IL MOSCAGATE FA TREMARE LA DESTRA EUROPEA – OLTRE ALLA PROCURA DI BRUXELLES, ANCHE IL PARLAMENTO EUROPEO INDAGHERÀ SUL CASO DEGLI EURODEPUTATI CHE SAREBBERO STATI PAGATI DALLA RUSSIA PER DIFFONDERE LA SUA PROPAGANDA – I POLITICI CHE AVREBBERO RICEVUTO SOLDI ATTRAVERSO IL SITO “VOICE OF EUROPE” APPARTERREBERO AL GRUPPO EUROPEO DI IDENDITÀ & DEMOCRAZIA, QUELLO DELLA LEGA. MA LA PAURA SERPEGGIA ANCHE DENTRO ECR, IL PARTITO CONSERVATORE GUIDATO DA GIORGIA MELONI –TUTTI I NOMI CHE CIRCOLANO

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Claudio Tito per “la Repubblica”

 

bruxelles parlamento europeo bruxelles parlamento europeo

Il Parlamento europeo rischia di essere investito da un altro Qatargate. Con un altro nome, “Moscagate”, e con protagonisti diversi. Tutti, o quasi, provenienti dall’estrema destra d’Europa. Lo scandalo degli eurodeputati pagati dal Cremlino attraverso il sito ceco “Voice of Europe” sta, infatti, muovendo un passo dentro il Palazzo dell’Eurocamera. La “Dg Safe”, la Direzione che si occupa della sicurezza negli edifici parlamentari, ha infatti chiesto alle autorità del Belgio di avere i nomi di tutti gli eletti coinvolti nell’inchiesta. Del resto è stato il premier belga De Croo a denunciare l’azione di disinformazione antieuropea e di corruzione attivata dalla Russia.

 

roberta metsola giorgia meloni 1 roberta metsola giorgia meloni 1

[...] L’obiettivo è in primo luogo quello di evitare incidenti. Ma c’è un altro aspetto che inizia a prendere corpo al piano più alto, quello della presidente Roberta Metsola.

 

L’avvio di un’indagine interna. L’ufficio di presidenza potrebbe essere convocato prima del 22 aprile - prima cioè dell’ultima sessione plenaria che si riunirà a Strasburgo - per ufficializzare questa decisione. Nel frattempo iniziano a circolare sempre un numero maggiore di indiscrezioni sui soggetti coinvolti.

 

Thierry Henri Philippe Baudet Thierry Henri Philippe Baudet

I deputati che avrebbero ricevuto soldi da “Voice of Europe” per fare propaganda filorussa e antieuropea sono stati eletti - secondo le prime informazioni - in sei Paesi: Olanda, Belgio, Germania, Francia, Ungheria e Polonia. Ma di chi si tratta?

 

L’attenzione ricade, appunto, sui soggetti politici di estrema destra e che farebbero riferimento al Gruppo europeo di Idendità&Democrazia, quello cui è iscritta anche la Lega di Salvini. E la paura serpeggia anche dentro Ecr, il partito conservatore guidato a da Giorgia Meloni.

 

In particolare i sospetti ricadono sull’olandese Juiste Antwoord (Risposta corretta), nato da una costola del Forum per la Democrazia (FvD) guidato da Thierry Henri Philippe Baudet. Per la Germania i dubbi si concentrano sull’Afd, il partito di matrice neonazista che sta effettivamente riscuotendo molti consensi. Quanto all’Ungheria, il partito più vicino alle posizioni filo-Putin è Fidesz. Quello che esprime il primo ministro, Viktor Orban, che da anni non nasconde il suo rapporto con il Cremlino [...]

 

VIKTOR ORBAN EMMANUEL MACRON VIKTOR ORBAN EMMANUEL MACRON

In Belgio i riflettori stanno illuminando l’attività della “Nuova Alleanza Fiamminga”: un partito politico populista di destra che rivendica l’indipendenza delle Fiandre. Nato dalle ceneri del “Vlaams Blok” (Blocco Fiammingo), che si era autosciolto in seguito ad una condanna per violazione della legge sul razzismo e la xenofobia. A Varsavia, invece, i sospetti riguardano il partito “Polonia Sovrana”.

 

Poi c’è la Francia. In questo caso lo sguardo si rivolge verso il Front national di Marine Le Pen, ma anche sul Reconquete di Eric Zemmour. Se venisse confermato il coinvolgimento dell’eurodeputato “zemmouriano”, si aprirebbe anche un dossier sull’Ecr, il gruppo cui è iscritto anche Fratelli d’Italia. “Reconquete” da pochi mesi ha infatti aderito all’Ecr. Tra i Conservatori inizia a montare un certo allarme.

 

Se venisse comprovato il coinvolgimento di Zemmour e dell’ungherese Fidesz, che dovrebbe aderire all’Ecr dopo le elezioni eruropee di giugno, a quel punto i Conservatori entrerebbero inevitabilmente nella lista nera dei filorussi.

MARION MARECHAL LE PEN ERIC ZEMMOUR MARION MARECHAL LE PEN ERIC ZEMMOUR ERIC ZEMMOUR ERIC ZEMMOUR PARLAMENTO EUROPEO VOTAZIONE PARLAMENTO EUROPEO VOTAZIONE

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ALLA VIGILIA DEL DERBY CHE FORSE CONSEGNERÀ ALL’INTER LA SECONDA STELLA IN FACCIA AI TIFOSI DEL MILAN, GIUSEPPE MAROTTA METTE A SEGNO UN ALTRO COLPO: OTTIENE DA PIMCO UN FINANZIAMENTO DA 400 MILIONI PER RIPAGARE IL DEBITO CON OAKTREE, DANDO FIATO AL SUO AZIONISTA-FANTOCCIO ZHANG – INVECE GERRY CARDINALE VINCE LO SCUDETTO DEL BILANCIO, CHE IN UNA NAZIONE DOVE COMANDANO I FURBETTI, SA TANTO DELLA COPPA DEL NONNO – OGGI AL “SOLE 24 ORE”, CARDINALE RIPETE DI NON AVER BISOGNO DI SOCI PER IL MILAN. INTANTO HA FATTO SCADERE L’ESCLUSIVA CON GLI ARABI DI PIF, CHE AVREBBERO PORTATO 550 MILIONI E ANTONIO CONTE IN OMAGGIO…

DAGOREPORT - UN PUCCINI ALL’IMPROVVISO! – SCOOP! UN BRANO INEDITO DI GIACOMO PUCCINI SARA’ ESEGUITO PER LA PRIMA VOLTA AL LUCCA CLASSICA MUSIC FESTIVAL, IL PROSSIMO 28 APRILE – COMPOSTO NEL 1877 DA UN GIOVANE PUCCINI, S’INTITOLA “I FIGLI DELL’ITALIA BELLA – CESSATO IL SUO DELL’ARMI”: ERA RIMASTO A LUNGO “NASCOSTO”, POI DISPONIBILE SOLO IN FORMA INCOMPIUTA E, INFINE, RIPORTATO ALLA LUCE NELLA SUA INTEGRITA’ GRAZIE AL CENTRO STUDI PUCCINI – IL MISTERO DIETRO ALLA PARTITURA E I DIRITTI ACQUISITI ORA DAL CONSERVATORIO “LUIGI BOCCHERINI” DI LUCCA...

DAGOREPORT – IL DIAVOLO TRA DUE FUOCHI. IL MATRIMONIO TRA LOPETEGUI E IL MILAN È A UN PASSO. L’ACCORDO ECONOMICO È STATO TROVATO. MA PER L’ARRIVO DEL BASCO AL POSTO DI STEFANO PIOLI MANCA L'OK DI IBRAHIMOVIC, NOMINATO DA CARDINALE SUO PLENIPOTENZIARIO NEL CLUB – ZLATAN SPINGE PER ANTONIO CONTE, SOLUZIONE PIÙ GRADITA ALLA PIAZZA, IN CERCA DI UN MISTER CON GLI ATTRIBUTI (E LOPETEGUI IN SPAGNA È DETTO “EL CAGON”…) – RIUSCIRÀ IBRA A CONVINCERE LA SOCIETÀ A PUNTARE SU UN TECNICO DALLA PERSONALITÀ STRARIPANTE E MOLTO COSTOSO?

MADONNA? EVITA-LA! – QUELLA VOLTA CHE MADONNA VENNE A ROMA PER LA PRIMA DI “EVITA’’ E SI INCAZZÒ FACENDO ASPETTARE IL PUBBLICO PER UN’ORA E MEZZO - IL PATTO ERA CHE SUA FIGLIA, LOURDES, VENISSE BATTEZZATA NEGLI STESSI GIORNI DAL PAPA ALLA PRESENZA DEL PADRE, CHE SI CHIAMAVA JESUS - IL PRODUTTORE VITTORIO CECCHI GORI CONOSCEVA UN CARDINALE: “PRONTO, AVREI MADONNA, L’ATTRICE, CHE VORREBBE BATTEZZARE LA FIGLIA, LOURDES, COL PADRE, JESUS… E SE FOSSE DISPONIBILE IL PAPA…” – VIDEO

DAGOREPORT - CON AMADEUS, DISCOVERY RISCHIA: NON È UN PERSONAGGIO-FORMAT ALLA STREGUA DI CROZZA E FAZIO. È SOLO UN BRAVISSIMO CONDUTTORE MA SENZA UN FORMAT FORTE CHE L’ACCOMPAGNI, SARÀ DURISSIMA FAR DIGITARE IL TASTO 9. NELLA TV DI OGGI I PRODUTTORI DI CONTENUTI VENDONO CHIAVI IN MANO IL PACCHETTO FORMAT+CONDUTTORE ALLE EMITTENTI - ALLA CRESCITA DI DISCOVERY ITALIA, NEL 2025 SEGUIRA' ''MAX'', LA PIATTAFORMA STREAMING DI WARNER BROS-HBO CHE PORTERÀ A UNA RIVOLUZIONE DEL MERCATO, A PARTIRE DALLA TORTA PUBBLICITARIA. E LE RIPERCUSSIONI RIMBALZERANNO SUI DIVIDENDI DI MEDIASET E LA7 - A DIFFERENZA DI RAI E IN PARTE DI MEDIASET, DISCOVERY HA UNA STRUTTURA SNELLA, SENZA STUDI DI REGISTRAZIONE, SENZA OBBLIGHI DI ASSUNZIONI CLIENTELARI NÉ DI FAR TALK POLITICI - LIBERI DI FARE UN CANALE5 PIÙ GIOVANE E UN’ITALIA1 PIÙ MODERNA, IL PROSSIMO 9 GIUGNO DOVRANNO DECIDERE SE FARE O MENO UNO SPAZIO INFORMATIVO. NEL CASO IN CUI PREVARRA' IL SÌ, SARÀ UN TG MOLTO LEGGERO, UNA SORTA DI ANSA ILLUSTRATA (E QUI RICICCIA L'OPZIONE ENRICO MENTANA)