L’IRA FUNESTA DI SARTORI: “RENZI NON MAI STATO ELETTO PRESIDENTE DEL CONSIGLIO, È SOLO STATO NOMINATO SEGRETARIO DEL PD CON PRIMARIE SENZA CONTROLLI. NON AVEVA TITOLO PER FARE L'ITALICUM O LA RIFORMA DEL SENATO, UNA RIFORMA INSENSATA”

Sartori azzanna senza pietà: “Nell'Italicum bisogna vietare esplicitamente le coalizioni, per porre un freno ai piccoli partiti e costringere le grandi formazioni a candidare i migliori. E invece così ogni lista diventerà un'ammucchiata, pur di arrivare al ballottaggio.

Condividi questo articolo


Da http://www.liberoquotidiano.it/

GIOVANNI SARTORI GIOVANNI SARTORI

 

Finito ai margini del Corriere della Sera, il politologo Giovanni Sartori, mai generoso con Matteo Renzi, torna a martellare contro il premier in occasione dell'inaugurazione della Sala Sartori nella biblioteca del Senato. Novantadue anni e non sentirli, Sartori azzanna senza pietà: "In Italia si sta frantumando tutto. Renzi non mai stato eletto presidente del Consiglio, è solo stato nominato segretario del Pd con primarie senza controlli. Non aveva titolo per fare l'Italicum o la riforma del Senato".

 

renzi a cernobbio con la boschi ni renzi a cernobbio con la boschi ni

Quando gli viene chiesto come, nel concreto, siano le riforme, secondo quanto scritto dal Fatto Quotidiano il politologo risponde: "Orribili. Nell'Italicum bisogna vietare esplicitamente le coalizioni, per porre un freno ai piccoli partiti e costringere le grandi formazioni a candidare i migliori. E invece così ogni lista diventerà un'ammucchiata, pur di arrivare al ballottaggio. Quanto alla riforma costituzionale è insensata, crea il caos. Sparerò contro questa legge", annuncia fiero e battagliero.

matteo renzi parla alla camera del ddl riforme matteo renzi parla alla camera del ddl riforme

 

Condividi questo articolo

politica

VAMOS ALLE URNE – JOHNSON RIGHEIRA, SERGIO JAPINO, HUGO MARADONA: LE AMMINISTRATIVE DI OTTOBRE SEMBRANO USCITE DA UNA PLAYLIST DI SERIE B DEGLI ANNI ’80 – STEFANO RIGHI SI CANDIDA A CONSIGLIERE COMUNALE DI TORINO NELLA LISTA CIVICO-COMUNISTA “CITTÀ FUTURA”, L’EX COMPAGNO DELLA CARRÀ INVECE APPOGGERÀ MICHETTI. A NAPOLI SCONTRO IN FAMIGLIA MARADONA: IL FRATELLO DEL PIBE DE ORO, HUGO, SOSTIENE CATELLO MARESCA. SUO NIPOTE, DIEGO JUNIOR (FIGLIO DI DIEGO ARMANDO), SI CANDIDA CON IL CENTROSINISTRA…

PERCHÉ BERLUSCONI HA INVITATO GIORGIA MELONI A VILLA CERTOSA - SUL TAVOLO IL FUTURO DELLA CENTRODESTRA: FRATELLI D’ITALIA, PUR IN ASCESA, RISCHIA DI FINIRE STERILE IN UN ANGOLO PER IL SUO ANTI-EUROPEISMO, COME UNA MARINE LE PEN QUALSIASI. E IL CAVALIER È L’UNICO CHE PUÒ RIVERGINARE SALVINI E MELONI PORTANDOLI ATTRAVERSO LA FUTURA FEDERAZIONE CENTRISTA NEL PARTITO POPOLARE EUROPEO – IN BALLO ANCHE COME RIPARARE LO SGARBO SUBITO IN RAI E UN AMMORBIDIMENTO SULLA QUESTIONE NO-VAX