FARNESINA ADDIO - COME DAGO-ANTICIPATO L'AMBASCIATORE MICHELE VALENSISE SI DIMETTE A SORPRESA DAL SUO INCARICO DI SEGRETARIO GENERALE DELLA FARNESINA E LASCIA ANCHE IL MINISTERO PER "INTRAPRENDERE NUOVE ESPERIENZE PROFESSIONALI" – PAGA LA MANCATA OPPOSIZIONE A RENZI PER CALENDA AMBASCIATORE A BRUXELLES CHE HA SUSCITATOML'IRA DELLE FELUCHE

Valensise aveva proposto validi candidati interni, ma Renzi ha preferito scelta esterna, giustificata dal momento delicato delle relazioni con Unione Europea. "Una soluzione eccezionale per tempi eccezionali", ha ribadito lo stesso Valensise a commento della scelta del governo....

Condividi questo articolo


DAGOREPORT

 

Michele Valensise Michele Valensise

Come da noi anticipato l'ambasciatore Michele Valensise si dimette a sorpresa dal suo incarico di segretario generale della Farnesina e lascia anche il ministero per "intraprendere nuove esperienze professionali". Pieno riserbo su dove approderà il numero uno delle feluche italiane, ben conosciuto ed apprezzato negli ambienti americani e tedeschi.

 

elena e michele valensise elena e michele valensise

Proprio in Germania, infatti, Valensise ha guidato la nostra ambasciata negli anni di auge di madame Merkel. I ben informati ipotizzano che il prossimo incarico di Valensise verrà proprio da queste geografie. Nelle scorse settimane, Valensise aveva dovuto gestire il "caso Calenda" che ha sollevato perplessità in molti diplomatici per l'inedita scelta di Renzi di aprire le porte dell'ambasciata di Bruxelles ad un "civile" non di carriera.

 

Valensise aveva proposto validi candidati interni, ma Renzi ha preferito scelta esterna, giustificata dal momento delicato delle relazioni con Unione Europea. "Una soluzione eccezionale per tempi eccezionali", ha ribadito lo stesso Valensise a commento della scelta del governo.

 

Il numero uno degli ambasciatori italiani resterà in carica ancora un po', come ha annunciato stamane al Ministro degli Esteri Paolo Gentiloni in un incontro cordiale nel quale il ministro ha espresso un caloroso ringraziamento per la intensa e preziosa collaborazione.

carlo calenda matteo renzi carlo calenda matteo renzi

 

“Sono molto grato all’ambasciatore Valensise – ha dichiarato il Ministro Gentiloni - per il contributo che egli ha fornito con grande senso delle istituzioni, professionalità e impegno all’azione dell’Italia sul piano internazionale e nella gestione e innovazione di una macchina delicata e complessa come la Farnesina e gli faccio i miei migliori auguri e quelli di tutta la Farnesina per il suo futuro”. 

 

Valensise è segretario generale dal luglio 2012 e ha collaborato, oltre che con lo stesso Gentiloni, con gli altri quattro Ministri degli Esteri che si sono susseguiti alla guida politica del Ministero negli anni del suo mandato. Valensise lascia la diplomazia dopo una brillante carriera che lo ha visto, tra l'altro, ricoprire incarichi di rilievo in Italia e all'estero, come Capo del Servizio Stampa, Capo di Gabinetto incaricato d’affari in Libano durante la guerra civile e Ambasciatore a Sarajevo, Brasilia e Berlin

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ANCHE ROBERTA METSOLA VA IN PRESSING SU GIORGIA MELONI: LA PRESIDENTE DEL PARLAMENTO EUROPEO, RIELETTA CON UNA MAGGIORANZA RECORD DI 562 VOTI, COMPRESI QUELLI DI ECR, OGGI TELEFONERÀ ALLA DUCETTA PER CONVINCERLA A SMETTERLA DI NICCHIARE E APPOGGIARE ANCHE URSULA VON DER LEYEN – LA MELONI È CONSAPEVOLE DELL’IMPORTANZA DI NON AUTOESCLUDERSI, MA È TERRORIZZATA DALLA REAZIONE DI SALVINI, PRONTO A URLARE ALL’INCIUCIO CON I SOCIALISTI, E DAL SUO ELETTORATO EURO-SCETTICO – BIDEN O TRUMP? CHIUNQUE VINCA, PER L’UE È FINITA LA PACCHIA DELLA SICUREZZA PAGATA DAGLI USA...

DAGOREPORT – LA RESA DEI CONTI TRA BIDEN E OBAMA ARRIVERÀ A FINE LUGLIO, QUANDO SI TIRERANNO LE SOMME SULLA PENURIA DI DONAZIONI: ANCHE UN EVENTUALE SUCCESSO IN POLITICA INTERNAZIONALE (LA TREGUA A GAZA) RISCHIA DI NON ESSERE RISOLUTIVO PER “SLEEPY JOE” – I SONDAGGI CONTINUANO A FOTOGRAFARE UN TESTA A TESTA CON TRUMP: L’ATTENTATO AL TYCOON NON HA SMOSSO TROPPI CONSENSI. ORMAI L’AMERICA, SEMPRE PIÙ POLARIZZATA, RAGIONA SU ALTRI SCHEMI - IN UN PAESE CON 330 MILIONI DI ABITANTI E 450 MILIONI DI ARMI PUO' SUCCEDERE DI TUTTO…

DAGOREPORT - A MEDIASET NULLA SARÀ COME PRIMA: CON PIER SILVIO E MARINA AL COMANDO, TRAMONTA LA STELLA DEL GRAN CAPO DELL'INFORMAZIONE, MAURO CRIPPA (DA OLTRE 25 ANNI SOTTO L'ALA PROTETTIVA DI CONFALONIERI) - NELLA PROSSIMA STAGIONE TV, I CONDUTTORI-ULTRA’ CHE HANNO POMPATO I VOTI DI SALVINI E ORA TIRANO LA VOLATA ALLA MELONI (DEL DEBBIO, PORRO E GIORDANO) DOVRANNO DARSI UNA REGOLATA: PIER SILVIO VUOLE UN BISCIONE PLURALISTA - LO SCAZZO DI “PIERDUDI” CON PAOLO DEL DEBBIO - NICOLA PORRO, SE NON SI TOGLIE IL FEZ, RISCHIA DI PERDERE IL PROGRAMMA: LO STIPENDIO GLIELO PAGA MEDIASET, NON FRATELLI D’ITALIA - SILVIO NON C'E' PIU', CONFALONIERI HA 87 ANNI E CRIPPA INIZIA A PRENDERE CEFFONI: LA CACCIATA DELLA D’URSO E IL LICENZIAMENTO IN TRONCO DI DEL CORNO…

DAGOREPORT - I FRATELLINI D’ITALIA VARANO TELE-MELONI CON GIAMPAOLO ROSSI SEDUTO SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO E SIMONA AGNES (IN QUOTA FORZA ITALIA) ALLA PRESIDENZA - ALLA LEGA, CHE VUOLE LA DIREZIONE GENERALE, NIENTE. SALVINI S'INCAZZA DI BRUTTO E SFANCULA I MELONI DI VIALE MAZZINI: LE NOMINE RAI RISCHIANO DI SALTARE A SETTEMBRE - LA DAGO-INDISCREZIONE DI UNA TRATTATIVA IN CORSO PER UN TRASLOCO DI FIORELLO A DISCOVERY NON HA FATTO PER NIENTE PIACERE (EUFEMISMO) ALLA MELONA. C’È UN ANTICO AFFETTO E SIMPATIA TRA FIORELLO E L’EX BABY SITTER DELLA FIGLIA OLIVIA DIVENTATA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. ED È SUBITO PARTITA UNA TELEFONATA DELLA MELONA AI “SUOI” DIRIGENTI RAI: IL SUO “FIORE ALL’OCCHIELLO” DEVE RESTARE IN AZIENDA A QUALSIASI COSTO…

DAGOREPORT - GIORGIA MELONI È AL SUO PIÙ IMPORTANTE BANCO DI PROVA: IL VOTO PER L’ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE DEFINIRÀ IL SUO PROFILO INTERNAZIONALE. FARÀ UNO SCATTO DA STATISTA, METTENDO GLI INTERESSI ITALIANI AL CENTRO E VOTANDO PER LA RICONFERMA DI URSULA VON DER LEYEN O DIRÀ “NO, GRAZIE”, IN VERSIONE RAMBA DELLA GARBATELLA, SPINGENDO L’ITALIA IN UN MARE DI GUAI? - DAL MES AL PATTO DI STABILITA’, DALLA FINANZIARIA AL POSTO DA COMMISSARIO, CON BRUXELLES BISOGNERA’ TRATTARE: MEGLIO FARLO DA AMICO CHE DA NEMICO - LA SPINTA DI CONFINDUSTRIA, TAJANI E CROSETTO: GIORGIA, VOTA URSULA…