GIUSTIZIA AMARA – IL VICEPRESIDENTE DEL CSM DAVID ERMINI TIRA IN MEZZO MATTARELLA NELLA VICENDA DEI VERBALI SULLA LOGGIA UNGHERIA: “PARLAI AL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. RIFERII TUTTO QUELLO CHE MI DISSE DAVIGO E LUI NON FECE COMMENTI” – “SECONDO ME FU UNA CONFIDENZA CHE IL CONSIGLIERE DAVIGO VOLLE FARMI. MI CONSEGNÒ QUEI VERBALI, LI PRESI PER FARGLI UNA CORTESIA MA LI CESTINAI PERCHÉ ERANO IRRICEVIBILI. DAVIGO MI CHIESE DI AVVISARE IL PRESIDENTE MATTARELLA, E IO CONCORDAI"

-

Condividi questo articolo


SERGIO MATTARELLA DAVID ERMINI SERGIO MATTARELLA DAVID ERMINI

1 - CASO AMARA: ERMINI, RIFERII AL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

 (ANSA) - "Parlai al presidente della Repubblica. Riferii tutto quello che mi disse Davigo e lui non fece commenti". Lo ha detto in aula a Brescia David Ermini, vicepresidente del Csm sentito come teste al processo nei confronti di Pier Camillo Davigo, ex componente del Csm imputato per il caso dei verbali di Piero Amara sulla presunta loggia Ungheria.

PIERO AMARA PIERO AMARA

 

Ermini ha raccontato di essere andato al Quirinale, per una visita già programmata, nella quale parlò anche del caso Milano e delle dichiarazioni rese ai pm da Amara.

 

2 - CASO AMARA: ERMINI, EBBI VERBALI IN VIA CONFIDENZIALE

 (ANSA) - "Secondo me fu una confidenza che il consigliere Davigo volle farmi. Mi consegnò quei verbali, li presi per fargli una cortesia ma li cestinai perché erano irricevibili". Lo ha spiegato in aula a Brescia il vicepresidente del Csm David Ermini sentito come teste al processo in cui Pier Camillo Davigo è imputato per il caso Amara.

piercamillo davigo in tribunale a brescia per il caso amara 1 piercamillo davigo in tribunale a brescia per il caso amara 1

 

Ermini ha spiegato che dopo un primo incontro il 4 maggio 2020 in cui Davigo gli chiese "di avvisare il presidente Mattarella, e io concordai", ci fu un secondo colloquio qualche giorno dopo in cui Davigo gli consegnò una cartelletta con dentro copia dei verbali stampati sulla presunta loggia Ungheria, "tutti fogli non firmati, solo alcuni con intestazione Procura della Repubblica", ritenuti "atti informali e inutilizzabili", che quindi non potevano far ingresso al Csm. Ermini ha sostenuto che questo secondo incontro fu in sostanza confidenziale.

piero amara 6 piero amara 6 David Ermini David Ermini david ermini david ermini david ermini sergio mattarella al csm david ermini sergio mattarella al csm david ermini foto di bacco david ermini foto di bacco sergio mattarella david ermini giovanni salvi sergio mattarella david ermini giovanni salvi videoregistrazione di piero amara 6 videoregistrazione di piero amara 6

 

Condividi questo articolo

politica

“SGHEI” PRIDE! – DOPO LA TRAGEDIA DEL PONTE MORANDI, A GENOVA È NATO UN NUOVO SISTEMA DI POTERE, BASATO SU UNA VALANGA DI SOLDI ARRIVATI DALL’ITALIA E DALL’EUROPA – FERRUCCIO SANSA, EX GIORNALISTA E CONSIGLIERE REGIONALE DI OPPOSIZIONE: “6 MILIARDI, FORSE IN FUTURO ADDIRITTURA 8, PER REALIZZARE OPERE, MA SOPRATTUTTO PER CEMENTARE UN SISTEMA DI POTERE. PER COSTRUIRE E COMPRARE CONSENSO. IL MODELLO GENOVA ESISTE, HA RAGIONE BUCCI. MA NON È QUELLO CHE PROPINA LUI" - GLI SPOT CON LA CANALIS, LE MAGLIETTE E LA CAMPAGNA ELETTORALE

LA FIAMMA RESTA ACCESA – GIORGIA MELONI LASCIA INVARIATO IL SIMBOLO DI FRATELLI D’ITALIA E REPLICA A LILIANA SEGRE: “LA FIAMMA NON HA NULLA A CHE FARE CON IL FASCISMO, È IL RICONOSCIMENTO DEL PERCORSO FATTO DA UNA DESTRA DEMOCRATICA E NE ANDIAMO FIERI” – POI METTE UNA TOPPA ALL’USCITA DI BERLUSCONI SU MATTARELLA: “ENTRERÀ IN VIGORE NELLA LEGISLATURA SUCCESSIVA. UNA BICAMERALE? PERCHÉ NO. IL PD NON VUOLE CONTRO IL PRESIDENZIALISMO, PERCHÉ A QUEL PUNTO DOVRANNO VINCERE…”

DAGOREPORT! CRONACHE DALL’ASILO MARIUCCIA A 5 STELLE - IL PROSSIMO MATCH TRA GRILLO E CONTE È IN AGENDA DOPO IL 25 SETTEMBRE: SE IL MOVIMENTO VA SOTTO IL 10% E PERSISTERANNO GLI ATTUALI SCAZZI TRA IL FONDATORE E L’AVVOCATO, CON IL COMPLEMENTO IN CHIAVE ESTREMISTICA DELLA RAGGI E DI BATTISTA, CONTE POTREBBE RIPETERE L’ITER DI DI MAIO: SCISSIONE, PORTANDOSI APPRESSO UNA PATTUGLIA DI PARLAMENTARI FEDELISSIMI - UNA VOLTA FUORI, GIUSEPPI SARÀ LIBERO, IN TESTA AL SUO NUOVO PARTITO, DI CORRERE TRA LE BRACCIA DI BETTINI E ZINGARETTI, ORLANDO E BOCCIA, CHE LO ATTENDONO IMPAZIENTI…