DI MAIO, NOVELLO PALADINO LGBT+: "E' UNA VERGOGNA MONDIALE AVER AFFOSSATO IL DDL ZAN. NEL MIO LIBRO PARLO DEL TEMA DELL'OMOSESSUALITÀ. PER ME È INACCETTABILE CHE QUESTO TEMA VENGA USATO CON UN'ACCEZIONE NEGATIVA, DISPREGIATIVA, DENIGRATORIA. È AGGHIACCIANTE CHE UNA PARTE DELLA POLITICA, CON IL COINVOLGIMENTO DI ALCUNI MEDIA, PROVI A SCREDITARE LE PERSONE DANDO UN SIGNIFICATO NEGATIVO ALLA PAROLA OMOSESSUALITÀ…" - MA COME MAI SOLO ORA DI MAIO SI APPASSIONA AL TEMA? NON SI RICORDANO IN PASSATO LE SUE BATTAGLIE PER IL MONDO GAIO...

-

Condividi questo articolo


LUIGI DI MAIO E LA PIZZA LUIGI DI MAIO E LA PIZZA

DI MAIO, VERGOGNA MONDIALE L'AVER AFFOSSATO IL DDL ZAN

(ANSA) - "E' inutile fare i finti paladini dei diritti civili, quando ieri al Senato alcuni partiti politici hanno affossato il ddl Zan. Un provvedimento a favore proprio dei diritti civili, un provvedimento di dignità, spazzato via tra gli applausi umilianti dell'Aula. Il quotidiano britannico The Guardian definisce il voto di ieri 'vergognoso'. Confermo e sottoscrivo. Questa è l'immagine dell'Italia che la politica consegna al mondo". Lo scrive su Facebook il ministro degli Esteri Luigi Di Maio.

 

DDL ZAN: DI MAIO, MESCHINO USO DISPREGIATIVO DELL'OMOSESSUALITÀ

(ANSA) - "Nel mio libro parlo del tema dell'omosessualità. Per me è inaccettabile che tutt'oggi questo tema venga usato con un'accezione negativa, dispregiativa, denigratoria. È agghiacciante che una parte della politica, con il coinvolgimento di alcuni media, provi a screditare le persone dando un significato negativo alla parola omosessualità. Non c'è cosa più meschina".

 

luigi di maio luigi di maio

Lo scrive il ministro Luigi Di Maio in un post su Facebook sul ddl Zan. "Continuo a leggere commenti sessisti e omofobi, così si alimenta la cultura dell'odio che colpisce e ferisce le persone. Ora, però, bisogna fermarsi un attimo, realizzare che forse è stato superato ogni limite e bisogna mettere un punto a tutto questo. Un punto fermo. L'Italia nel 2021 non può accettare discriminazioni di questo genere", conclude il titolare della Farnesina.

luigi di maio 1 luigi di maio 1

 

Condividi questo articolo

politica

CHE CASINO A VIENNA! – IL CANCELLIERE ALEXANDER SCHALLENBERG SI È DIMESSO DOPO NEMMENO DUE MESI DALL’INIZIO DEL SUO MANDATO. IL MOTIVO? IL SUO PREDECESSORE, SEBASTIAN KURZ, HA ANNUNCIATO CHE LASCERÀ LA POLITICA E QUINDI NON SARÀ PIÙ LEADER DEL PARTITO OEVP. DI CONSEGUENZA, OCCORRE UN MEGA-RIMPASTO NELL’ESECUTIVO - QUEL VOLPONE DI KURZ HA CAPITO CHE LO SCANDALO SUI SONDAGGI PILOTATI È PIÙ GROSSO DEL PREVISTO. ANCHE SE LUI DICE CHE LASCIA “PER LA NASCITA DEL FIGLIO” (COME NO…)