“E’ DECISIVO CONCLUDERE POSITIVAMENTE L'ACCORDO ANCHE CON SINISTRA ITALIANA E VERDI” - GOFFREDO BETTINI SPINGE LETTA A “COPRIRSI” A SINISTRA CON FRATOIANNI E BONELLI PER "UN'ARCA DI NOE'" ELETTORALE: “LA LEGGE ELETTORALE VIGENTE IMPONE NEI COLLEGI UNA GRANDE UNITÀ CHE SI DEVE FONDARE SUL RISPETTO RECIPROCO” - CON QUESTA MOSSA, BETTINI PROVA A SFILARE A CONTE GLI UNICI DUE POSSIBILI ALLEATI…

-

Condividi questo articolo


goffredo bettini gianni letta. giuseppe conte goffredo bettini gianni letta. giuseppe conte

ELEZIONI: BETTINI,DECISIVO ACCORDO CON SINISTRA ITALIANA E VERDI

(ANSA) - "Queste ore sono cruciali per la formazione delle alleanze nei collegi uninominali. Il Pd ha dimostrato tanta generosità e tanta pazienza, al fine di allargare lo schieramento contro la destra italiana e renderlo più competitivo. Ecco perché pare a me decisivo concludere positivamente l'accordo anche con Sinistra italiana e Europa Verde.

 

letta calenda letta calenda

Per un apporto ulteriore di forza elettorale per nulla irrilevante che si verificherebbe e per il contributo che queste forze possono dare sui temi ambientali e sociali, decisivi nel profilo programmatico del Pd. Ognuno saprà rimarcare le differenze che vi sono al momento di chiedere il voto al proprio partito, come è stato più volte ricordato.

 

Ma la legge elettorale vigente impone nei collegi una grande unità; che si deve fondare sul rispetto reciproco, sulla valorizzazione della dignità di ciascuno, sulla sobrietà e la misura indispensabili per far vivere qualsiasi impresa comune". Così Goffredo Bettini, dirigente nazionale del Pd, con un post su Facebook si esprime sulle alleanze elettorali del centrosinistra.

ANGELO BONELLI NICOLA FRATOIANNI ANGELO BONELLI NICOLA FRATOIANNI

 

Condividi questo articolo

politica

DI BATTISTA SCOPRE LE CARTE: “NON MI CANDIDO PERCHÉ TANTI NON MI VOGLIONO, DA GRILLO A FICO - CONTE E' STATO IL PIU' CORRETTO E ONESTO CON ME - POLITICAMENTE OGGI NON MI FIDO DI BEPPE GRILLO CHE FA DA PADRE PADRONE E IO SOTTO DI LUI NON CI STO - MI HANNO IMPEDITO DI FARE IL CAPO POLITICO DEL M5S EVITANDO DI VOTARE, QUANDO NON HANNO NEPPURE VOLUTO PUBBLICARE I VOTI DEGLI STATI GENERALI PERCHÉ IO AVEVO PRESO IL TRIPLO DEI VOTI DI DI MAIO - C'E' CHI SI INFILA IN SEDE PD PER ELEMOSINARE UN SEGGIO, NON SONO COME LORO - CREERÒ UN’ASSOCIAZIONE PER FARE POLITICA DA FUORI…” - IL VIDEO SFOGO DI DI BATTISTA

E’ STATA LA MANO DI GRILLO - LEGGENDO L’INTERVISTA DI CASALINO AL “CORRIERE” SI IMMAGINA CHE LA SUA MANCATA CANDIDATURA SIA FRUTTO DI UN GESTO DI RESPONSABILITÀ: “HO CAPITO CHE LA MIA PRESENZA IN LISTA AVREBBE SCATENATO POLEMICHE E L'ULTIMA COSA CHE VOGLIO È ARRECARE UN DANNO AL MOVIMENTO O A CONTE” - IN REALTÀ LO STOP A CASALINO, CHE DA ANNI SOGNA DI POGGIARE LE SUE NATICHE SULLO SCRANNO DI SENATORE, È ARRIVATO DA BEPPE GRILLO, CHE SI E’ VENDICATO CON CONTE PER IL TRATTAMENTO RISERVATO ALLA SUA COCCA VIRGINIA RAGGI - IL VIDEO CON IL "CHE GUEVARA DI ROMA NORD" SPIEGA LA MANCATA CANDIDATURA