MENTRE LE TRUPPE RUSSE DANNO L'ASSALTO FINALE NEL DONBASS PUTIN MUOVE GLI HACKER – IL GRUPPO RUSSO "RAHDIT" SOSTIENE DI AVER RESO PUBBLICI I DATI PERSONALI DI MIGLIAIA DI AGENTI SEGRETI UCRAINI: NUMERI DI PASSAPORTO, DI TELEFONO, INDIRIZZI EMAIL E POSIZIONI DEI DIPENDENTI DEL DIPARTIMENTO DELLA DIFESA – ALL'INIZIO DI GIUGNO, GLI STESSI HACKER AVEVANO SVELATO I DATI DI 700 DIPENDENTI DELLA SBU, I SERVIZI SPECIALI DI KIEV

-

Condividi questo articolo


HACKER RUSSI PUBBLICANO I DATI DEGLI 007 MILITARI UCRAINI

putin hacker russi meme putin hacker russi meme

(ANSA) – Il gruppo di hacker russo RaHDit afferma di aver reso pubblici i dati personali di migliaia di agenti segreti della Main Intelligence Directorate (Gur) del Ministero della Difesa ucraino. Lo riferisce il quotidiano russo Kommersant.

 

Sulla risorsa del gruppo Nemesis sono state pubblicate schede con informazioni personali, che indicano indirizzi di registrazione, numeri di passaporto, di telefono, di identificazione individuale, indirizzi email e posizioni dei dipendenti del dipartimento. L'autenticità dei dati non è stata confermata ufficialmente.

 

hacker russi hacker russi

Nel canale Telegram del gruppo, viene sottolineato che l'informazione è stata ottenuta a causa della vulnerabilità dell'infrastruttura digitale della Gur.

 

Secondo i membri di RaHDit, l'intelligence ucraina "è direttamente coinvolta nello sviluppo del nazionalismo, e i loro sabotatori minacciano la Russia".

 

All'inizio di giugno, RaHDit ha pubblicato i dati personali di 700 dipendenti della Sbu (servizi speciali ucraini), integrando le informazioni formali con informazioni sugli hobby dei dipendenti. Senza confermare l'esattezza dei dati, hanno accusato alcuni dipendenti di fare uso di droghe.

 

hacker russia hacker russia hacker russi hacker russi HACKER RUSSI HACKER RUSSI hacker russia hacker russia

 

Condividi questo articolo

politica

“CALENDA MI SEMBRA UN BIPOLARE CON DISTURBO DI PERSONALITÀ. È ‘BULLO DA SOLO’” - DAGO FA LA MESSA IN PIEGA AI POLITICI: “LETTA HA TANTI DIFETTI: NON HA CAPITO CHE BISOGNA PARLARE PER SLOGAN - RENZI HA IL CARATTERE DI UN PROVINCIALE FRUSTRATO, CHE VORREBBE FARSI ACCETTARE, NON CI RIESCE E FA LO SPACCONE - CONTE? NON SI È RESO CONTO CHE GRILLO GLI STA RESETTANDO IL M5S E ASPETTA CHE PASSI IL SUO CADAVERE - SALVINI E BERLUSCONI? NESSUNO DETESTA GIORGIA MELONI COME LORO. QUESTI NON HANNO CAPITO CHE L’ITALIA È UN PAESE A SOVRANITÀ LIMITATA. TUTTO SI DECIDE A BRUXELLES O A WASHINGTON. SE LAGARDE SMETTE DI COMPRARE BOT ITALIANI, FINIAMO CON IL SEDERE PER TERRA - LE ELEZIONI ITALIANE SARANNO OSSERVATE DALL’INTELLIGENCE DI TUTTO IL MONDO"

AGENTI DELL'FBI HANNO FATTO VISITA NELLA RESIDENZA DI TRUMP IN FLORIDA GIA’ LO SCORSO APRILE. SECONDO LA “CNN” IN QUELL'OCCASIONE INCONTRARONO DUE AVVOCATI DEL TYCOON –L’ARCINEMICA NANCY PELOSI GONGOLA VELENOSA: “NESSUNO È AL DI SOPRA DELLA LEGGE, NEANCHE UN EX PRESIDENTE” – IL FIGLIO ERIC: “SONO STATO IO AD AVVERTIRE MIO PADRE SUL RAID. ERANO UNA TRENTINA, FORSE DI PIÙ. NON VOGLIONO CHE MIO PADRE VINCA ANCORA NEL 2024” – A QUESTO PUNTO THE DONALD RISCHIA DI NON POTERSI RICANDIDARE PERCHE’…

DI BATTISTA SCOPRE LE CARTE: “NON MI CANDIDO PERCHÉ TANTI NON MI VOGLIONO, DA GRILLO A FICO - CONTE E' STATO IL PIU' CORRETTO E ONESTO CON ME - POLITICAMENTE OGGI NON MI FIDO DI BEPPE GRILLO CHE FA DA PADRE PADRONE E IO SOTTO DI LUI NON CI STO - MI HANNO IMPEDITO DI FARE IL CAPO POLITICO DEL M5S EVITANDO DI VOTARE, QUANDO NON HANNO NEPPURE VOLUTO PUBBLICARE I VOTI DEGLI STATI GENERALI PERCHÉ IO AVEVO PRESO IL TRIPLO DEI VOTI DI DI MAIO - C'E' CHI SI INFILA IN SEDE PD PER ELEMOSINARE UN SEGGIO, NON SONO COME LORO - CREERÒ UN’ASSOCIAZIONE PER FARE POLITICA DA FUORI…” - IL VIDEO SFOGO DI DI BATTISTA

E’ STATA LA MANO DI GRILLO - LEGGENDO L’INTERVISTA DI CASALINO AL “CORRIERE” SI IMMAGINA CHE LA SUA MANCATA CANDIDATURA SIA FRUTTO DI UN GESTO DI RESPONSABILITÀ: “HO CAPITO CHE LA MIA PRESENZA IN LISTA AVREBBE SCATENATO POLEMICHE E L'ULTIMA COSA CHE VOGLIO È ARRECARE UN DANNO AL MOVIMENTO O A CONTE” - IN REALTÀ LO STOP A CASALINO, CHE DA ANNI SOGNA DI POGGIARE LE SUE NATICHE SULLO SCRANNO DI SENATORE, È ARRIVATO DA BEPPE GRILLO, CHE SI E’ VENDICATO CON CONTE PER IL TRATTAMENTO RISERVATO ALLA SUA COCCA VIRGINIA RAGGI - IL VIDEO CON IL "CHE GUEVARA DI ROMA NORD" SPIEGA LA MANCATA CANDIDATURA