ITALIA ALLA DERIVA-TI – PADOAN PROVA A DISSOCIARE I CONTRATTI DERIVATI SOTTOSCRITTI DAL TESORO DA “SCOMMESSE” E A TITOLI “TOSSICI”. LA GABANELLI LO INCHIODA DI NUOVO

‘’Se sono tutte operazioni di copertura e quindi non c’è nessuna scommessa perché non renderle pubbliche e identificare per ogni operazione il titolo di Stato cui si riferiscono? Quali sono le banche che hanno derivati con lo Stato e dall’ingresso nell’euro quali sono i profitti e le perdite annuali dello Stato per ognuna di esse?’’…

Condividi questo articolo

LETTERE AL CORRIERE SELLA SERA

 

matteo renzi pier carlo padoan matteo renzi pier carlo padoan

1. I CONTRATTI DERIVATI SOTTOSCRITTI DAL TESORO

Nei suoi articoli pubblicati dal Corriere il 23 dicembre e il 27 novembre, Milena Gabanelli associa i contratti derivati sottoscritti dal Tesoro a «scommesse» e a titoli «tossici». Come è stato più volte spiegato, anche in sede parlamentare, la natura dei contratti derivati sottoscritti dal Tesoro è assimilabile a un’assicurazione contro il rischio di rialzo dei tassi d’interesse sui titoli del debito pubblico.

 

Con i rendimenti attuali, ai minimi storici assoluti, si tende a dimenticare che fino a pochi anni fa i tassi viaggiavano a livelli molto superiori e il rischio di un’impennata tale da mettere a repentaglio la tenuta dei conti pubblici era ben presente. Per questa ragione negli anni passati sono stati sottoscritti contratti grazie ai quali tale rischio viene neutralizzato per lo Stato e ribaltato sulle controparti. Come tutte le assicurazioni, anche questi contratti hanno un costo.

 

Chi assicura la propria automobile contro il rischio di furto e incendio paga il premio annuale e tuttavia auspica di trovarla integra sotto casa al mattino. Così il Tesoro sostiene un costo per assicurarsi contro il rischio di un repentino aumento dei tassi, che avrebbe un impatto significativo sui conti pubblici, come peraltro sperimentato in passato.

milena gabanelli blu milena gabanelli blu

Roberto Basso, portavoce

Ministero dell’Economia e delle Finanze

 

RIBATTE LA GABANELLI

Se sono tutte operazioni di copertura e quindi non c’è nessuna scommessa perché non renderle pubbliche e identificare per ogni operazione il titolo di Stato cui si riferiscono? Quali sono le banche che hanno derivati con lo Stato e dall’ingresso nell’euro quali sono i profitti e le perdite annuali dello Stato per ognuna di esse? Ha ricevuto il Mef pressioni da queste banche per l’inserimento dell’art.33 nella legge di Stabilità?

Milena Gabanelli

 

 

Condividi questo articolo

politica

AVERE LA FACCIA COME IL CONTE CASALINO - A FURIA DI SENTIRLO RIPETERE A RETI ED EDICOLE UNIFICATE CHE “LA DELEGA AI SERVIZI È RESPONSABILITÀ DEL PREMIER”, PENSAVAMO CHE IL CAZZARO CON LA POCHETTE, MAI E POI MAI AVREBBE CEDUTO ALLA RICHIESTA DI RENZI E PD DI MOLLARE LA DELEGA. INVECE OGGI SIAMO A BENASSI – UN BEL “MA MI FACCIA IL PIACERE!’’ SE LO MERITA ANCHE TRAVAGLIO: "QUELLA SUI SERVIZI È STATA L’ENNESIMA TEMPESTA NEL BICCHIERE D’ACQUA, UN’ALTRA SCUSA DEI RENZIANI" - PAZIENZA, RAGAZZI, DÀI: PENSAVATE FOSSE UNA PASSEGGIATA, INVECE ERA UNA VIA TRUCIS

SE VOLETE CAPIRE L’ASTIO DI RENZI PER CONTE, BISOGNA FARE UN SALTO NEL TEMPO, AL PRIMO PRANZO TRA I DUE. A META’ DEL 2013, AL RISTORANTE “SANLORENZO”, SI RITROVARONO A TAVOLA RENZI, BOSCHI, CONTE E GUIDO ALPA - ERA LA FASE D’ORO DEL “ROTTAMATORE” E TUTTI VOLEVANO CONOSCERLO, COMPRESO ALPA, CHE A MAGGIO 2014 VIENE NOMINATO CONSIGLIERE DI LEONARDO-FINMECCANICA - ANNI DOPO, RENZI AVREBBE CHIESTO PIÙ VOLTE ALLA BOSCHI DI VEDERE I MESSAGGINI SCAMBIATI CON CONTE, QUANDO ERA SOLO UN PROFESSORE DI DIRITTO. MATTEUCCIO SPERAVA FORSE DI TROVARE IN QUEGLI SMS UNA TRACCIA DI QUALCHE…

“LA RIFORMA PIÙ URGENTE DEL PAESE È QUELLA RELATIVA ALLA RIAPERTURA DEI MANICOMI” - VINCENZO DE LUCA PUNTA IL LANCIAFIAMME  SU PALAZZO MADAMA: “AL SENATO C’ERANO DEI SALTIMBANCHI, DEGLI ACROBATI, DUE GIOVANOTTI CHE SONO ANDATI A FARSI UN GIRO PER ROMA E POI SONO TORNATI A VOTARE ALLO SCADERE DEI TERMINI. LA PRESIDENTE CASELLATI HA DICHIARATO CHIUSE LE VOTAZIONI, POI SOCCHIUSE, POI RIAPERTE. UNO SPETTACOLO MERAVIGLIOSO, SE CI CONFRONTIAMO CON IL CIRQUE DU SOLEIL SIAMO VINCITORI”

POETESSA DEI MIEI STIVALI (FIRMATI) – PERCHÉ HANNO CHIAMATO AMANDA GORMAN ALL’INAUGURAZIONE DI BIDEN? PERCHÉ HA IL CAPPOTTO PRADA, È GIOVANE, BELLA, NERA, FEMMINISTA, FORSE NON ETEROSESSUALE, RAZZISTA AL CONTRARIO E SCRIVE DA CANI? NON ERA PIÙ DEMOCRAT ESTRARRE A SORTE UNA SCOLARA PER LEGGERE UNA POESIA (TANTO UNO VALE UNO)? – PER NATALIA ASPESI, IL FATTO CHE GORMAN SIA “IMPROVVISAMENTE PASSATA DA CENTOMILA A UN MILIONE DI FOLLOWER” NON TESTIMONIA L’IGNORANZA E IL CONFORMISMO DEI SOCIAL BENSÌ “LA FAME DI CULTURA” - VIDEO + GALLERY MODAIOLA DELLE SUE STORIES