NUOVI DEMOCRISTIANI A 5 STELLE - LUIGI DI MAIO A UN CONVEGNO SULL’EUROPA CON IL GESUITA ANTONIO SPADARO, VICINISSIMO AL PAPA: “QUESTA È CASA MIA, LA CHIESA È CASA MIA, IO SONO CATTOLICO” - CITAZIONI DI JEAN MONNET E DI DON STURZO, NESSUNA DI GRILLO -

Condividi questo articolo


Giovanna Casadio per “la Repubblica

 

DI MAIO AL CONVEGNO CATTOLICO DI MAIO AL CONVEGNO CATTOLICO

«Questa è casa mia, la Chiesa è casa mia, io sono cattolico». Luigi Di Maio si ferma a visitare il chiostro di Santa Maria sopra Minerva con il priore frate Riccardo Lufrani. Appena concluso il dibattito sull' Europa con il gesuita Antonio Spadaro, il leader dei 5Stelle, vicepresidente della Camera, è soddisfatto.

 

Si è parlato di Europa in un convegno organizzato dalla rivista di geopolitica Limes diretta da Lucio Caracciolo, ma soprattutto Di Maio accredita se stesso e i grillini presso l' intellighenzia ecclesiastica. «È la prima volta che incontro padre Spadaro », dice alla fine. Il gesuita direttore di Civiltà cattolica, teologo e intellettuale, vicinissimo a Papa Francesco, dal canto suo premette: «Non esiste nessun placet vaticano a questo incontro, non ce n' era bisogno».

DI MAIO AL CONVEGNO CATTOLICO DI MAIO AL CONVEGNO CATTOLICO

 

Perché in definitiva, pur parlando di Europa e Brexit, la valenza politica c' è tutta: il Movimento governa la Capitale e, come Di Maio sottolinea, ha l' ambizione di «fare chiarezza tra percezione e realtà dei 5Stelle, che non significa che sono qui per pubblicizzarlo ma perché siamo la prima forza d' opposizione e, secondo qualche sondaggio, la prima del paese». E se si ha l' ambizione di governare, spiega ancora, bisogna aprirsi e ascoltare.

 

PADRE ANTONIO SPADARO PADRE ANTONIO SPADARO

L' intento è dichiarato. I testimoni cattolici sono d' eccezione e si scambiano battute del tipo: «Tempo fa ci saremo accolti nelle reciproche prigioni» (il gesuita padre Spadaro al domenicano frate Lufrani). Quindi, l' Europa. Cambio di rotta e di strategia. I 5Stelle non sono anti europeisti. Di Maio afferma che non lo sono mai stati e che solo una mancata spiegazione delle loro posizioni ha portato al fraintendimento.

PADRE ANTONIO SPADARO CON IL PAPA PADRE ANTONIO SPADARO CON IL PAPA

 

«Tutti nel M5S si sentono europei, noi non siamo mai stati una forza che voleva uscire dall' Unione europea pur criticandola molto duramente». D' altra parte l' Europa ha smesso di essere comunità, in nome dell' austerità ha penalizzato i più deboli. Questa Europa della moneta unica, del centralismo burocratico ha tradito i suoi valori fondativi e deve cambiare». Tante citazioni di Jean Monnet, di don Sturzo. Nessuna dell' euroscettico Nigel Farage con cui i 5Stelle hanno avuto un certo feeling.

 

ANTONIO SPADARO ABBRACCIA PAPA FRANCESCO ANTONIO SPADARO ABBRACCIA PAPA FRANCESCO

Non ne sbaglia una questa volta, Di Maio, in grisaglia con cravatta grigio perla. Nessuno scivolone come quello sulla lobby dei malati di cancro. Inizia con l' omaggio a padre Jacques sgozzato a Rouen e con l' appello al l' unità necessaria nella lotta al terrorismo passa alle rassicurazioni ma anche alle stilettate contro chi strumentalizza il referendum costituzionale sostenendo che cosi il paese sarà più sicuro («Ci vorrebbe più serietà »).

 

Riferimento alla ministra Boschi. Poi contro la rottamazione. Padre Spadaro parla dell' europeismo di Bergoglio, lo arricchisce di aneddoti sulla piemontesità del Papa: «Papa Francesco è un migrante». Altro tema: periferie e immigrazione.«Periferie - ragiona Di Maio che dopo le amministrative la politica italiana ha scoperto e che hanno determinano la nostra vittoria a Roma e Torino. Non significa spostarsi a Tor Bella Monica, ma ascoltare».

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! - SIAMO ARRIVATI ALLA CANNA DEL GAS? LO SPREAD QUESTA MATTINA HA TOCCATO QUOTA 200, CON I RENDIMENTI BTP AI MASSIMI DA 10 ANNI A QUESTA PARTE - DAL NADEF SCODELLATO DAL GOVERNO MELONI I MERCATI INTERNAZIONALI SI ASPETTAVANO UNA RIDUZIONE DEL NOSTRO ENORME DEBITO PUBBLICO DELLO 0,5%, INVECE SI SONO TROVATI LO 0,1%. E L’ALGORITMO DEI FONDI HA SUBITO DATO ORDINE DI VENDERE I BTP - MA IL PEGGIO ARRIVERÀ FRA DUE SETTIMANE CON LO SBARCO A ROMA DELLE PRINCIPALI AGENZIE DI RATING…

COME MAI PAOLO BERLUSCONI, CHE NON HA MAI AVUTO IL DNA AFFABULATORIO, EGO-ESPANSO E ARCI-NARCISISTA DEL FRATELLO MAGGIORE SILVIO, HA LEGNATO SENZA ALCUN RIGUARDO MARTA FASCINA, ULTIMA INCONSOLABILE COMPAGNA DEL FRATELLO DEFUNTO? DIETRO LA REPRIMENDA SI PUÒ LEGGERE UN AVVISO DI SFRATTO DEL BISCIONE FAMILY. CARA MARTA, A FINE ANNO PREPARA LE VALIGIE, GIRA I TACCHI E MOLLA ARCORE: CON I 100 MILIONI DI EREDITÀ INTASCATI PER AVER TENUTO STRETTA COME UNA TRAPPOLA PER TOPI LA MANO DI SILVIO, PUOI TROVARE, CON IL TUO AMATO PAPÀ AL SEGUITO, UN'ALTRA DOVIZIOSA DIMORA - DIETRO TALE BRUTALE AVVISO DI CAMBIARE ARIA, C’È IL DESIDERIO DI PIERSILVIO DI PRENDERE POSSESSO DELLA REGGIA BRIANZOLA (ANCHE PERCHE' LA FOLTA SERVITU' GRAVA SULLE TASCHE DEI BERLUSCONI)

DAGOREPORT! - COME È ANDATO IL FACCIA A FACCIA TRA GIORGIA MELONI E DANIELA SANTANCHÉ PER FARE CHIAREZZA SUI GUAI GIUDIZIARI DELLA “PITONESSA”? LA PREMIER HA FATTO NOTARE CHE UN PASSO INDIETRO SAREBBE SAGGIO, LA SANTADECHÉ HA DIFESO LA SUA POSIZIONE, ACCUSANDO I QUOTIDIANI DI DIFFONDERE BALLE, E HA GARANTITO CHE L’INCHIESTA SI SGONFIERÀ - LA SORA GIORGIA HA DATO FIDUCIA ALLA “SANTA” MA LE HA ANCHE SBATTUTO IN FACCIA UNA PROMESSA: SE ARRIVASSE PER TE IL RINVIO A GIUDIZIO, SARÒ IO STESSA AD ANNUNCIARE LE TUE DIMISSIONI...

DAGOREPORT – COM’È ANDATO L’INCONTRO TRA EMMANUEL MACRON E GIORGIA MELONI? LA PREMIER È TORNATA DRAGHETTA: NO A TONI TRUCI, LARGO AI SORRISI – IL TOYBOY DELL’ELISEO E' STATO DISPONIBILE SUL TEMA MIGRANTI, MA HA INCALZATO LA SORA GIORGIA SULL'INVITO A PONTIDA DI SALVINI A MARINE LE PEN, SUA PRIMA AVVERSARIA ALLE ELEZIONI EUROPEE (NEL MIRINO ANCHE LA KERMESSE SOVRANISTA DI DICEMBRE) – I DUBBI DI MACRON SUL ''PIANO MATTEI'': NON ESISTE, NON C'E' ALCUN DOCUMENTO, SE NON DIECI PAGINETTE E SLIDE PREPARATE DALL'ENI - TAJANI A BERLINO PER RICUCIRE I RAPPORTI DOPO LA DURISSIMA MISSIVA DI MELONI A SCHOLZ...

DAGOREPORT! - NEL PD SCOPPIA LA GUERRA PER IL DOPO ELLY – IL VOTO EUROPEO SARA' PROBABILMENTE IL CAPOLINEA DELLA MULTIGENDER TENDENZA MURGIA. E PRIMA DI FINIRE SBATTUTI FUORI DALLA GUIDA DEL PD DALLA CORRENTE DI BONACCINI & GUERINI, FRANCESCHINI & BOCCIA SI FANNO UN CORRENTONE E LO FANNO INGHIOTTIRE ALLA RECALCITRANTE ELLY – LE CRITICHE ALLA SCHLEIN PER L’IRRISOLTO RAPPORTO CON CONTE E IL NODO SUI CANDIDATI PER LE REGIONALI - A DARIO NARDELLA NON HANNO FATTO PIACERE LE VOCI CHE LO DANNO AL POSTO DI ELLY. IL MOTIVO…