PIÙ CHE SPONSOR DEL TERRORISMO, PUTIN È SPONSOR DEGLI HACKER – NEL GIORNO IN CUI AL PARLAMENTO EUROPEO SI VOTA LA RISOLUZIONE CONTRO LA RUSSIA, IL SITO WEB DELL’EUROCAMERA FINISCE SOTTO ATTACCO – AVREBBERO RIVENDICATO L’OPERAZIONE IL GRUPPO “KILLNET” E “ANONYMOUS RUSSIA” - ALLE 14.30 IL WIFI NELL'EDIFICIO CHE OSPITA LA PLENARIA A STRASBURGO SI È INTERROTTO: I SERVIZI SONO STATI RIPRISTINATI, MA IL SITO WEB DEL PARLAMENTO HA CONTINUATO AD ANDARE A SINGHIOZZO

-

Condividi questo articolo


ATTACCO HACKER PARLAMENTO EUROPEO ATTACCO HACKER PARLAMENTO EUROPEO

(ANSA) - "La disponibilità del sito web dell'Eurocamera è attualmente compromessa dall'esterno a causa di un elevato traffico di rete esterno. Questo traffico è legato a un attacco Ddos (Distributed Denial of Service). I team del Parlamento stanno lavorando per risolvere il problema il più rapidamente possibile". E' quanto scrive in un tweet il portavoce dell'Eurocamera Jaume Dauch.

 

L'intervento del portavoce dell'Eurocamera via twitter è avvenuto dopo che, alle 14.30 circa, il wifi nell'edificio che ospita la Plenaria a Strasburgo si è interrotto per diversi minuti. I servizi sono stati poi ripristinati ma il sito dell'Eurocamera ha continuato ad andare a singhiozzo e alcune pagine erano irraggiungibili. L'attacco è avvenuto nel giorno in cui l'Eurocamera ha approvato la risoluzione che definisce la Russia "Stato sponsor del terrorismo".

PUTIN E GLI HACKER PUTIN E GLI HACKER vladimir putin vladimir putin putin hacker russi meme putin hacker russi meme

 

Condividi questo articolo

politica

MANOVRA DELLE MIE BRAME: CHI HA SBAGLIATO DI PIU’ NEL REAME? MELONI E SALVINI - LE BOCCIATURE DI BANKITALIA, CNEL E CORTE DEI CONTI ALLA FINANZIARIA DEL CENTRODESTRA VERTONO SU QUATTRO PUNTI (POS E CONTANTE, FISCO, REDDITO DI CITTADINANZA E RIDUZIONE DEL DEBITO), TRE DEI QUALI HANNO LE IMPRONTE DIGITALI DI SALVINI (E GIORGIA NON SI SMARCA) - FITTO, IN ROTTA CON SALVINI, NON SA COME SPIEGARE A BRUXELLES CHE IL PNRR E’ IN ALTO MARE - BISOGNA SEMPLIFICARE IL CODICE DEGLI APPALTI: DRAGHI AVEVA MOBILITATO IL CONSIGLIO DI STATO, IL CAPITONE VUOLE RISOLVERE “CON L’ACCETTA” (ED E' FINITA A SCHIFIO)