MARO’: TUTTA COLPA DI RENZI! – IL PRESIDENTE INDIANO MODI HA INTORTATO IL PREMIER PAROLAIO SPINGENDOLO A INTAVOLARE TRATTATIVE VIA SERVIZI SEGRETI – SAREBBE STATO MEGLIO CHIEDERE SUBITO UN ARBITRATO INTERNAZIONALE

A margine del G20 di Brisbane, un mese fa, Modi e Renzi hanno avuto un colloquio riservato e il presidente indiano ha fatto capire al nostro premier che c’era spazio per una trattativa tra servizi. La giustizia indiana però è indipendente dal governo e i due marò restano nei guai…

Condividi questo articolo


DAGONEWS

salvatore girone Massimiliano Latorre salvatore girone Massimiliano Latorre

 

Un erroraccio di Renzie, che ha pensato di risolvere tutto con un colloquio diretto e si è fidato del collega indiano Narendra Modi. Se oggi la questione dei due marò italiani inseguiti dalla giustizia di Nuova Dehli è a un punto morto è anche perché il nostro premier si è fatto fregare dal presidente indiano.

 

A Brisbane, lo scorso 15 novembre, i due hanno avuto un colloquio a margine dei lavori del G20 e Renzi ha poi spiegato ai giornalisti che era importante evitare le polemiche sui marò per non mettere a repentaglio i molti rapporti con l’India. In quel faccia a faccia, Modi ha incoraggiato Renzi a seguire la strada delle trattative informali, quelle che vengono condotte attraverso i servizi segreti.

 

NARENDRA MODI FA YOGA NARENDRA MODI FA YOGA

E’ quello che l’Italia ha puntualmente fatto, con l’impegno costante del sottosegretario Marco Minniti e del capo dell’Aise, Alberto Manenti, ma ora, con il diniego del tribunale indiano alle licenze natalizie per i due fucilieri è risultato evidente che non si cava un ragno dal buco. Gli indiani non hanno certo scoperto adesso che anche da loro esiste l’indipendenza della magistratura dagli altri poteri dello Stato, eppure adesso chi ha trattato con i servizi italiani allarga le braccia impotente.

 

matteo renzi al quirinale matteo renzi al quirinale

Ora anche a Roma appare chiaro che Renzi è caduto in una mezza trappola e che si è perso tempo prezioso per sollevare invece un arbitrato internazionale su tutta la vicenda, strada che ovviamente è incompatibile con quella dei negoziati riservati.  

Marco Minniti Marco Minniti

 

 

Condividi questo articolo

politica

DAGO-RETROSCENA! – DURANTE LE SETTIMANALI TELEFONATE CON DRAGHI, IL TORMENTONE DI GRILLO E' DI PERCULARE "LA POCHETTE CHE CAMMINA", FINCHE' MARIOPIO UN BEL GIORNO SBOTTA: “MA SE LO RITIENI INADEGUATO, PERCHÉ NON LO MANDI VIA? BUTTALO FUORI!” - LA BATTUTA INOPPORTUNA DI DRAGHI E' STATO POI GIRATA DA GRILLO A SUO MERITO, DAVANTI A CONTE: "MA COME, TI HO PURE DIFESO DA DRAGHI CHE VOLEVA CHE TI CACCIASSI!" - E SCATTA LA VENDETTA DI TRAVAGLIO E DEI COLONNELLI DEI 5STELLE (TAVERNA, FICO, CRIMI) SU GRILLO CHE NON VUOLE L'ADDIO A DRAGHI NE' LA DEROGA AL SECONDO MANDATO - ALL’INSIPIENZA POLITICA DI DRAGHI E GRILLO, ALLA FINE CI METTE UNA PEZZA MATTARELLA.... 

“IL DIRITTO ALL’ABORTO NON ESISTE. SI CHIAMA OMICIDIO” – PRENDETEVI CINQUE MINUTI E GODETEVI IL CORPO A CORPO TRA TELESE E ADINOLFI: “CI VUOI PORTARE IN UN MODERNO MEDIOEVO IN CUI GLI INTEGRALISTI DECIDONO PER ALTRI”, “NOVE VOLTE SU DIECI, GIOVANI DONNE RINUNCIANO AI LORO FIGLI PER RAGIONI FUTILISSIME, DICIAMO PURE DEL CAZZO” – “VOI LAICISTI DIFENDETE LA CULTURA DELLA MORTE, MA SIETE BUONI CARINI E LEGITTIMATI. NOI, CHE DIFENDIAMO LA VITA, INVECE, SIANO BRUTTI SPORCHI E CATTIVI. E CON LE CORNA. L’ITALIA SENZA IL DIVORZIO ERA PIÙ BELLA E PIÙ SANA DI QUESTA” (PAROLA DI UN DIVORZIATO…)

“QUESTO SPIEGA PERCHÉ SONO TORNATO A ROMA IERI NOTTE” – MARIO DRAGHI IN CONFERENZA STAMPA HA RACCONTATO IL VERO MOTIVO PER CUI HA LASCIATO IN ANTICIPO IL VERTICE NATO DI MADRID: NON C’ENTRA CONTE, MA L’AUMENTO DEI PREZZI DELL’ENERGIA! – “SONO RIENTRATO A ROMA PER L'OK AL DL BOLLETTE ENTRO OGGI. QUESTI PROVVEDIMENTI DOVEVANO NECESSARIAMENTE ESSERE ATTUATI OGGI, SENZA QUESTO CI SAREBBE STATO UN DISASTRO. LE BOLLETTE SAREBBERO ARRIVATE SENZA AGEVOLAZIONI CON RINCARI FINO AL 35 PER CENTO...”