IL ‘’PECCATORE’’ FRANCESCO SCEGLIE IL DOPO-BERTONE. O NO?

Potrebbe spuntarla Celli: conosce l’Oriente ma, soprattutto, sa leggere i bilanci avendo trascorso diversi anni all’Apsa – Magari resta per un altro anno Bertone - La risposta di Bergoglio al Conclave: “Peccator sum, sed misericordia et gratia Dei accepto…” - -

Condividi questo articolo

Franca Giansoldati per Il Messaggero

CLAUDIO MARIA CELLICLAUDIO MARIA CELLI

In Vaticano raccontano che lo spirito libero di Papa Bergoglio si sia manifestato sin dal primo momento, quando nella Cappella Sistina si raggiunsero i tre quarti dei voti. E scattava il battimano dei cardinali, mentre lo spoglio continuava. 77 voti, 78 voti, 79 voti fino a sfiorare il centinaio. E' a quel punto che il decano dell'assemblea, il cardinale Re, si è alzato dal suo posto, per avvicinarsi al futuro Papa e rivolgergli solennemente la domanda di rito in latino: Accetti?

Raccontano ancora che Bergoglio alquanto pallido ma assai fermo, ha fornito una risposta che mandava all'aria il cerimoniale previsto dall'Ordo rituum conclavis. Invece che limitarsi a dire: Accepto, avrebbe aggiunto: «Peccator sum, sed misericordia et gratia Dei accepto», «Sono peccatore, ma con la grazia e la misericordia di Dio, accetto». Il tema della misericordia a lui caro sarebbe emerso poi nei giorni a venire, ma intanto ai cardinali elettori il neo eletto dava già in quel frangente prova di saper stupire con gesti e parole.

CARDINALE TARCISIO BERTONECARDINALE TARCISIO BERTONE

Più tardi si sarebbe visto: il pulmino, l'anello d'argento, la stanza a Santa Marta, la croce di ferro, l'abolizione della mozzetta bordata d'ermellino (finto). Insomma il profilo di un innovatore al quale adesso viene richiesta la capacità di riformare la curia, renderla più snella.

IDEE
Qualche idea in questi giorni è circolata anche se il progetto richiede tempo, è complesso e, come ha detto il cardinale Braz de Aviz, sarà realizzato attraverso il dialogo. «Si è preso un po' di tempo per valutare e poi si vedrà». Al di là del Tevere danno per scontato che dopo Pasqua vi saranno i primi passaggi decisivi per il futuro, tra cui quello del cambio del segretario di Stato, principale collaboratore del Papa.

Diversi prelati potrebbero avvicendarsi a Bertone per la loro esperienza internazionale e perché assai stimati da Bergoglio. Bertello, in primis, attuale capo del Governatorato, anche se poco tempo fa, prima delle dimissioni di Ratzinger, non nascondeva la sua stanchezza e si augurava un futuro meno impegnativo. Poi Baldisseri, già nunzio in Brasile, ma ultimamente dato in calo di possibilità e, infine, Celli, attuale presidente del Pontificio delle Comunicazioni Sociali.

INAUGURAZIONE DI PAPA FRANCESCO BERGOGLIOINAUGURAZIONE DI PAPA FRANCESCO BERGOGLIO

Un passato in diplomazia, segretario di nunziatura a Buenos Aires durante gli anni difficili della dittatura di Videla, gode dell'apprezzamento di Bergoglio. A suo favore gioca anche il fatto che conosce bene la realtà in Oriente, visto che è l'uomo del dialogo impossibile con Pechino ma, soprattutto, che sa leggere i bilanci avendo trascorso diversi anni all'Apsa.

CARDINAL LORENZO BALDISSERICARDINAL LORENZO BALDISSERI

MODERATOR CURIAE
In attesa che Francesco sciolga la riserva sul suo principale collaboratore (dicono sia un «gesuita solitario e abituato a decidere da solo») si affacciano ipotesi per una razionalizzazione della curia, immaginabile negli anni a venire meno pesante economicamente e strutturalmente. Potrebbe essere introdotto un Moderator Curiae, una specie di Ufficio della semplificazione con il compito di coordinare meglio i vari settori per evitare i doppioni, informare delle iniziative, uniformare i progetti inter dicasteriali.

 

 

 

Condividi questo articolo

politica

CASA ITALIA BRUCIA E I BUROCRATI DEL MINISTERO DEL TESORO FRENANO I SOCCORSI - QUELLO CHE DAGOSPIA SCRIVE DA SETTIMANE È STATO SCOPERTO OGGI DA “LA STAMPA”: “DOPO LE INDISCREZIONI SULLE PRESUNTE INCOMPRENSIONI CON CONTE, GUALTIERI HA VOLUTO METTERE UNA DISTANZA CON ALESSANDRO RIVERA, IL DIRETTORE GENERALE DEL SUO MINISTERO” – ‘’SERVONO RISORSE, ALTRI DUECENTO MILIARDI, A GARANZIA DELLE BANCHE CHE DEVONO A LORO VOLTA ASSICURARE CREDITO. MA RIVERA CI STA OSTACOLANDO SU TUTTO”