FLASH! C’E’ QUALCOSA DI NUOVO, ANZI DI NOVARI NELL’ARIA – IN POLE PER IL RUOLO DI CEO DI MILANO-CORTINA 2026 C’E’ VINCENZO NOVARI, EX AD DI "3" – SULLA SCELTA DEL SUPERMANAGER SI E’ ACCESO LO SCONTRO TRA MALAGO’ (CHE PUNTAVA SUL PRESIDENTE E AD DI LAMBORGHINI, STEFANO DOMENICALI, EX FERRARI) E SPADAFORA (CHE PREFERIVA TOM MOCKRIDGE, EX BRACCIO DESTRO DI MURDOCH A 'SKY')

-

Condividi questo articolo

malagò malagò Il Presidente del Coni Giovanni Malagò Foto Mezzelani GMT 07 Il Presidente del Coni Giovanni Malagò Foto Mezzelani GMT 07 Il Presidente del Coni Giovanni Malagò Foto Mezzelani GMT 04 Il Presidente del Coni Giovanni Malagò Foto Mezzelani GMT 04 Il Presidente del Coni Giovanni Malagò Foto Mezzelani GMT 03 Il Presidente del Coni Giovanni Malagò Foto Mezzelani GMT 03 Il Presidente del Coni Giovanni Malagò Foto Mezzelani GMT 05 Il Presidente del Coni Giovanni Malagò Foto Mezzelani GMT 05

spadafora barelli giorgetti 1 spadafora barelli giorgetti 1 spadafora spadafora NOVARI NOVARI

 

Condividi questo articolo

politica

IL RITORNO DEL VECCHIO KAHN-KAHN - ''LA SOLUZIONE ALLA CRISI SONO I BOND PERPETUI''. L'EX CAPO DEL FONDO MONETARIO INTERVISTATO DAL ''CORRIERE'' CON IL BOSS DI ''LE MONDE'' MATTHIEU PIGASSE, UN SUO PUPILLO: ''LA SITUAZIONE ECONOMICA È PIÙ GRAVE DI QUEL CHE SI DICE. L'AZIONE RESTA INSUFFICIENTE, LA SOLIDARIETÀ EUROPEA INADEGUATA. I BOND PERPETUI CON INTERESSE ALLO 0,5% POTREBBERO FORNIRE FACILMENTE I 1.000 MILIARDI NECESSARI. SI METTE IN COMUNE SOLO UN' OBBLIGO DI PAGARE 5 MILIARDI L'ANNO SU RISORSE PROPRIE. ANCHE I "PAESI FRUGALI" POTREBBERO ACCETTARLO''

PREGARE LA MADONNA IN DIFFERITA - DON FILIPPO DI GIACOMO DURISSIMO CON CHI HA ORGANIZZATO LA PREGHIERA DEL 1 MAGGIO SU TV2000, CHE DOVEVA AFFIDARE L'ITALIA ALLA MADONNA ''IN DIRETTA'' DAL SANTUARIO DI CARAVAGGIO. IN REALTÀ È STATA REGISTRATA IL 27 APRILE, PER ''UNA QUESTIONE DI COSTI''. ''IL SOLITO QUERULO E IMPROVVISATO GENIO DELLA COMUNICAZIONE CEI, CHE CON GLI ALTRI CATTOLICI DI PROFESSIONE HA TURLUPINATO FEDE E SENTIMENTI ALTRUI, E NONOSTANTE QUESTO LA CHIESA CONTINUA A PAGARE LORO LO STIPENDIO''