“HAI MENTITO TU O TUA MADRE?” - SELVAGGIA LUCARELLI FA NOTARE CHE C’È QUALCOSA CHE NON TORNA NELLA RIVELAZIONE DELLA MELONI SULLA MADRE CHE SCELSE DI NON ABORTIRE: “C’È UN PROBLEMA IN QUESTO RACCONTO SCRITTO CON QUELL’IMPELLENTE BISOGNO DI VERITÀ CHE SI PORTA DENTRO: E CIOÈ CHE QUANDO LA MADRE DI GIORGIA MELONI ERA INCINTA DI GIORGIA MELONI LA LEGGE SULL’ABORTO NON ESISTEVA. NEL 1976 L’ABORTO ERA ILLEGALE…”

Condividi questo articolo


SELVAGGIA LUCARELLI SELVAGGIA LUCARELLI

Da www.leggo.it

 

Qualche giorno fa è uscita in libreria l’autobiografia di Giorgia Meloni, Io sono Giorgia, e subito spunta il primo ‘caso’.

 

Riguarda un passo del libro della leader di Fratelli d’Italia, in cui la Meloni dice che non sarebbe mai dovuta nascere, perché sua madre, quando rimase incinta di lei, pensò seriamente ad abortire, cambiando idea all’ultimo per poi portare avanti la gravidanza.

 

Come sottolinea però Selvaggia Lucarelli su Tpi e sul suo profilo Twitter, c’è una stranezza nel racconto della Meloni: quest’ultima è nata nel 1976, mentre la legge sull’aborto risale al 1978.

 

delegazione di fratelli d italia dopo le consultazioni con draghi 2 delegazione di fratelli d italia dopo le consultazioni con draghi 2

Quindi, si chiede la Lucarelli, i casi sono due: o sua madre le ha mentito, oppure mente lei nel suo racconto. Quando la madre di Giorgia Meloni era incinta - scrive - la legge sull’aborto non esisteva. Così la giornalista: «Nel 1976 l’aborto era illegale.

 

Non funzionava così. Hai mentito tu o tua madre?» E ancora: ««C’è solo un problema in questo racconto scritto con quell’impellente bisogno di verità che Giorgia Meloni si porta dentro: e cioè che quando la madre di Giorgia Meloni era incinta di Giorgia Meloni la legge sull’aborto non esisteva».

 

GIORGIA MELONI DA PICCOLA GIORGIA MELONI DA PICCOLA

Nel 1976 l’aborto era un reato e si rischiava una condanna dai 2 ai 5 anni di prigione: secondo la legge dell’epoca una gravidanza poteva essere interrotta solo «quando l’ulteriore gestazione implichi danno, o pericolo, grave, medicalmente accertato nei sensi di cui in motivazione e non altrimenti evitabile, per la salute della madre». Solo due anni dopo, nel maggio ’78, arrivò la legge 194 che introdusse l’interruzione di gravidanza entro i primi tre mesi, escluso l’aborto terapeutico.

GIORGIA MELONI - IO SONO GIORGIA GIORGIA MELONI - IO SONO GIORGIA IO SONO GIORGIA - IL LIBRO DELLA MELONI - IL PASSAGGIO SULL'ABORTO IO SONO GIORGIA - IL LIBRO DELLA MELONI - IL PASSAGGIO SULL'ABORTO GIORGIA MELONI GIORGIA MELONI giorgia meloni con la sorella arianna giorgia meloni con la sorella arianna giorgia meloni cover giorgia meloni cover giorgia meloni a verissimo 1 giorgia meloni a verissimo 1 IO SONO GIORGIA - IL LIBRO DELLA MELONI - IL PASSAGGIO SULL'ABORTO IO SONO GIORGIA - IL LIBRO DELLA MELONI - IL PASSAGGIO SULL'ABORTO GIORGIA MELONI CON LA FIGLIA GINEVRA GIORGIA MELONI CON LA FIGLIA GINEVRA selvaggia lucarelli selvaggia lucarelli

 

Condividi questo articolo

politica

OSCAR DI MONTIGNY SI RITIRA! NON SARÀ LUI IL CANDIDATO DEL CENTRODESTRA PER MILANO. UFFICIALMENTE, DICE DI AVER “REGISTRATO CHE NON C’ERA TOTALE CONVERGENZA" SUL SUO NOME. MA IL VERO MOTIVO DELLA RINUNCIA È CHE I SONDAGGI RISERVATI, CIOÈ QUELLI VERI, LO DANNO TERZO DIETRO A GIANLUIGI PARAGONE - BERLUSCONI AVEVA GIÀ AFFOSSATO IL SUO NOME. DA BUON VENDITORE DI PENTOLE E SOGNI, IL CAV AVEVA TROVATO IL SUO PUNTO DEBOLE: IL COGNOME DIFFICILE. SENZA CONSIDERARE CHE SILVIO VUOLE UN POLITICO (LUPI?)

MARTA DA QUIRINALE! - CHI SARÀ IL SUCCESSORE DI SERGIO MATTARELLA, STRADECISO A TORNARE A CASA? A OGGI IL CANDIDATO CON PIU' CHANCE, E CHE PUÒ VANTARE UN APPOGGIO PIÙ O MENO TRASVERSALE, È IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA MARTA CARTABIA - MA LA SUA FUTURA INVESTITURA DA “QUIRINABILE” È LEGATA A UN ''SE'': SE RIUSCIRA' NEL MIRACOLO DI FAR APPROVARE, ENTRO LA FINE DEL MESE IN CONSIGLIO DEI MINISTRI, LA RIFORMA DELLA GIUSTIZIA EVITANDO LE TRAPPOLE DEI SUOI OPPOSITORI CONTE-BONAFEDE…

BRUTTA CORRENTE NELLA MILANO DI SALA – SOTTO LA MADONNINA CI SONO STATI 160 BLACKOUT IN SETTE GIORNI: SICURI SIA SOLO COLPA DEL CALDO? - IL SINDACO HA CHIESTO CHIARIMENTI ALLA MUNICIPALIZZATA A2A CHE, OLTRE AI GUASTI, STA PROVOCANDO ALTRI GRATTACAPI AL SINDACO: NEL CDA DEL 4 GIUGNO È STATO BATTEZZATO IL PROGETTO DI UNA NUOVA SOCIETÀ CON IL FONDO FRANCESE ARDIAN, SCELTO SENZA GARA. COME ADVISOR È STATA SCELTA LA BANCA D’AFFARI NOMURA, DI CUI IL PRESIDENTE DI A2A, MARCO PATUANO, È SENIOR ADVISOR...

SILENZIO, PARLA DRAGHI! - "MARIOPIO" IN PARLAMENTO RISPONDE SUL CASO VATICANO-DDL ZAN: “IL NOSTRO È UNO STATO LAICO, NON CONFESSIONALE, QUINDI IL PARLAMENTO HA IL DIRITTO DI DISCUTERE E LEGIFERARE. IL NOSTRO ORDINAMENTO CONTIENE TUTTE LE GARANZIE PER VERIFICARE CHE LE LEGGI RISPETTINO I PRINCIPI COSTITUZIONALI E GLI IMPEGNI INTERNAZIONALI, TRA CUI IL CONCORDATO. SENZA ENTRARE NEL MERITO, QUESTO È IL MOMENTO DEL PARLAMENTO, NON DEL GOVERNO” - MORALE DELLA FAVOLA: ALLA FINE IL DDL PASSERÀ CON PICCOLI MA SOSTANZIOSI AGGIUSTAMENTI – VIDEO