GUAI A CHIEDERE AI RADICAL CHIC CHI VOTEREBBERO OGGI IN GRECIA - LIDIA RAVERA: “LA MIA PARTE LIRICA, DI SINISTRA, VOTEREBBE PER TSIPRAS. MA OGGI IL REALISMO, CHE È PER L’EUROPA UNITA, MI FAREBBE VOTARE SÌ. STANDO MALISSIMO”

Carmen Llera Moravia: ‘’Varoufakis scenda dalla moto e ragioni’’ - Renzo Arbore: “Voto Sì perché ho studiato il greco e ho letto tutti i libri di Luciano De Crescenzo” - Giuseppe De Rita: “Non voterei. Fossi greco, sarei arrabbiato con chi me lo chiede”…

Condividi questo articolo


lidia ravera lidia ravera

Corriere.it

 

Abbiamo chiesto ad artisti e intellettuali italiani di vestire per un giorno i panni di un cittadino greco e di provare a scegliere tra un Sì (Nai) e un No (Oxi) al referendum sull’accettazione delle nuove misure d’austerity da parte di Atene. Questi gli schierati a favore.??

 

Ennio Morricone, compositore: «Voterei sì affinché Atene resti in Europa. Per la Grecia di oggi scriverei un brano drammatico e dissonante»

 

Gene Gnocchi, comico: «Credo sia giusto votare Sì anche da un punto di vista etico. Il debito va pagato, seppure ristrutturato. È pericoloso uscire dall’euro»

 

Carmen Llera Moravia, scrittrice: «Dico Sì perché l’Unione europea, pur imperfetta, è l’unica cosa che abbiamo. Varoufakis scenda dalla moto e ragioni»

 

CARMEN LLERA MORAVIA CARMEN LLERA MORAVIA

Renzo Arbore, showman: «Voto Sì perché ho studiato il greco e ho letto tutti i libri di Luciano De Crescenzo. E che la Grecia esca dall’Europa mi terrorizza»

 

Franco Zeffirelli, regista: «Malgrado i suoi comportamenti, vorrei che la Grecia fosse ancora guida di democrazia. E su quali binari può viaggiare se non dell’Ue? Dico sì»

 

Federico Moccia, scrittore: «Penso che votare Sì sia l’unica soluzione. Uscire dallo scenario europeo per i greci sarebbe una scelta troppo complicata»

 

Ivan Lo Bello, imprenditore: «Voterei Sì, perché il No mi sembra un voto surreale e la vittoria del No metterebbe a rischio la situazione attuale»

 

Lidia Ravera, scrittrice: «La mia parte lirica, di sinistra, voterebbe per Tsipras. Ma oggi il realismo, che è per l’Europa unita, mi farebbe votare Sì. Stando malissimo»

ennio morricone c ennio morricone c

 

Paolo Crepet, psichiatra: «Voterei Sì, contro questi narcisi al potere. Perché non fan pagare le tasse ai nipoti di Niarchos o non fanno emettere un po’ di fatture pure a Skorpios?»

 

Diego Abatantuono, attore: «Nessuno mi ha spiegato cosa succederà dopo il referendum»

 

Giuseppe De Rita, sociologo e presidente del Censis: «Non voterei. Fossi greco, sarei arrabbiato con chi me lo chiede»

 

Antonello Venditti, cantautore: «Né Juncker né Tsipras, penso a chi piange e strappo la scheda»

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E NELLE ISOLE - ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD - ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…) - ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO - ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGE...

DAGOREPORT: 100 SCALFARI MENO UNO - NON È SOLTANTO TELE-MELONI A CENSURARE GLI SCRITTORI: C'E' ANCHE IL GRUPPO GEDI – IL LIBRO SUL CENTENARIO DI SCALFARI CURATO DA SIMONE VIOLA, NIPOTE DI EUGENIO, IN EDICOLA INSIEME A ‘’REPUBBLICA’’, SQUADERNA CENTO INTERVENTI DI ALTRETTANTI TESTIMONIAL, TRANNE QUELLO INNOCUO E DEL TUTTO PERSONALE DI GIOVANNI VALENTINI, EX DIRETTORE DELL’ESPRESSO - LE SUE CRITICHE, MANIFESTATE SUL "FATTO QUOTIDIANO" SULL’OPERAZIONE “STAMPUBBLICA” E POI NEL SUO LIBRO SULLA PRESA DI POSSESSO DEL GIORNALE DA PARTE DI ELKANN, GLI VALGONO L’OSTRACISMO E LA DAMNATIO MEMORIAE – IL TESTO CENSURATO…

DAGOREPORT –  PER SALVARE IL "CAMERATA" ROSSI, PROSSIMO A.D. RAI, UNA MELONI INCAZZATISSIMA VUOLE LA TESTA DEL COLPEVOLE DEL CASO SCURATI PRIMA DEL 25 APRILE: OGGI SI DECIDE IL SILURAMENTO DI PAOLO CORSINI, CAPO DELL'APPROFONDIMENTO (DESTINATO AD ESSERE SOSTITUITO DOPO LE EUROPEE DA ANGELA MARIELLA, IN QUOTA LEGA) – SERENA BORTONE AVEVA PROVATO A CONTATTARE CORSINI, VIA TELEFONO E MAIL, MA SENZA RICEVERE RISPOSTA - ROSSI FREME: PIÙ PASSA IL TEMPO E PIU’ SI LOGORA MA LA DUCETTA VUOLE LE NOMINE RAI DOPO IL VOTO DEL 9 GIUGNO SICURA DEL CROLLO DELLA LEGA CON SALVINI IN GINOCCHIO…)