE DI ROMA HA DICHIARATO IL NON LUOGO A PROCEDERE PER LA FILOSOFA DELLA SAPIENZA DI ROMA, CHE AVEVA DATO DEL “NEOHITLERIANO” AL COGNATO D’ITALIA, DURANTE UNA TRASMISSIONE TV. PER IL GIUDICE, IL FATTO “NON COSTITUISCE REATO” (UNA BUONA NOTIZIA ANCHE PER LUCIANO CANFORA, CHE HA DATO ALLA MELONI DELLA "NAZISTA NELL'ANIMA") - LA PROFESSORESSA: "MI PREOCCUPA QUESTA TENDENZA A CRIMINALIZZARE IL DISSENSO E LE VOCI CRITICHE"

-

Condividi questo articolo


donatella di cesare donatella di cesare

PROSCIOLTA PROF DELLA SAPIENZA QUERELATA DA LOLLOBRIGIDA

(ANSA) - Il giudice monocratico di Roma ha dichiarato il non luogo a procedere nei confronti di Donatella Di Cesare, docente di filosofia alla Sapienza di Roma, che era accusata di diffamazione dopo una querela presentata dal ministro dell'Agricoltura, Francesco Lollobrigida.

 

Per il giudice il fatto "non costituisce reato". Nel corso di una trasmissione televisiva, commentando le parole di Lollobrigida sulla 'sostituzione etnica', aveva affermato che "quello del ministro non può essere preso per uno scivolone perché ha parlato da Gauleiter, da governatore neohitleriano'.

 

PROF SAPIENZA, 'MI PREOCCUPA LA CRIMINALIZZAZIONE DEL DISSENSO'
(ANSA)
- "Sono molto soddisfatta, perché ho vissuto il processo come una grande ingiustizia, perché il mio era un commento, un parallelo storico e non doveva essere un motivo per un processo.

 

Veramente mi dispiace e mi preoccupa questa tendenza a criminalizzare il dissenso, le voci critiche. Perché l'Italia democratica non merita questo". Lo afferma Donatella Di Cesare, filosofa e docente alla Sapienza di Roma, commentando visibilmente commossa la decisione del giudice monocratico di Roma che l'ha prosciolta dall'accusa di diffamazione ai danni del ministro dell'Agricoltura, Francesco Lollobrigida.

 

" Sono sempre apertissima al dialogo e al confronto democratico su tutto, ritengo che il dialogo sia il cardine della democrazia anche con il ministro Lollobrigida", aggiunge Di Cesare che dopo la sentenza ha mostrato la bandiera dell'Anpi con il tricolore italiano. Nel procedimento la docente era assistita dall'avvocato Mario Casellato.

PRIMO MAGGIO COL FORMAGGIO - MEME BY EMILIANO CARLI PRIMO MAGGIO COL FORMAGGIO - MEME BY EMILIANO CARLI DONATELLA DI CESARE DONATELLA DI CESARE meme sul rafforzino ai capelli di francesco lollobrigida 5 meme sul rafforzino ai capelli di francesco lollobrigida 5 francesco lollobrigida porta la pasta italiana nello spazio meme by sirio 1 francesco lollobrigida porta la pasta italiana nello spazio meme by sirio 1 DONATELLA DI CESARE DONATELLA DI CESARE DONATELLA DI CESARE DONATELLA DI CESARE

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA RUOTA DELLA FORTUNA INIZIA A INCEPPARSI PER MARTA FASCINA. CAPITO CHE TAJANI LA CONSIDERA UN DEPUTATO ABUSIVO, LA “VEDOVA” HA CONFIDATO ALL'AMICO MARCELLO DELL’UTRI CHE AL TERMINE DELLA LEGISLATURA NON SI RICANDIDERÀ IN FORZA ITALIA - ‘’MARTA LA MUTA’’, DOPO AVER INNALZATO ALESSANDRO SORTE A COORDINATORE DELLA LOMBARDIA, SE L'E' RITROVATO COINVOLTO (MA NON INDAGATO) NEL CASO TOTI PER I LEGAMI CON DUE DIRIGENTI DI FORZA ITALIA, A LUI FEDELISSIMI, I GEMELLI TESTA, INDAGATI PER MAFIA - C’È POI MEZZA FAMIGLIA BERLUSCONI CHE SOGNA CHE RITORNI PRESTO A FARE I POMODORINI SOTT’OLIO A PORTICI INSIEME AL DI LEI PADRE ORAZIO, UOMO DI FLUIDE VEDUTE CHE AMMINISTRA IL MALLOPPONE DI 100 MILIONI BEN ADDIVANATO NEGLI AGI DOVIZIOSI DI VILLA SAN MARTINO - SI MALIGNA: FINCHÉ C’È MARINA BERLUSCONI CI SARÀ FASCINA. MA LA GENEROSITÀ DELLA PRIMOGENITA, SI SA, NON DURA A LUNGO... (RITRATTONE AL CETRIOLO DI MARTA DA LEGARE)