MONTI ÜBER ALLES - IL SUPER-MINISTRO MERKIAVELLICO SCHÄUBLE ESORTA GLI ITALIANI A NON VOTARE BERLUSCONI (“CON IL PROFESSORE, ITALIA PIÙ FORTE”) E IL PDL SI INFURIA: “CI VORREBBERO LORO SERVI” – NAPOLITANO OGGI INCONTRA OBAMA A WASHINGTON E DALLA CASA BIANCA SOTTOLINEANO I “GRANDI PROGRESSI” FATTI CON IL GOVERNO MONTIM– SULLA COPERTINA DELL’ ECONOMIST CAMPEGGIA LA DOMANDA: “CHI PUÒ SALVARE L’ITALIA?” MONTI, OF COURSE! (ANCHE IN TANDEM CON BERSANI)….

Condividi questo articolo


Andrea Tarquini per "la Repubblica"

Italiani, salvate l'Europa, non votate per Berlusconi, Berlino sta con Monti. Lo ha detto l'uomo- chiave del governo Merkel, il ministro delle Finanze Wolfgang Schäuble, nell'intervista che esce oggi su L'Espresso. Il premier uscente Monti ha dato stabilità all'Italia e a tutta l'Europa, ora non bisogna ostacolare il suo cammino, ha affermato ancora Schäuble.

Wolfgang SchäubleWolfgang Schäuble

La chiarissima scelta di campo di Berlino ha subito suscitato reazioni a Roma: Sandro Bondi, ex ministro del Pdl, chiede in un'interrogazione urgente «quali iniziative il presidente del Consiglio, Mario Monti, e il ministro Terzi intendano assumere nei confronti del governo tedesco per evitare che ingiustificate intromissioni di governi stranieri possano condizionare il corso della campagna elettorale». E secondo Maurizio Gasparri, «a Schäuble la rimonta del Pdl e la presenza forte di Berlusconi fanno paura, spiace privarsi di servi e lacché, l'Italia non sarà più una colonia della Germania ». Parole forti, muro contro muro.

SPOT ELETTORALE MARIO MONTI CON I NIPOTISPOT ELETTORALE MARIO MONTI CON I NIPOTI

Il caso Italia accende interesse e tensioni in Europa e nel mondo. Da Washington, interviene persino l'amministrazione Obama: «speriamo che il governo italiano mantenga la spinta e continui a essere una voce per la crescita», dice la portavoce del presidente Caitlin Hayden. Una dichiarazione di implicito apprezzamento per Monti che, infatti, il premier non manca di sottolineare: «Non mi imbarazza per niente, mi incoraggia
e mi fa piacere».

MARIO MONTI APPRENDISTA STREGONEMARIO MONTI APPRENDISTA STREGONE

La Casa Bianca, dichiara Monti a Telecamere, ha interesse che l'Italia «sia tirata via dalla lista dei potenziali infiammatori dell'Eurozona». Barack e Michelle in persona accoglieranno oggi nella Oval room il capo dello Stato Giorgio Napolitano, per esprimergli «il ringraziamento dell'America per tutto quello che ha fatto». In ogni caso, ha sottolineato David Thorne, ambasciatore Usa in Italia, «la situazione politica in Italia non preoccupa gli States, Roma resterà sempre un grande alleato».

SANDRO BONDISANDRO BONDI

Infine, ma non ultimo, interviene The Economist: gli italiani, scrive il grande osservatorio mediatico di Londra, hanno la scelta tra il buono, il cattivo e un esito largamente accettabile. «Il miglior risultato sarebbe che Monti restasse premier, il peggiore una vittoria di Berlusconi», continua l'Economist in un articolo intitolato "Chi può salvare l'Italia". «La terza via, ampiamente accettabile, sarebbe Bersani premier e Monti superministro dell'economia».

L'intervento tedesco, sullo sfondo della crescente tensione globale in attesa del voto italiano, è il più duro. «Motivo il mio no a Berlusconi col fatto che l'Italia è uno dei paesi più importanti della Ue e vanta la seconda produzione industriale in Europa, e un ritorno di Berlusconi al potere significherebbe un'Italia debole e una debolezza per l'intera Europa», dice il democristiano Schäuble, ex delfino di Helmut Kohl. Aggiunge: «Il mio consiglio agli italiani è di non ostacolare il cammino intrapreso da Monti perché quella della stabilità è la via migliore». E poi ancora: «Affermo senza alcun problema che sotto il governo Monti l'Italia è diventata più forte».

Maurizio GasparriMaurizio Gasparri Monti ObamaMonti Obama

Non è finita. Schäuble ricorda anche il suo recente incontro a Berlino con Bersani, e dice: «Lui mi ha detto che vorrà proseguire il cammino iniziato da Monti, e questo per me è importante». L'austerità sta rafforzando l'euro e l'eurozona, continua il ministro delle Finanze federale, e Italia e Germania sono una sorta di avanguardia europea nell'abbattimento degli handicap burocratici, per migliorare i meccanismi decisionali all'interno dell'Unione europea.

 

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY

ultimi Dagoreport

FLASH! - VIKTOR ORBÁN ASSUMERÀ IL 1° LUGLIO LA PRESIDENZA DI TURNO AL CONSIGLIO EUROPEO MA HA GIÀ FATTO INCAZZARE MEZZO CONTINENTE: IL MOTTO SCELTO DAL PREMIER UNGHERESE È MEGA (‘’MAKE EUROPE GREAT AGAIN’’). UN'EVIDENTE RIFERIMENTO AL MANTRA MAGA (‘’MAKE AMERICA GREAT AGAIN’’) CHE DA ANNI MARCHIA LE CAMPAGNE ELETTORALI DI DONALD TRUMP – NON BASTA: SFANCULATA LA DUCETTA PRO-KIEV, IL FILO PUTINIANO ORBAN MINACCIA DI ENTRARE NEL GRUPPO DI LE PEN-SALVINI – ASPETTANDO IL CAOS-ORBAN A PARTIRE DA LUGLIO, MACRON-SCHOLZ-TUSK VOGLIONO CHIUDERE LE NOMINE DELLA COMMISSIONE EU ENTRO IL 28 GIUGNO…

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)

C’EST FINI: DALLA CASA DI MONTECARLO ALLA SEPARAZIONE IN CASA - LA VICENDA MONEGASCA È STATA LA MINA CHE HA FATTO SALTARE IL MATRIMONIO DI GIANFRANCO FINI ED ELISABETTA TULLIANI - NON C’È NULLA DI UFFICIALE MA CHI ERA AMICO DELLA COPPIA DICE: “SI SONO LASCIATI DA UN BEL PO'” – GIÀ, A VEDERLI INSIEME NELL’AULA DEL PROCESSO SULLA CASA DI MONTECARLO, LONTANI E SENZA MAI INTRECCIARE UNO SGUARDO, ERANO LA RAPPRESENTAZIONE DI DUE CHE NON STANNO PIÙ INSIEME – NEGLI ULTIMI TEMPI, ALLA CENE IN CASA DEGLI AMICI, FINI SI PRESENTA SOLO, IL VOLTO SEMPRE PIÙ SOLCATO DA RUGHE E DAL DOLORE DI AVER BUTTATO VIA UNA CARRIERA POLITICA PER AMORE…

LE LODI A GIORNALI UNIFICATI PER ELISABETTA BELLONI, SHERPA AL G7, HANNO MANDATO IN TILT GLI OTOLITI FRAGILI DI GIORGIA MELONI - DELLA SERIE: MA ‘STA BELLONI LAVORA PER LO STATO O PER SE STESSA? - LA DUCETTA NON VUOLE NESSUNO A FARLE OMBRA, TANTOMENO UNA “SERVITRICE DELLO STATO” DALLE AMICIZIE TRASVERSALI CHE HA IL QUIRINALE NEL MIRINO - IL “DINAMISMO DI POTERE” DI ELISABETTA BELLONI, CHE HA APPESANTITO IL FEGATO DELLA MELONI, E’ DILAGATO SUI MEDIA GRAZIE ALL’OPERA DEL SUO CAPO DELLA COMUNICAZIONE AL DIS, LUCREZIA PAGANO - IL DAGOREPORT SU VITA, MIRACOLI E SUCCESSI DI LADY BELLONI, SEMPRE ABILE A DESTREGGIARSI NEL MARE AGITATO DELLA POLITICA ITALIANA