NON SOLO AGENDA DRAGHI, LA BATTAGLIA DEI “COCOMERI” BONELLI E FRATOIANNI E’ ANCHE (SE NON SOPRATTUTTO) SUI COLLEGI – VERDI E SINISTRA HANNO CHIESTO DI RINEGOZIARLI, PERCHÉ “SI E’ DATO TROPPO SPAZIO A CALENDA CHE HA PIÙ O MENO IL NOSTRO PESO ELETTORALE”- DOPO AVER INCASSATO IL SI’ DEI VERDI ALL’ACCORDO, LETTA ASPETTA LA SINISTRA. MA CALENDA INSISTE: “O ME O LORO”. E RENZI NE APPROFITTA. “SONO DISPONIBILE AL CONFRONTO CON IL LEADER DI AZIONE SE..."

-

Condividi questo articolo


ALESSANDRA ARACHI per il Corriere della Sera

 

enrico letta nicola fratoianni enrico letta nicola fratoianni

Una giornata di incontri e giravolte in un centrosinistra dove le acque ieri si sono agitate e non si sono placate nemmeno in tarda serata. Il segretario dem Enrico Letta ha incontrato tutti: Carlo Calenda, Benedetto Della Vedova, Angelo Bonelli, Nicola Fratoianni, Luigi Di Maio. Ha incassato il sì dei Verdi ma non ce l'ha ancora fatta a definire le alleanze per la coalizione.

 

Non era facile, ieri. Con il leader di Azione che ha passato tutta la giornata ad attaccare i rossoverdi Fratoianni e Bonelli proprio nel giorno in cui Letta avrebbe voluto chiudere l'accordo con loro. Calenda di quell'accordo non ne vuole proprio sapere. E così l'intesa con i rossoverdi è rimasta ancora una volta in sospeso, dopo un altro incontro avuto in serata con il segretario del Pd.

 

L'eurodeputato lo ha detto e ripetuto in ogni modo e in ogni social: «Direi che abbiamo raggiunto un punto di chiarezza: mi pare del tutto evidente che c'è una scelta netta da fare per il Pd». Non sembrano esserci mezzi termini: o me o loro. Peccato che con Azione di Calenda ci sia anche +Europa di Emma Bonino e Benedetto Della Vedova. E che proprio quest' ultimo sia stato l'artefice dell'accordo con il Pd.

nicola fratoianni enrico letta nicola fratoianni enrico letta

 

Ma niente da fare. Calenda non si è placato nemmeno durante l'incontro che Letta ha convocato con Della Vedova. Nell'incontro il primo ha rimesso con forza sul tavolo i punti sui quali non è disposto a derogare. E basterebbe l'agenda Draghi, per far saltare il banco. Proprio Fratoianni, infatti, ieri ha voluto forzare la mano su questo: «L'agenda Draghi? Non esiste. Lo ha detto Draghi stesso. Povero Calenda deve correre in cartoleria a comprarsene un'altra».

 

C'è poi la non secondaria questione dei collegi a dividere gli animi: Bonelli e Fratoianni hanno chiesto di rinegoziarli, perché «troppo spazio a Calenda che ha più o meno il nostro peso elettorale» .

 

nicola fratoianni enrico letta nicola fratoianni enrico letta

Contro il leader di Azione si è scagliato anche Luigi Di Maio oggi alleato con Bruno Tabacci: «Calenda sta disgregando la coalizione». Una coalizione dove il ministro degli Esteri si aspetta di avere «pari dignità e rispetto. Serve una coalizione unita e larga». Una coalizione più larga e plurale: è l'obiettivo di Letta. Del resto è quello che prevede la legge elettorale, alleanze «tecniche» tra soggetti politici che portano avanti ciascuno il suo programma. Per questo dal Nazareno ieri confermavano fiduciosi l'accordo con Azione e +Europa, prima che Letta incontrasse Bonelli e Fratoianni.

IL DISAGIO DI BONELLI E FRATOIANNI BY ELLEKAPPA IL DISAGIO DI BONELLI E FRATOIANNI BY ELLEKAPPA

 

Il faccia a faccia con i Verdi e Sinistra è stato poi fatto via zoom, subito dopo che la direzione dei primi aveva votato a favore dell'accordo con il Pd e un no secco ad un'intesa con il M5S. Oggi l'assemblea di Sinistra italiana deciderà. L'intenzione di Letta è chiudere tutto in giornata. Ma far quadrare il cerchio non è facile. Calenda freme. E Matteo Renzi ne approfitta. «Sono disponibile al confronto con Calenda se pensa di fare dietrofont», dice l'ex premier, ribadendo il suo «no» a un'intesa con Di Maio.

ANGELO BONELLI NICOLA FRATOIANNI ANGELO BONELLI NICOLA FRATOIANNI NICOLA FRATOIANNI NICOLA FRATOIANNI CARLO CALENDA NICOLA FRATOIANNI CARLO CALENDA NICOLA FRATOIANNI NICOLA FRATOIANNI NICOLA FRATOIANNI ANGELO BONELLI NICOLA FRATOIANNI ANGELO BONELLI NICOLA FRATOIANNI enrico letta nicola fratoianni enrico letta nicola fratoianni

 

Condividi questo articolo

politica

“SE LETTA VA ALLA SEGRETERIA GENERALE DELLA NATO TEMPO SEI MESI I RUSSI ARRIVANO IN PORTOGALLO” – RENZI, CHE TALENTO SPRECATO: POTEVA FARE IL COMICO, CE LO DOBBIAMO SORBIRE IN POLITICA! MATTEUCCIO SPERNACCHIA ENRICHETTO: “NON HO NESSUN PROBLEMA PERSONALE CON LUI. HA DETTO ‘NON VOGLIO RENZI PERCHÉ MI STA ANTIPATICO. BERLUSCONI INECE HA DETTO 'DEVI VENIRE CON NOI'’” – POI APRE A UN EVENTUALE APPOGGIO A UN GOVERNO DI CENTRODESTRA: “SE CI SARÀ UN PROBLEMA CERCHEREMO DI DARE UNA MANO COME ABBIAMO FATTO CON DRAGHI” – IL DAGO-SCENARIO: COME, INSIEME A UN GRUPPO DI FORZISTI, VUOLE IMPEDIRE A GIORGIA MELONI DI ANDARE A PALAZZO CHIGI…