FERRARA: “DARIO FO? SPREGEVOLE FIANCHEGGIATORE DELLE BRIGATE ROSSE. MA NON ERA A SALO'?” - “CHI VOTA GRILLO E' UN PO' COGLIONE” - “IMU TASSA SACROSANTA, SE SILVIO ME LA RESTITUISCE RIMANDO INDIETRO I SOLDI” - “LETTERA SU IMU? GENIALE, COME TOTO’-TRUFFA” - “VOTO BERLUSCONI VERGOGANDOMI” – “BERSANI È UNA PERSONA SERIA, CHE GOVERNEREBBE IN MODO PIÙ ORDINATO DI BERLUSCONI” - “MAI VOTEREI PER INGROIA, NEMMENO SE MI TORTURASSERO COL WATERBOARDING”….

Condividi questo articolo



"Quelli che votano Grillo sono i seguaci di una maschera, sono un po' coglioni. Non lo dico con antipatia ma scegliere lui mi sembra una coglionata. Quando sento Grillo e la sua violenza, quando parla di marcetta su Roma e poi arrendetevi, vi apriremo come una scatola di tonno, e tutta quella roba muscolare e feroce mi fa rimpiangere Flaminio Piccoli, vorrei il ritorno della prima parte della Prima repubblica, con Fanfani e Moro vivo".

girotondo 21 fo ciotti ramegirotondo 21 fo ciotti rameGIULIANO FERRARA ANSELMA DELLOGLIOGIULIANO FERRARA ANSELMA DELLOGLIO

Lo dice Giuliano Ferrara, direttore del Foglio, a La Zanzara su Radio24. Ferrara se la prende anche con Dario Fo, il premio Nobel che era sul palco di piazza del Duomo con Grillo: "Un insopportabile trombone, il Nobel è come una malattia che ti inoculano nel cervello e nella voce. Invoca il dopoguerra e la Liberazione, ma lui non era nella Repubblica di salò?

Fo quando uno lo ricorda querela sempre. E poi negli anni '70 fu uno spregevole fiancheggiatore delle Brigate Rosse, uno di quelli che attaccavano i magistrati che venivano rapiti, la pietà per il povero Pinelli diventava un'accusa per il commissario Calabresi. E' uno di quelli che sta sempre di lato e tromboneggia".

beppe-grillo-cagliari-fotobeppe-grillo-cagliari-foto

"Se Berlusconi si azzarda a restituirmi l'Imu gliela rimando indietro infiocchettata. Gli esperti hanno fatto i calcoli ed è una balla, una bugia orrenda quella che dice. La lettera agli italiani è propaganda geniale ma al limite, tipo Totò-truffa". Così Giuliano Ferrara, direttore del Foglio, a La Zanzara su Radio 24.

FERRARA E BERLUSCONIFERRARA E BERLUSCONI

"Un terzo è esente, ci sono fior di detrazioni e la media è di 270 euro, - dice ancora Ferrara - e colpisce il ceto medio che se la può permettere, in parte composto da evasori fiscali. E' una tassa sacrosanta, dovrebbero metterne due, anzi tre. Io manco lo so quanto ho pagato, ho una casa al Testaccio di 170 metri quadrati e una in campagna". "Lo voto - dice Ferrara - ma mi vergogno di votare separandomi dalla ragione, è un voto per amicizia. Bersani è una persona seria, che governerebbe in modo più ordinato di Berlusconi. Ma io sono uno di quelli che vota con la pancia, non è qualcosa di razionale".

Bill Emmott Annalisa Piras e Antonio IngroiaBill Emmott Annalisa Piras e Antonio Ingroia

"Votare per Ingroia? Neanche sotto tortura - dice ancora Ferrara - hai presente il waterboarding, quando ti mettono l'asciugamano sulla faccia. E' molto peggio di Grillo, che è un grande oratore mentre Ingroia è un addormentato. E uno che aggiunge allo spirito manettaro la noia è bestiale".

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – SALUTAME A CINECITTÀ: LA HOLLYWOOD DE’ NOANTRI TRASLOCA IN SICILIA – SE IL TAORMINA FILM FEST CHIAMA MARCO MÜLLER, A SIRACUSA SI APRONO GLI “STATI GENERALI DEL CINEMA”. UNA VACANZA A 5 STELLE PER UNA MAREA DI ADDETTI AI LAVORI (DA BUTTAFUOCO A MONDA, DA MUCCINO A CASTELLITTO, CRONISTI COMPRESI), PAGATA DALLA REGIONE (SCHIFANI) ED ENIT (SANTANCHE'), E SENZA COINVOLGERE QUEI BURINI DI SANGIULIANO E BORGONZONI, CHE HA LA DELEGA IN MATERIA DI CINEMA - SE FOSSE COSTRETTA ALLE DIMISSIONI, LA PITONESSA FA CIAK?...

“IL FOGLIO” METTE IL DITO NELLA PIAGA: “LAUDATI RIVELA CHE NESSUN ACCERTAMENTO NEI CONFRONTI DI CROSETTO È MAI STATO EFFETTUATO DALL’UFFICIO SOS DELLA PROCURA ANTIMAFIA: GLI ACCESSI SONO STATI EFFETTUATI SULLA BANCA DATI IN DOTAZIONE ALLA GUARDIA DI FINANZA, NEI CUI UFFICI PASQUALE STRIANO LAVORAVA TRE GIORNI A SETTIMANA” - ERGO: STRIANO ERA AL SERVIZIO DI DUE PADRONI: FINANZA E MAGISTRATURA; UN RUOLO AMBIVALENTE CHE GLI PERMETTEVA DI NON RENDERE CONTO A NESSUNO DEI SUOI ACCESSI ABUSIVI ALLE BANCHE DATI, FINO A QUANDO QUALCUNO DEI SERVIZI SEGRETI AVVERTÌ IL MINISTRO DELLA DIFESA CROSETTO CHE FECE L’ESPOSTO CHE DETTE VITA ALLO SCANDALO - CHI SI È INVENTATO IL DUPLEX FINANZA-DNA CHE VA AL DI LÀ DELLE PREROGATIVE DI LEGGE, QUINDI ILLEGALE? - PERCHE' LA MELONIANA CHIARA COLOSIMO NON HA ANCORA SENTITO IL BISOGNO DI INTERROGARE NON SOLO STRIANO, MA SOPRATTUTTO GIUSEPPE ZAFARANA, IL COMANDANTE GENERALE DELLE FIAMME GIALLE DAL 2019 AL 2023, DA CUI STRIANO ERA ALLE DIPENDENZE?

FLASH! – MENTRE TANTI CIANCIANO DEL TENERO PIER SILVIO A CAPO DI FORZA ITALIA (SUPREMA CAZZATA), NESSUNO SI È ACCORTO CHE IL VERO EREDE DI SILVIO BERLUSCONI SI CHIAMA MARINA. E’ LEI CHE HA DATO L’ORDINE ALL’INFORMAZIONE MEDIASET DI FINIRLA CON LE POMPE IN GLORIA DELLA MELONA. NON SOLO. APPROFITTANDO DELLA PRESENTAZIONE ROMANA DEL FILM SU ENNIO DORIS, SI E’ SPARATA LA SUA PRIMA “ARRINGA” IN VISTA DELLE EUROPEE. BERSAGLIO: GIORGIA E MATTEO: “VOTARE FORZA ITALIA SIGNIFICA VOTARE PER CHI AVRÀ UN RUOLO DA PROTAGONISTA: È L’UNICO A FAR PARTE DELLA GRANDE FAMIGLIA DEL PPE”