ORBAN E’ LA QUINTA COLONNA DI PUTIN NELL’UE - PERSINO LA GERMANIA, DA SEMPRE DIALOGANTE CON BUDAPEST, S’È ROTTA IL CAZZO DEI CONTINUI VETI DI ORBAN: DICE “NO” ALLE FORNITURE DI ARMI A KYIV, SI OPPONE ALLE SANZIONI CONTRO LA RUSSIA E BLOCCA L’ACCORDO PER FAR RIPARTIRE LE ESPORTAZIONI DI GRANO DALL’UCRAINA VERSO L’UE - IL SOSTEGNO SEMPRE PIÙ ESPLICITO DELL’UNGHERIA ALLA RUSSIA HA FATTO ANCHE IMPLODERE IL GRUPPO DI VISEGRÁD E ORA SI POTREBBE APRIRE UN CONFLITTO CON L’AUSTRIA SULLA GESTIONE DEI MIGRANTI…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di David Carretta per “il Foglio”

 

vladimir putin viktor orban 4 vladimir putin viktor orban 4

Il costante sabotaggio condotto dall’Ungheria di Viktor Orbán contro le politiche dell’Unione europea, a cominciare dal sostegno all’Ucraina per difendersi dalla guerra di aggressione della Russia, potrebbe presto raggiungere un punto di rottura. Lunedì, durante il Consiglio Affari esteri, è andato in scena un vivace confronto tra la ministra tedesca, Annalena Baerbock, e il suo omologo ungherese, Péter Szijjártó, sul veto di Budapest alla prossima tranche da 500 milioni della Peace facility per finanziare le forniture di armi a Kyiv.

vladimir putin viktor orban 2 vladimir putin viktor orban 2

 

La scusa è la decisione del governo ucraino di inserire la banca ungherese Otp, che opera in Russia dove ha 2,2 milioni di clienti, nella sua lista degli “sponsor della guerra”. Baerbock ha difeso le argomentazioni di Kyiv: Otp rispetta un decreto del governo di Vladimir Putin sui territori occupati in Ucraina e fornisce prestiti a tassi agevolati a membri dell’esercito russo. Szijjártó ha reagito usando le stesse argomentazioni della banca: le informazioni che hanno portato Otp nella lista nera ucraina “non sono corrette”.

 

vladimir putin viktor orban 3 vladimir putin viktor orban 3

Budapest ha usato la stessa scusa anche per frenare l’adozione dell’undicesimo pacchetto di sanzioni contro la Russia. […] la Germania non nasconde più la sua esasperazione. Martedì il ministro tedesco della Difesa, Boris Pistorius, si è detto “molto deluso” e “irritato” dal veto dell’Ungheria.

 

Armi e sanzioni non sono l’unico problema posto dall’Ungheria. Il governo di Orbán sta anche bloccando l’accordo per far ripartire le esportazioni di grano dall’Ucraina verso l’Ue, dopo che Polonia, Ungheria, Bulgaria e Slovacchia hanno vietato l’ingresso e il transito sul loro territorio. Malgrado la violazione del diritto dell’Ue, il 28 aprile la Commissione aveva proposto un compromesso accettato dai quattro paesi: 100 milioni di euro di aiuti per i loro agricoltori (di cui 16 milioni all’Ungheria).

 

viktor orban vladimir putin viktor orban vladimir putin

Ma Budapest non ha rispettato una delle condizioni: revocare le misure unilaterali che impediscono al grano ucraino di transitare sul suo territorio. Per il momento, dunque, i 100 milioni restano nelle casse di Bruxelles […] Le relazioni tra Budapest e le altre capitali si stanno degradando sempre di più.

 

Il sostegno sempre più esplicito di Orbán alla Russia ha fatto implodere il gruppo di Visegrád. I paesi nordici e baltici sono irritati dalla mancata ratifica dell’adesione della Svezia alla Nato. Questa settimana l’Ungheria ha fatto scoppiare un nuovo incidente che potrebbe minare i rapporti con uno degli ultimi stati membri che si mostra ancora comprensivo con Budapest: l’Austria. Il governo ungherese ha deciso di rilasciare dal carcere centinaia di stranieri condannati come trafficanti di esseri umani, a condizione che lascino il territorio entro 72 ore.

 

All’origine c’è un conflitto sui fondi dell’Ue. Bruxelles non paga per la gestione delle frontiere esterne, ma “si aspetta da noi che teniamo i trafficanti in prigione a spese dei contribuenti ungheresi”, ha spiegato il sottosegretario agli Affari interni, Bence Rétvári. Una delle destinazioni dei trafficanti espulsi dall’Ungheria è l’Austria. […]

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

DAGOREPORT - SE "AMERICA FIRST" DI TRUMP CONQUISTERA' LA CASA BIANCA PER L'EUROPA NULLA SARA' COME PRIMA - NEI SUOI 4 ANNI DA PRESIDENTE TRUMP NON HA MANCATO DI EVIDENZIARE L’IRRILEVANZA DELL'UNIONE EUROPEA, ENTRANDO IN CONFLITTO PER LO SCARSO IMPEGNO ECONOMICO A FINANZIARE LA NATO - AL 'NYT' IL TRUCE VANCE HA GIA' MESSO IN CHIARO CHE IL FUTURO DELL'UCRAINA "NON E' NEL NOSTRO INTERESSE" - SE LO ZIO SAM CHIUDE I RUBINETTI, DOVE VA UN'EUROPA DISSANGUATA DALLA GUERRA RUSSO-UCRAINA? AL VECCHIO CONTINENTE NON RESTERA' ALTRO CHE RICOMINCIARE A FARE AFFARI CON IL PRINCIPALE COMPETITOR DEGLI STATI UNITI PER LA SUPREMAZIA GLOBALE, L'ONNIPRESENTE CINA DI XI JINPING - DAVANTI A UNO SCENARIO DEL TUTTO NUOVO, CON L'UE COSTRETTA A RECUPERARE I RAPPORTI CON PECHINO E MOSCA (ORBAN E' GIA' AL LAVORO), COME REAGIRA' L'EX "SCERIFFO DEL MONDO"? 

E ORA LA MELONA, RIMASTA CON UN PUGNO DI POLVERE IN MANO, CHE FA? ALL’EVITA PERON DE’ NOANTRI NON RESTA CHE ATTACCARSI ALLA GIACCHETTA DI CICCIO TAJANI PER LA PARTITA DEI COMMISSARI (PROBABILMENTE PERÒ, NON OTTERRÀ DI MEGLIO CHE LA DELEGA ALLA COESIONE) – LA DUCETTA ERA TORMENTATA DAI DUBBI SUL VOTO ALLA VON DER LEYEN, MA POI HA CEDUTO ALLA FIAMMA MAGICA DI FAZZOLARI E ARIANNA, IDEOLOGICAMENTE CONTRARIA. L’HANNO MANDATA A SBATTERE PER LA PAURA DI PERDERE IL 6% RAPPRESENTATO DALLO ZOCCOLO DURO E PURO DI VECCHI ARNESI FASCI CHE ANCORA POPOLA FDI – LA POVERA URSULA CI HA PROVATO IN TUTTI I MODI: NEL SUO DISCORSO HA PARLATO APERTAMENTE DEL PATTO SUI MIGRANTI, MA DI FRONTE ALLA FOLLE RICHIESTA ITALIANA DI OTTENERE UNA VICEPRESIDENZA, HA DOVUTO FARE PIPPA – PS: CHI SONO I DUE FRATELLI D’ITALIA CHE HANNO VOTATO SÌ A VON DER LEYEN?