NUOVI DEMOCRISTIANI A 5 STELLE - LUIGI DI MAIO A UN CONVEGNO SULL’EUROPA CON IL GESUITA ANTONIO SPADARO, VICINISSIMO AL PAPA: “QUESTA È CASA MIA, LA CHIESA È CASA MIA, IO SONO CATTOLICO” - CITAZIONI DI JEAN MONNET E DI DON STURZO, NESSUNA DI GRILLO -

Condividi questo articolo


Giovanna Casadio per “la Repubblica

 

DI MAIO AL CONVEGNO CATTOLICO DI MAIO AL CONVEGNO CATTOLICO

«Questa è casa mia, la Chiesa è casa mia, io sono cattolico». Luigi Di Maio si ferma a visitare il chiostro di Santa Maria sopra Minerva con il priore frate Riccardo Lufrani. Appena concluso il dibattito sull' Europa con il gesuita Antonio Spadaro, il leader dei 5Stelle, vicepresidente della Camera, è soddisfatto.

 

Si è parlato di Europa in un convegno organizzato dalla rivista di geopolitica Limes diretta da Lucio Caracciolo, ma soprattutto Di Maio accredita se stesso e i grillini presso l' intellighenzia ecclesiastica. «È la prima volta che incontro padre Spadaro », dice alla fine. Il gesuita direttore di Civiltà cattolica, teologo e intellettuale, vicinissimo a Papa Francesco, dal canto suo premette: «Non esiste nessun placet vaticano a questo incontro, non ce n' era bisogno».

DI MAIO AL CONVEGNO CATTOLICO DI MAIO AL CONVEGNO CATTOLICO

 

Perché in definitiva, pur parlando di Europa e Brexit, la valenza politica c' è tutta: il Movimento governa la Capitale e, come Di Maio sottolinea, ha l' ambizione di «fare chiarezza tra percezione e realtà dei 5Stelle, che non significa che sono qui per pubblicizzarlo ma perché siamo la prima forza d' opposizione e, secondo qualche sondaggio, la prima del paese». E se si ha l' ambizione di governare, spiega ancora, bisogna aprirsi e ascoltare.

 

PADRE ANTONIO SPADARO PADRE ANTONIO SPADARO

L' intento è dichiarato. I testimoni cattolici sono d' eccezione e si scambiano battute del tipo: «Tempo fa ci saremo accolti nelle reciproche prigioni» (il gesuita padre Spadaro al domenicano frate Lufrani). Quindi, l' Europa. Cambio di rotta e di strategia. I 5Stelle non sono anti europeisti. Di Maio afferma che non lo sono mai stati e che solo una mancata spiegazione delle loro posizioni ha portato al fraintendimento.

PADRE ANTONIO SPADARO CON IL PAPA PADRE ANTONIO SPADARO CON IL PAPA

 

«Tutti nel M5S si sentono europei, noi non siamo mai stati una forza che voleva uscire dall' Unione europea pur criticandola molto duramente». D' altra parte l' Europa ha smesso di essere comunità, in nome dell' austerità ha penalizzato i più deboli. Questa Europa della moneta unica, del centralismo burocratico ha tradito i suoi valori fondativi e deve cambiare». Tante citazioni di Jean Monnet, di don Sturzo. Nessuna dell' euroscettico Nigel Farage con cui i 5Stelle hanno avuto un certo feeling.

 

ANTONIO SPADARO ABBRACCIA PAPA FRANCESCO ANTONIO SPADARO ABBRACCIA PAPA FRANCESCO

Non ne sbaglia una questa volta, Di Maio, in grisaglia con cravatta grigio perla. Nessuno scivolone come quello sulla lobby dei malati di cancro. Inizia con l' omaggio a padre Jacques sgozzato a Rouen e con l' appello al l' unità necessaria nella lotta al terrorismo passa alle rassicurazioni ma anche alle stilettate contro chi strumentalizza il referendum costituzionale sostenendo che cosi il paese sarà più sicuro («Ci vorrebbe più serietà »).

 

Riferimento alla ministra Boschi. Poi contro la rottamazione. Padre Spadaro parla dell' europeismo di Bergoglio, lo arricchisce di aneddoti sulla piemontesità del Papa: «Papa Francesco è un migrante». Altro tema: periferie e immigrazione.«Periferie - ragiona Di Maio che dopo le amministrative la politica italiana ha scoperto e che hanno determinano la nostra vittoria a Roma e Torino. Non significa spostarsi a Tor Bella Monica, ma ascoltare».

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH – PARE CHE L’INSISTENZA DI GIORGIA MELONI NON SIA SERVITA A MOLTO: LA PREMIER ITALIANA NON AVREBBE OTTENUTO LA VICEPRESIDENZA ESECUTIVA DELLA COMMISSIONE EUROPEA, CHE TANTO BRAMAVA PER IL “SUO” RAFFAELE FITTO. LA DUCETTA DEVE FARE I CONTI CON LA SPACCATURA, AMPIAMENTE PREVISTA, DI ECR: LA “MAGGIORANZA” DEI CONSERVATORI VOTERÀ CONTRO URSULA VON DER LEYEN, CHE SI È PARATA LE CHIAPPE ACCORDANDOSI CON I VERDI. E FRATELLI D’ITALIA? SARANNO COMPATTI, MA SU COSA CE LO DIRANNO SOLO DOPO...

TRUMP HA SCELTO J.D. VANCE CON UN OBIETTIVO PRECISO: LASCIARGLI FARE L’ESAGITATO A CACCIA DI ELETTORI INCAZZATI, MENTRE LUI SI RITAGLIA UN RUOLO PIÙ MODERATO – “THE DONALD”, CHE PENSA DI RIPORTARE NEL SUO STAFF MIKE POMPEO, HA EPURATO LA FIGLIA “TRADITRICE” IVANKA E IL GENERO JARED KUSHNER – OBAMA NON SA SE SILURARE BIDEN: HA PAURA CHE IL CANDIDATO SCELTO PER SOSTITUIRLO VENGA SCONFITTO (A QUEL PUNTO LUI PERDEREBBE LA FACCIA) – IL PRESIDENTE PUÒ ARRENDERSI SOLO SE FINISCE I SOLDI – LA TELEFONATA TRA LO SVALVOLATO ROBERT F. KENNEDY E TRUMP, SPIATTELLATA ONLINE - VIDEO

DAGOREPORT - E DIVORZIO FU! CON UN ACCORDO SULLA PROPRIETÀ DI UNA VILLA A FIESOLE, OMOLOGATO DALLA PROCURA DI FIRENZE QUESTA MATTINA, È SCESO DEFINITIVAMENTE IL SIPARIO: FRANCESCA PASCALE E PAOLA TURCI HANNO SCIOLTO LA LORO UNIONE CIVILE - ORA GLI ATTI DEL DIVORZIO VERRANNO TRASFERITI AL COMUNE DI MONTALCINO, DOVE, APPENA DUE ANNI FA. FU CELEBRATO IL “MATRIMONIO” DELL'EX FIRST LADY DEL BERLUSCONISMO CON LA CANTAUTRICE - PURTROPPO, ANCHE I MIRACOLI LESBO SONO COME QUELLI ETERO: NON DURANO. FINITA L’INIZIALE PASSIONE, DA ALMENO UN ANNO L’ALCHIMIA EROTICA TRA PAOLA E FRANCESCA ERA ALLA DERIVA CON L’ENTOURAGE DELLA COPPIA CHE SUSSURRAVA DI “CADUTA DEL DESIDERIO”, “CRISI”, “SCAZZI”, “ALLONTANAMENTI”, LITIGI E RIPICCHE. QUESTA MATTINA, L’ULTIMO ATTO…

DAGOREPORT - "BENVENUTI A PAMPLONA, TURISTI DEL CAZZO"! - CRONACHE DALLA FOLLE FESTA DI SAN FERMIN, DOVE ALLE 8 DI MATTINA MIGLIAIA DI PERSONE SCAPPANO PER QUASI UN CHILOMETRO SPERANDO DI NON FARSI INCORNARE DAI TORI: NON TUTTE CI SONO RIUSCITE, DAL 1910 IL BILANCIO DELLE VITTIME E' DI 16 PERSONE - L'ARRIVO DEI BESTIONI NELL'ARENA GREMITA DI GENTE UBRIACA CHE CANTA I RICCHI E POVERI. LE NOTTI A LUCI ROSSE DEI TURISTI AMERICANI. LA FINALE DEGLI EUROPEI IGNORATA COMPLETAMENTE ("GLI SPAGNOLI? DEI FIGLI DI PUTTANA") - VIDEO

DAGOREPORT - LA DISAVVENTURA CHE VIDE GIANNI AGNELLI E IL PLAYBOY GIGI RIZZI FINIRE PER TRE GIORNI IN UNA GALERA FRANCESE - UNA BOMBASTICA STORIA RACCONTATA DA UN EX DIRIGENTE FIAT CHE, VA AMMESSO, NON È SOSTENUTA DA UN DOCUMENTO O INDISCREZIONI GOSSIP - IL FATTACCIO AVVENNE NEL1969 A CAP FERRAT: LA TRUPPA SBRONZA E SU DI GIRI CAPITANATA DA GIGI RIZZI, RINFORZATA DALLA PRESENZA CHIC DELL’AVVOCATO, MISE SOTTOSOPRA UN NIGHT CLUB. CI VOLLE L'INTERVENTO DELLA POLIZIA PER FRENARE LA BABILONIA DEGLI "ITALIENS” - RIZZI E AGNELLI FURONO BECCATI IN POSSESSO DI DOSI DI COCAINA E FINIRONO IN GATTABUIA...