MACRON HA UN WURSTELONE PER NOI – MONSIEUR ARROGANCE LANCIA ANGELA MERKEL ALLA PRESIDENZA DELLA COMMISSIONE UE: “SE LEI LO VOLESSE LA SOSTERREI” – PER L’ITALIA SAREBBE COMUNQUE MEGLIO UN TEDESCO A BRUXELLES CHE A FRANCOFORTE: SE ANGELONA O IL DEBOLE WEBER SI PRENDONO LA COMMISSIONE, CI EVITIAMO WEIDMANN ALLA BCE – BARNIER, VESTAGER E GLI ALTRI: TUTTI I NOMI IN CAMPO

-

Condividi questo articolo

Da www.ilsole24ore.com

 

MERKEL E MACRON SGHIGNAZZANO MERKEL E MACRON SGHIGNAZZANO

Il presidente francese Emmanuel Macron sarebbe pronto a sostenere una candidatura di Angela Merkel a presidente della Commissione europea. L’endorsement è arrivato in un’intervista alla televisione di Stato svizzera Rts, rispondendo a una domanda diretta sull’ipotesi della cancelliera alla guida dell’esecutivo comunitario. «Se lei lo volesse, la sosterrei. Penso che abbiamo bisogno di qualcuno di forte in Europa - ha detto Macron - L’Europa ha bisogna di nuovi volti e gente forte, genti che incarni l’Europa».

 

merkel con manfred weber merkel con manfred weber

Al momento Merkel ha dichiarato che non si candiderà di nuovo alla cancelleria e di non essere interessata ad alcun ruolo di rilievo nelle istituzioni europee. Anche se non lo ha nominato, esplicitamente, Macron ha lasciato intendere il suo scetticismo sul nome del Popolare Manfred Weber, contestando il meccanismo degli spitzenkandidat: il processo che consente ai gruppi politici di indicare un proprio candidato alla guida della Commissione, influenzando così la scelta che spetta al Consiglio europeo.

 

merkel e macron firmano il trattato di aquisgrana 4 merkel e macron firmano il trattato di aquisgrana 4

L’esito del voto è stato talmente frammentato da aver messo in dubbio la validità stessa del meccanismo, spingendo Macron e altri leader a favorire una decisione tutta interna al Consiglio (anche se l’approvazione finale è delegata al Parlamento Ue).

merkel e macron firmano il trattato di aquisgrana 5 merkel e macron firmano il trattato di aquisgrana 5

 

Il toto-nomine e il problema delle alleanze

La scelta del numero uno della Commissione è una della nomine che pendono entro la fine dell’anno. Oltre al presidente dell’esecutivo, dovranno essere assegnate la cariche di presidente del Parlamento, presidente del Consiglio europeo, presidente della Banca centrale europea e Alto rappresentante pe r la Politica estera.

michel barnier michel barnier

 

La partita sulla Commissione è la più delicata, perché si tratta di individuare il capo del “governo” della Ue per i prossimi cinque anni, succedendo alla legislatura del lussemburghese Jean-Claude Juncker. In teoria la scelta Il nome di Merkel circola da mesi, ma si è sempre scontrato sulle smentite della cancelliera. Macron ha anche manifestato la sua simpatia per il connazionale Michel Barnier, capo negoziatore della Brexit, ma non vedrebbe di cattivo occhio neppure la commissaria alla Concorrenza danese Margrethe Vestager.

MARIO DRAGHI JENS WEIDMANN MARIO DRAGHI JENS WEIDMANN

 

La decisione finale dovrebbe avere un effetto-domino anche sulla presidenza della Bce, in vista della chiusura del mandato di Mario Draghi. In caso di un candidato francese o vicino alla Francia alla Commissione, la Germania reclamerà una sua scelta per la Bce. Tra i papabili sembra essere in pole position Jens Weidmann, attuale capo della Bundesbank.

merkel e macron firmano il trattato di aquisgrana 3 merkel e macron firmano il trattato di aquisgrana 3 manfred weber manfred weber merkel e macron firmano il trattato di aquisgrana 2 merkel e macron firmano il trattato di aquisgrana 2 merkel e macron firmano il trattato di aquisgrana 1 merkel e macron firmano il trattato di aquisgrana 1

 

Condividi questo articolo

politica

DI MAIO ALL'ATTACCO DI ZANDA PER LA DONAZIONE DI 15 MILA € RICEVUTA DA CARLO DE BENEDETTI. “SAREBBE GRAVE SE FOSSE VERO: E POI CI VENGONO A PARLARE DI LIBERTA’ DI STAMPA?” - LA REPLICA DEL TESORIERE DEL PD (CHE ANNUNCIA QUERELA CONTRO IL VICEPREMIER): “IL CONTRIBUTO DI DE BENEDETTI (CHE DA TEMPO NON È PIÙ L' EDITORE DELL' ESPRESSO) È STATO REGOLARMENTE COMUNICATO E COMPARE NEI BOLLETTINI DELLE CAMERE. FORSE A DI MAIO DÀ FASTIDIO ANCHE LA TRASPARENZA”- LA NOTA DI "REPUBBLICA"