MAI DIRE MAY! - LA VISPA THERESA SPAZZA VIA LA CONCORRENZA E RESTA L'UNICA CANDIDATA PREMIER: LASCIA LA CORSA LA RIVALE LEADSOM, QUELLA CHE LA CRITICÒ PERCHÉ NON ERA MADRE, E PURE GOVE E JOHNSON SOSTENGONO LA MINISTRA. CHE PERÒ È UNA FERVENTE ANTI-BREXIT...LA FARSA DEL DOPO-REFERENDUM SI È COMPIUTA

Il dossier passa in giornata alla direzione del partito, a cui spettera' formalizzarne la nomina a leader. Solo dopo, l'attuale ministro dell'Interno potra' ricevere dalla regina l'incarico di primo ministro in sostituzione del dimissionario David Cameron. I tempi si accelerano per l'attivazione della Brexit?...

Condividi questo articolo


1.BREXIT:LEADSOM LASCIA CORSA, APPOGGIA MAY COME PREMIER

THERESA MAY THERESA MAY

 (ANSA) - Andrea Leadsom ha formalizzato la sua rinuncia alla candidatura per la leadership Tory e per Downing Street, lasciando la rivale Theresa May unica aspirante alla carica di primo ministro. Carica per la quale potrebbe essere designata a breve. Leadsom ha detto di ritenere di non avere "sufficiente sostegno" in parlamento e ha offerto appoggio alla May, ricordandone l'impegno ad attuare la Brexit.

 

2.BREXIT: MAY INCASSA PURE SOSTEGNO DI GOVE E DI BORIS JOHNSON

 (ANSA) - Arriva anche il sostegno di Boris Johnson e di Michael Gove, i due capofila della campagna referendaria pro-Brexit nel Partito Conservatore, a Theresa May, rimasta unica pretendente alla guida dei Tory e del governo britannico dopo il ritiro dal ballottaggio di Andrea Leadsom. Jonhson ha detto che May sara' "un eccellente primo ministro", mentre Gove ha chiesto di accelerare i tempi del passaggio di consegne fra David Cameron e lei a Downing Street.

 

THERESA MAY ANDREA LEADSOM THERESA MAY ANDREA LEADSOM

Pieno appoggio anche dalla stessa Leadsom, che nel suo discorso di rinuncia ha detto: "Theresa May, con il 60% di sostegni nel gruppo parlamentare, e' nella condizione ideale per attuare la Brexit alle migliori condizioni possibili per il popolo britannico, come ha promesso di fare".

 

3.BREXIT: ATTESA DIREZIONE PER CONFERMA MAY LEADER TORY

theresa may e david cameron theresa may e david cameron

 (ANSA) - Il presidente del comitato 1922, che gestisce l'elezione interna del leader Tory, ha confermato oggi che Theresa May resta candita unica alla guida del partito - e quindi anche del governo britannico - dopo il ritiro di Andrea Leadsom. Ha aggiunto tuttavia che il dossier passa in giornata alla direzione del partito, a cui spettera' formalizzarne la nomina a leader.

 

Solo dopo, l'attuale ministro dell'Interno potra' ricevere dalla regina l'incarico di primo ministro in sostituzione del dimissionario David Cameron. Il presidente del comitato, Graham Brady, non e' stato per ora in grado di precisare se gli adempimenti formali richiederanno uno o piu' giorni, o saranno al contrario completati entro oggi: come ipotizzano alcuni media non escludendo un possibile ingresso di Theresa May al numero 10 di Downing Street gia' in serata.

boris johnson michael gove boris johnson michael gove michael gove boris johnson michael gove boris johnson GOVE JOHNSON GOVE JOHNSON

 

Condividi questo articolo

politica

DAGOREPORT - BERLUSCONI FA BENE A SOGNARE IL QUIRINALE: UN SONDAGGIO LO DA' SECONDO NEL GRADIMENTO DEGLI ITALIANI (20,6%) SECONDO SOLO A DRAGHI (23,4%) E PRIMA DEL MATTARELLA-BIS (19,3%) - IL CAV, ORMAI FUORI DI TESTA, HA CHIESTO AL FIDATO GIANNI LETTA DI ORGANIZZARE UN INCONTRO CON IL NIPOTE, ENRICO LETTA PER DISCUTERE DELLA SUA ELEZIONE AL COLLE. AL VOLTO BASITO DELL'EMINENZA AZZURRINA, BERLUSCONI HA RISPOSTO CON LO SLANCIO MESSIANICO DI CHI È CONVINTO DI POTER ARRIVARE DOVE VUOLE: "SONO SICURO CHE SE GLI PARLO, LO CONVINCO..."

MATTEO DA LEGARE - SE GIORGIA MELONI HA QUALCHE PROBLEMINO CON IL SUO PARTITO, MATTEO SALVINI NON SE LA PASSA MEGLIO. HA DOVUTO INCASSARE UNA COCENTE SCONFITTA IN EUROPA: I POLACCHI DI KACZYNKSI E MORAWIECKI HANNO RIFIUTATO LE SUE AVANCES A CONFLUIRE NELL'EUROGRUPPO DELLE DESTRE PER RESTARE NEL GRUPPO “CONSERVATORI E RIFORMISTI” INSIEME A GIORGIA MELONI. I POLACCHI NON ACCETTERANNO MAI DI SCHIERARSI CON L'ESTREMA DESTRA DI MARINE LE PEN - IL "CAPITONE", OLTRE ALLE SBERLE IN EUROPA, DEVE ANCHE GESTIRE LE SCAZZOTTATE SUL VACCINO NELLA LEGA...

IL CICLONE ZEMMOUR SI ABBATTE SULLA FRANCIA - IL GIORNALISTA DI ESTREMA DESTRA HA SCIOLTO UFFICIALMENTE LA RISERVA DOPO QUATTRO MESI PASSATI A TENTENNARE: SI CANDIDERÀ ALLE PRESIDENZIALI E SFIDERÀ MACRON E LE PEN - LA DECISIONE È MATURATA NEL MOMENTO IN CUI È PIÙ DEBOLE, DOPO LE RIVELAZIONI SULLA LIAISON CON L’ASSISTENTE SARAH KNAFO E LA FOTO IN CUI FA IL DITO MEDIO A UNA PASSANTE - ALLA FINE, CON I SOVRANISTI SPACCATI TRA LUI E MARINE, RISCHIANO DI GUADAGNARCI I REPUBBLICANI…