FARNESINA ADDIO - COME DAGO-ANTICIPATO L'AMBASCIATORE MICHELE VALENSISE SI DIMETTE A SORPRESA DAL SUO INCARICO DI SEGRETARIO GENERALE DELLA FARNESINA E LASCIA ANCHE IL MINISTERO PER "INTRAPRENDERE NUOVE ESPERIENZE PROFESSIONALI" – PAGA LA MANCATA OPPOSIZIONE A RENZI PER CALENDA AMBASCIATORE A BRUXELLES CHE HA SUSCITATOML'IRA DELLE FELUCHE

Valensise aveva proposto validi candidati interni, ma Renzi ha preferito scelta esterna, giustificata dal momento delicato delle relazioni con Unione Europea. "Una soluzione eccezionale per tempi eccezionali", ha ribadito lo stesso Valensise a commento della scelta del governo....

Condividi questo articolo


DAGOREPORT

 

Michele Valensise Michele Valensise

Come da noi anticipato l'ambasciatore Michele Valensise si dimette a sorpresa dal suo incarico di segretario generale della Farnesina e lascia anche il ministero per "intraprendere nuove esperienze professionali". Pieno riserbo su dove approderà il numero uno delle feluche italiane, ben conosciuto ed apprezzato negli ambienti americani e tedeschi.

 

elena e michele valensise elena e michele valensise

Proprio in Germania, infatti, Valensise ha guidato la nostra ambasciata negli anni di auge di madame Merkel. I ben informati ipotizzano che il prossimo incarico di Valensise verrà proprio da queste geografie. Nelle scorse settimane, Valensise aveva dovuto gestire il "caso Calenda" che ha sollevato perplessità in molti diplomatici per l'inedita scelta di Renzi di aprire le porte dell'ambasciata di Bruxelles ad un "civile" non di carriera.

 

Valensise aveva proposto validi candidati interni, ma Renzi ha preferito scelta esterna, giustificata dal momento delicato delle relazioni con Unione Europea. "Una soluzione eccezionale per tempi eccezionali", ha ribadito lo stesso Valensise a commento della scelta del governo.

 

Il numero uno degli ambasciatori italiani resterà in carica ancora un po', come ha annunciato stamane al Ministro degli Esteri Paolo Gentiloni in un incontro cordiale nel quale il ministro ha espresso un caloroso ringraziamento per la intensa e preziosa collaborazione.

carlo calenda matteo renzi carlo calenda matteo renzi

 

“Sono molto grato all’ambasciatore Valensise – ha dichiarato il Ministro Gentiloni - per il contributo che egli ha fornito con grande senso delle istituzioni, professionalità e impegno all’azione dell’Italia sul piano internazionale e nella gestione e innovazione di una macchina delicata e complessa come la Farnesina e gli faccio i miei migliori auguri e quelli di tutta la Farnesina per il suo futuro”. 

 

Valensise è segretario generale dal luglio 2012 e ha collaborato, oltre che con lo stesso Gentiloni, con gli altri quattro Ministri degli Esteri che si sono susseguiti alla guida politica del Ministero negli anni del suo mandato. Valensise lascia la diplomazia dopo una brillante carriera che lo ha visto, tra l'altro, ricoprire incarichi di rilievo in Italia e all'estero, come Capo del Servizio Stampa, Capo di Gabinetto incaricato d’affari in Libano durante la guerra civile e Ambasciatore a Sarajevo, Brasilia e Berlin

 

Condividi questo articolo

politica

“SE CONTE DECIDESSE DI FARE POLITICA E LASCIASSE IL GOVERNO DRAGHI, SAREI DISPOSTO A DARE UNA MANO” – BOOM! MICHELE SANTORO È PRONTO A SCENDERE (DI NUOVO) IN POLITICA AL FIANCO DI “GIUSEPPI”, MA SOLO SE SI STACCA DA “MARIOPIO” E DAL PD: “IN ITALIA MANCA LA SINISTRA, E NON È UN MISTERO, MA SI PUÒ RICOSTRUIRE UN'OFFERTA PLITICA INTORNO ALLA QUESTIONE DELLA GUERRA" - "SE LA LOGICA È QUELLA DI CASALINO, UNA ‘CASETTA NUOVA’ PER LA ‘MERCANZIA VECCHIA’, NON CI CASCA NESSUNO. NIENTE STAMPELLE AL PD. IO CI CREDO. CONTE È ARRIVATO IN POLITICA PER GENTILE CONCESSIONE, MA NON CI PUÒ RESTARE A LUNGO. O LA FA, LA POLITICA, O NON ESISTERÀ PIÙ”

“SIAMO SICURI CHE UN PO’ DI PUTIN NON CI SERVIREBBE” – MATTIA FELTRI PROVA A RICAPITOLARE I PUNTI SALIENTI DELLO PSICODRAMMA CONTE-GRILLO-TRAVAGLIO: “PARE CHE DRAGHI ABBIA CALDEGGIATO LA RIMOZIONE DI GIUSEPPE CONTE. PARE, PERCHÉ DRAGHI NEGA. A CONFERMARE SONO LO STESSO CONTE E UNA SETTANTINA DI PARLAMENTARI E AMICI” – “IL PREMIER DECIDE DI AFFRETTARE IL RITORNO A ROMA DA MADRID. CONTE ANNUNCIA IL DRAMMATICO FACCIA A FACCIA: CI VEDIAMO OGGI. DRAGHI HA UN'IDEA DIVERSA: NON NE SO NULLA. SERVE ALMENO UN'ALTRA…”

ERDOGAN ABBAIA E MORDE – LUCIO CARACCIOLO: “È STATO IL PROTAGONISTA DEL VERTICE NATO DI MADRID. STA TESSENDO LA TRAMA DI UNA SFERA D'INFLUENZA AMPLISSIMA. IL SUO RAGGIO D'AZIONE VA DALLA TRIPOLITANIA AL CORNO D'AFRICA, DAI BALCANI ALL'AZERBAIJAN, CON PERNO SUL GRANDE MEDITERRANEO. OBIETTIVO, EMANCIPARSI DAL VINCOLO ANATOLICO PER AFFERMARSI POTENZA ANCHE MARITTIMA, CAPACE DI SPINGERSI VERSO LE GRANDI ROTTE OCEANICHE. LÌ DOVE SI GIOCA LA PARTITA STRATEGICA CHE DECIDERÀ IL FUTURO DI QUESTO SECOLO: LO SCONTRO FRA AMERICA E CINA” –