“I CITTADINI ITALIANI SI SONO ROTTI I COGLIONI DI PRENDERSI LA MONNEZZA DI ROMA” – ZINGARETTI (GRANDE SPONSOR DI GUALTIERI NELLA CORSA AL CAMPIDOGLIO) CARICA A TESTA BASSA LA RAGGI: “OVUNQUE IN ITALIA LA RESPONSABILITÀ DI GESTIRE I RIFIUTI È DEI COMUNI. SONO DUE ANNI CHE DICIAMO CHE ROMA SI DEVE DOTARE DI UN SITO DOVE CONFERIRLI…” – SE QUESTE SONO LE PREMESSE, IL PATTO PD-M5S PER UN’INTESA AL SECONDO TURNO ALLE AMMINISTRATIVE RISCHIA DI FINIRE STROZZATO NELLA CULLA…

-

Condividi questo articolo


DA “Il Giornale”

 

virginia raggi nicola zingaretti foto di bacco virginia raggi nicola zingaretti foto di bacco

«I cittadini italiani si sono rotti i coglioni di prendersi la monnezza di Roma». Parola di Nicola Zingaretti, presidente della regione Lazio e sponsor del candidato dem per la Capitale, Gualtieri. Che attacca a testa bassa la Raggi: «Ovunque in Italia la responsabilità di gestire i rifiuti è dei comuni. Sono due anni che diciamo che Roma si deve dotare di un sito dove conferirli, perchè i cittadini di Albano e di Viterbo, dell'Emilia Romagna e della Lombardia si sono stufati di ospitare la monnezza che il Comune non sa dove mettere».

 

 

zingaretti raggi zingaretti raggi zingaretti raggi zingaretti raggi NICOLA ZINGARETTI E VIRGINIA RAGGI NICOLA ZINGARETTI E VIRGINIA RAGGI raggi e zingaretti by osho raggi e zingaretti by osho VIRGINIA RAGGI E NICOLA ZINGARETTI VIRGINIA RAGGI E NICOLA ZINGARETTI raggi zingaretti raggi zingaretti

 

Condividi questo articolo

politica

PREPARATEVI ALLA GUERRIGLIA POLITICA: IL 3 AGOSTO INIZIERA’ IL SEMESTRE BIANCO DI MATTARELLA - I PARTITI, SENZA IL RISCHIO DI VEDER SCIOGLIERE LE CAMERE, POTRANNO DARE FUOCO ALLE POLVERI - NEL MEZZO CI SARANNO LE AMMINISTRATIVE E LE MANOVRE PER IL COLLE, LA FAIDA SALVINI-LETTA, QUELLA TRA RENZI E IL PD, IL M5S DILANIATO E CONTE A TUTTO CAMPO - COME FARA’ DRAGHI A NON FARSI LOGORARE? MINACCIANDO LE DIMISSIONI? - PER BRUNETTA E’ IMPOSSIBILE PERCHE’ “USURARE DRAGHI SIGNIFICHEREBBE LA BANCAROTTA DEL PAESE” - SUPERMARIO VUOLE ANCORA MATTARELLA AL QUIRINALE COME GARANTE DEL SUO LAVORO…

CHI GUIDERA’ LA PROCURA DI MILANO? - PER LA PRIMA VOLTA NON CI SARÀ NESSUNA CANDIDATURA CHE POSSA MANTENERE AL COMANDO LO STESSO GRUPPO DI POTERE - SONO SCOMPARSI DALL'ELENCO DEI CANDIDATI I PROCURATORI DI NAPOLI E CATANZARO, GIOVANNI MELILLO E NICOLA GRATTERI - CI SONO NOVE NOMI IN TUTTO, SEI CON ZERO SPERANZE, TRE IN PISTA DAVVERO: IL PROCURATORE DI FIRENZE MARCELLO VIOLA, QUELLO DI BOLOGNA GIUSEPPE AMATO, E POI MAURIZIO ROMANELLI: CHE DEI TRE È L'UNICO IN SERVIZIO A MILANO, ALLIEVO DI POMARICI E SPATARO…