MAGNA MAGNA CON LA TRILATERAL! - LUIGI DI MAIO A PRANZO CON IL PRESIDENTE E IL SEGRETARIO DELL'ORGANIZZAZIONE (E MONTI) E I GRILLINI VANNO IN TILT: MA COME? NON ERA UNA LOGGIA DEDITA A SCHIACCIARE I CITTADINI E FAVORIRE I POTERI FORTI? - E FICO SI ARRAMPICA SUGLI SPECCHI

Di Maio ha incontrato i vertici dell'Ispi, che coincidentalmente sono anche i leader italiani della Trilateral. Che con Bilderberg è considerato dai grillini (spesso non a torto) una para-massoneria che difende gli interessi dei più forti - Quando la Boschi ha parlato alla riunione romana, è stata sommersa di critiche grilline...

Condividi questo articolo


1. LUIGI DI MAIO, L’ISPI, LA TRILATERAL E IL BOOMERANG DEL COMPLOTTISMO A 5 STELLE

Michele Arnese per www.formiche.net

 

LUIGI DI MAIO CON I VERTICI ISPI LUIGI DI MAIO CON I VERTICI ISPI

Prima si sottolinea che il Movimento 5 Stelle è troppo barricadero e poco istituzionale. Poi si stigmatizza chi nello stesso movimento lavora per una prospettiva di governo, dunque non più e non solo movimentista. C’è una certa schizofrenia in alcune reazioni di questi giorni che analizzano le ultime novità ai vertici del movimento fondato da Beppe Grillo.

 

LUIGI DI MAIO A LONDRA LUIGI DI MAIO A LONDRA

La progressiva trasformazione dialogante e “moderata”, in vista di una prospettiva di governo e non solo di opposizione, come aveva sottolineato Formiche.net con candidati a sindaco come Virginia Raggi a Roma e Chiara Appendino a Torino, trova un esempio indicativo nella figura di Luigi Di Maio, il compassato e per nulla sgarrupato vicepresidente della Camera.

 

LUIGI DI MAIO ALLA CAMERA LUIGI DI MAIO ALLA CAMERA

C’è chi ha sbuffato non poco, anche tra i Pentastellati, per i recenti incontri fra Di Maio e alcuni diplomatici per illustrare idee e programmi del Movimento 5 Stelle. E c’è chi ha voluto ricamare su un incontro divulgato, con tanto di foto, tra i vertici dell’Ispi (Istituto per gli studi di politica internazionale) e Di Maio per discutere di politiche migratorie.

 

È stata evocata addirittura la Trilateral per biasimare più o meno soavemente la decisione dell’esponente dei Cinque Stelle di partecipare a un incontro con uno dei più autorevoli think tank che figura nelle classifiche mondiali del ramo (l’Ispi nel rapporto 2015 redatto dall’Università di Pennsylvania ha guadagnato 42 posizioni attestandosi tra i migliori 100 al mondo).

luigi di maio dimartedi luigi di maio dimartedi

 

La Trilateral è stata evocata soprattutto perché nella foto scattata all’Ispi Di Maio era a fianco di Carlo Secchi, che è tra l’altro presidente del ramo italiano della Trilateral Commission. Secchi non è un oscuro personaggio che lavora nell’ombra: è un noto economista, è stato tra l’altro rettore della Bocconi, espone da decenni idee e proposte su giornali e riviste, e trama tanto nell’ombra che è stato anche eletto parlamentare europeo nel gruppo del Ppe.

CARLO SECCHI CARLO SECCHI

 

E il direttore dell’Ispi, Paolo Magri, è pure segretario del gruppo italiano della Trilateral. “Per la riservatezza dei suoi incontri a porte chiuse e il peso dei partecipanti – che producono paper per dare idee ai decisori politici – la Trilateral è seconda nelle teorie dei complottisti soltanto al Club Bilderberg”, ha scritto il vicedirettore del Fatto Quotidiano, Stefano Feltri.

 

Non è finita. I mugugni su Di Maio sono calati nelle ultime ore anche per la decisione del vicepresidente della Camera di nominare un suo responsabile per i rapporti istituzionali: Vincenzo Spadafora, ex Garante per l’infanzia con un passato nella segreteria dei Verdi e poi capo della segreteria dell’ex ministro ai Beni Culturali, Francesco Rutelli.

PAOLO MAGRI PAOLO MAGRI

 

Gli sbuffi per la nomina sono giunti anche da alcuni professionisti del lobbismo, delle relazioni istituzionali e della comunicazione. Eppure proprio i lobbisti dovrebbero essere i primi a essere soddisfatti, visto che possono avere un interlocutore ufficiale per intrattenere rapporti istituzionali con un vicepresidente della Camera che, di riffa o di raffa, è considerato un potenziale candidato premier dei grillini.

 

Il resto è mero complottismo dietrologico. Come quello dispensato sovente dal Movimento 5 stelle.

 

 

2. M5S: ROSATO, SU TRILATERAL SOLO IPOCRISIA E INCOERENZA

(AGI) - "Roberto Fico dal blog di Beppe Grillo solamente sei giorni fa attaccava il Partito Democratico per la riunione tra i ministri Boschi e Gentiloni e la Commissione Trilateral, 'simbolo di un governo senza autonomia, al servizio di interessi altri, non della volonta' popolare'. 48 ore dopo quel post, Luigi Di Maio ci e' andato a pranzo".

 

ettore rosato ettore rosato

Lo scrive su Facebook il presidente dei deputati Pd, Ettore Rosato, allegando una foto "presa dal sito di ISPI" dell'esponente M5S "con Carlo Sechi, presidente della sezione italiana". "Si sarebbe detto, un M5s 'di lotta e di governo' se non ci fosse anche molta ipocrisia e poca coerenza. Persone cosi' non possono governare ne' citta' ne' il paese", aggiunge.

 

 

3. M5S: DI MAIO, MACCHE' TRILATERAL, ALL'ISPI SI PARLA DI POLITICA ESTERA

 (AdnKronos) - "Il pranzo all'Ispi è un pranzo in cui ho parlato di politica estera. Fa parte di tanti altri pranzi o incontri che faccio con istituti, enti che si occupano di cultura in Italia, di politica internazionale in Italia: penso che sia un buon modo per raccontare la nostra linea politica che in questo caso, di politica estera, come in tutti gli altri casi, è pubblica". Lo ha detto il vice presidente della Camera Luigi Di Maio, rispondendo ai giornalisti in merito alla polemica sorta per la sua partecipazione al pranzo all'Ispi, dove è stato ritratto con Carlo Secchi, presidente della sezione italiana della Trilateral.

luigi di maio alessandro di battista roberto fico luigi di maio alessandro di battista roberto fico

 

Nessun imbarazzo? "Io mi faccio una risata -ha replicato- perché non c'è una commissione Trilaterale" ha risposto Di Maio, sottolineando che l'Ispi "è un istituto che si occupa di studi di politica internazionale. C'erano tante persone. Se è per questo, partecipo anche alle capigruppo con Brunetta e con Lupi: ma non mi preoccupo perché sono ben cosciente della linea politica che porta avanti il Movimento Cinque Stelle".

 

 

4. M5S: FICO, PER DI MAIO NESSUN PRANZO SEGRETO, MASSIMA TRASPARENZA

 (Adnkronos) - "Sono molto contento che esponenti del Pd attacchino su questa cosa, perché significa non hanno neanche un briciolo di argomento per attaccare il Movimento Cinque Stelle". Così Roberto Fico commenta all'Adnkronos le polemiche sulla partecipazione di Luigi Di Maio a un talking lunch dell'Ispi, dove è stato ritratto con il presidente del ramo italiano della Trilateral Carlo Secchi.

 

rosa capuozzo roberto fico luigi di maio rosa capuozzo roberto fico luigi di maio

 "Luigi non è andato dalla commissione trilaterale - spiega Fico – è andato a parlare di immigrazione, di politiche migratorie in un istituto, l'Ispi. Non erano segreti né il pranzo né il contenuto. Lui ha riferito a tutti cosa si siano detti in questo pranzo, quindi massima trasparenza. Non parliamo con i potenti del mondo chiudendoci nelle stanze come Boschi e Gentiloni appoggiati da Mattarella". Per Fico, sul lungomare di Napoli per l'apertura della campagna elettorale del candidato sindaco Matteo Brambilla, si è trattato quindi "di un incontro come tanti che, tra l'altro, non ci interessa neanche tanto. Noi siamo qui in piazza, incontriamo i cittadini: portiamo avanti questa linea e nessun'altra".

DI MAIO FICO GRILLO 1 DI MAIO FICO GRILLO 1

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

1968, IL “MIRACOLO” DEL TEATRO VIVENTE – “ODIO E AMORE”, LA BELLISSIMA E ANCORA ATTUALISSIMA POESIA DEL LIVING THEATRE, BALBETTATA DA DAGO IN ‘’ROMA SANTA E DANNATA’’, ACCENDE LA CURIOSITÀ DEI LETTORI – PER LA RAPPRESENTAZIONE DI ‘’PARADISE NOW’’ ALL'UNIVERSITÀ LA SAPIENZA DI ROMA, DAVANTI ALLA FACOLTÀ DI LEGGE, COVO DEI FASCISTI, LO SCONTRO ERA DATO PER SCONTATO. INVECE ACCADDE IL “MIRACOLO DELL’AMORE”: MENTRE JUDITH MALINA COMINCIÒ A DECLAMARE LA POESIA, I RAGAZZI DEL LIVING COMINCIARONO A FARE A MENO DEI LORO VESTITI… - VIDEO E TESTO INTEGRALE

DAGOREPORT - STATI DISUNITI D'AMERICA: NIKKI HALEY CONTINUA A ESSERE UMILIATA DA TRUMP MA NON SI FERMERÀ: HA DALLA SUA ANCORA MOLTI MILIONI DI FINANZIAMENTI (16,5 INCASSATI SOLO A GENNAIO) E I SUOI DONATORI VOGLIONO FARLA ARRIVARE ALLA CONVENTION PER VEDERE L'EFFETTO CHE FA. NON SIA MAI CHE ARRIVI UNA CONDANNA PER IL PUZZONE – TRUMP È TALMENTE DETESTATO CHE, SECONDO I DEM, GLI ELETTORI DELLA HALEY CONVERGEREBBERO SU BIDEN. E C’È CHI SI SPINGE ALLA FANTA-POLITICA: UN TICKET DI “SLEEPY JOE” CON NIKKI COME VICE…

FLASH! – MA CHE CI AZ-ZECCA L’AGRICOLTURA CON LA ZECCA DELLO STATO? LEGGETE IL BANDO PER IL NUOVO UFFICIO STAMPA DELLA ZECCA, GUIDATO DALL'ECLETTICO FRANCESCO SORO (GIA' CAPO DI GABINETTO DI MALAGÒ AL CONI, CON CUI È FINITA A STRACCI, POI PASSATO AL MISE SOTTO L’ALA PROTETTIVA DI GIORGETTI) - SORO CHIEDE, TRA I REQUISITI, OLTRE A LAUREA E  “CONSOLIDATA” ESPERIENZA NEI MEDIA, UNA DOTE INDISPENSABILE PER LA ZECCA: “RISULTERANNO SIGNIFICATIVE EVENTUALI ESPERIENZE RIFERITE ALLA FILIERA AGROALIMENTARE E VITIVINICOLA” - CHISSA' QUANTI CANDIDATI AVRANNO TALE COMPETENZA? AH, SAPERLO...

FLASH! – LA RAI CHE VERRÀ? ECCOLA! IERI, IN PRIMA SERATA SU RAI3, “IL PROVINCIALE” CONDOTTO DA FEDERICO QUARANTA, HA COINVOLTO LA MISERIA DI 493.000 SPETTATORI E IL 2.8% DI SHARE (PEGGIO PURE DI NUNZIA DE GIROLAMO) - TRATTASI DEL PROGRAMMA-SIMBOLO DI ANGELO MELLONE, DIRETTORE DELL'INTRATTENIMENTO DAY TIME - UN TIPINO PERBENE, ANZI PERBENITO, CAPACE DI TUTTO: SCRITTORE, CANTANTE, POETA, REGISTA. NONCHÉ CANDIDATO A FARE IL DIRETTORE GENERALE O FICTION UNA VOLTA CHE LA DUCETTA INNALZERÀ IL SUO PRETORIANO GIAMPAOLO ROSSI AD AMMINISTRATORE DELEGATO…