ITALIA ALLA DERIVA-TI – PADOAN PROVA A DISSOCIARE I CONTRATTI DERIVATI SOTTOSCRITTI DAL TESORO DA “SCOMMESSE” E A TITOLI “TOSSICI”. LA GABANELLI LO INCHIODA DI NUOVO

‘’Se sono tutte operazioni di copertura e quindi non c’è nessuna scommessa perché non renderle pubbliche e identificare per ogni operazione il titolo di Stato cui si riferiscono? Quali sono le banche che hanno derivati con lo Stato e dall’ingresso nell’euro quali sono i profitti e le perdite annuali dello Stato per ognuna di esse?’’…

Condividi questo articolo

LETTERE AL CORRIERE SELLA SERA

 

matteo renzi pier carlo padoan matteo renzi pier carlo padoan

1. I CONTRATTI DERIVATI SOTTOSCRITTI DAL TESORO

Nei suoi articoli pubblicati dal Corriere il 23 dicembre e il 27 novembre, Milena Gabanelli associa i contratti derivati sottoscritti dal Tesoro a «scommesse» e a titoli «tossici». Come è stato più volte spiegato, anche in sede parlamentare, la natura dei contratti derivati sottoscritti dal Tesoro è assimilabile a un’assicurazione contro il rischio di rialzo dei tassi d’interesse sui titoli del debito pubblico.

 

Con i rendimenti attuali, ai minimi storici assoluti, si tende a dimenticare che fino a pochi anni fa i tassi viaggiavano a livelli molto superiori e il rischio di un’impennata tale da mettere a repentaglio la tenuta dei conti pubblici era ben presente. Per questa ragione negli anni passati sono stati sottoscritti contratti grazie ai quali tale rischio viene neutralizzato per lo Stato e ribaltato sulle controparti. Come tutte le assicurazioni, anche questi contratti hanno un costo.

 

Chi assicura la propria automobile contro il rischio di furto e incendio paga il premio annuale e tuttavia auspica di trovarla integra sotto casa al mattino. Così il Tesoro sostiene un costo per assicurarsi contro il rischio di un repentino aumento dei tassi, che avrebbe un impatto significativo sui conti pubblici, come peraltro sperimentato in passato.

milena gabanelli blu milena gabanelli blu

Roberto Basso, portavoce

Ministero dell’Economia e delle Finanze

 

RIBATTE LA GABANELLI

Se sono tutte operazioni di copertura e quindi non c’è nessuna scommessa perché non renderle pubbliche e identificare per ogni operazione il titolo di Stato cui si riferiscono? Quali sono le banche che hanno derivati con lo Stato e dall’ingresso nell’euro quali sono i profitti e le perdite annuali dello Stato per ognuna di esse? Ha ricevuto il Mef pressioni da queste banche per l’inserimento dell’art.33 nella legge di Stabilità?

Milena Gabanelli

 

 

Condividi questo articolo

politica

"LE SOIR": ‘’MA CHE CRIMINE HANNO COMMESSO GLI ITALIANI PER FAR SÌ CHE 10 MILA MORTI NON BASTINO PER ATTRARRE UN SOSTEGNO SENZA DIVISIONI DA PARTE DEI LORO PARI EUROPEI?’’ - FOLLI: MA LA POLITICA ITALIANA INVECE DI REPERIRE I 500 MILIARDI REALI CHE SERVONO ENTRO LA FINE DELL'ANNO PER AFFRONTARE IL COLLASSO ECONOMICO, PREFERISCE DISCUTERE NEI TALK E SUI GIORNALI DI QUANDO RIAPRIRE LE FABBRICHE E LE SCUOLE. MA UNA RIAPERTURA PREMATURA, DETTATA DALL'ANSIA, CUI SEGUISSE UN AUMENTO DEI CONTAGI E UNA SECONDA CHIUSURA POTREBBE ESSERE FATALE''