QUANDO CALENDA EL SOL – IL CHURCHILL DEI PARIOLI CONSIDERA IL PD “UNA GRANDE SEDUTA DI PSICANALISI”: "SINISTRA O DESTRA? NO, IO RISOLVO PROBLEMI"- CECCARELLI: "NON SARÀ CHE CALENDA FUNZIONA COSÌ COM'È E CHE POTREBBE RACCOGLIERE VOTI NEL BACINO DOVE IL CENTROSINISTRA NON ARRIVA PROPRIO IN FORZA DEL SUO PERSONAGGIO IPER-DIVISIVO A SINISTRA?" - IL CONSIGLIO DI MICHELE SERRA A CALENDA

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di Michele Serra per la Repubblica

 

letta calenda letta calenda

(...) Qualcuno spieghi a Calenda che casa sua è anche casa mia e di tanti altri; e lo è da ben prima che lui la occupasse così rumorosamente.

 

Gli elettori di centrosinistra non sono cretini. (...) L'agenda Draghi e l'agenda Greta non sono la stessa cosa. Ma è l'agenda Orbán, quella che non vogliamo. Se qualcuno alza la voce - e non da oggi - e pretende di dettare le regole a tutti gli altri, bisognerà spiegargli che o la abbassa, oppure farà molti più danni di quanti immagina. Per aiutarsi, Calenda potrebbe affidarsi a una regola non sua, ma così facile e produttiva che magari può giovare a lui e a noi. La regola è, almeno ogni tanto, non avere nulla da dire. Perfino in campagna elettorale prendersi quella mezza giornata (non di più) di silenzio che rende più interessanti e meno invadenti.

 

 

CALENDA L'ANTI-BUONISTA

ACCORDO LETTA CALENDA MEME ACCORDO LETTA CALENDA MEME

Estratto dell'articolo di FILIPPO CECCARELLI per la Repubblica

 

Un dubbio, fra i tanti: non sarà che Calenda funziona così com' è?

Non sarà che potrebbe raccogliere voti nel bacino dove il centrosinistra non arriva soprattutto per l'impeto provocatorio, la tigna energetica e il costante rilancio del suo personaggio iper-divisivo proprio a sinistra?

 

Faceva quasi tenerezza, l'altro giorno, Enrico Letta: «La personalità di Calenda non la scopriamo adesso, è nota a tutti», e con tutto che l'intervista era scritta, impossibile non immaginarselo mentre allargava le braccia alzando gli occhi al cielo. D'altra parte Pierluigi Bersani, ormai distaccato dalla contesa, ne ha detta una delle sue, a sfondo biblico: «Calenda dà l'impressione di essere lui nella Valle di Giosafat che decide i buoni e i cattivi».

 

(...)

ENRICO LETTA CARLO CALENDA ENRICO LETTA CARLO CALENDA

Sempre indugiando su tali aspetti frivoli, ma oggi divenuti terribilmente seri, richiamò la medesima frase cercando di portare dalla sua un influencer, Damiano er Faina, fino ad allora - vedi vedi - schierato a destra. Proprio in quell'occasione espose il nucleo del suo programma: «Per me la politica è risolvere i problemi, non mi importa di destra e sinistra». Un tempo si sarebbe detto qualunquismo; oggi il punto è che i voti non olent e il centrosinistra ne ha maledettamente bisogno.

 

Nella sede di Azione, in qualità totem, è esposta la dentatura di uno squalo (per i maniaci: analogo cimelio fu donato a Franco Marini dopo la vittoria su Sbardella, detto "lo Squalo"). Con necessaria, ma superficiale approssimazione, si può pensare che Calenda, di cui la pariolinità è toponomasticamente dubbia, abbia comunque diversi tratti antropologici della destra. E' realista, nel senso che non crede alle utopie; è anti-buonista, anti-diplomatico e prepotentello. Dopo la cacciata di Raggi, alla buvette del Campidoglio ha strappato via il cartello "vietato fumare" e si è acceso una Marlboro. Considera il Pd: «Una grande seduta di psicanalisi».

ENRICO LETTA CARLO CALENDA ENRICO LETTA CARLO CALENDA

 

Una volta, attaccato da Mattia Santori, ha consigliato Letta di assestare «una pedata nelle chiappe alle Sardine ». Consapevole che i suoi nuovi alleati sono cresciuti a suon di "I care", dice e ridice:«Non me ne può fregare di meno». Per certi versi, anche seguendo una sorta di mood cavalleresco, è attratto dagli avversari. Se gli avversari lo votano, magari a fine settembre la destra rimane con un palmo di mano.

ENRICO LETTA E CARLO CALENDA ENRICO LETTA E CARLO CALENDA carlo calenda 3 carlo calenda 3 gelmini calenda carfagna 6 gelmini calenda carfagna 6 MARIASTELLA GELMINI - CARLO CALENDA - MARA CARFAGNA MARIASTELLA GELMINI - CARLO CALENDA - MARA CARFAGNA

 

CALENDA CALENDA gelmini calenda carfagna 2 gelmini calenda carfagna 2

 

Condividi questo articolo

politica

MACRON E SCHOLZ HANNO NOSTALGIA DI DRAGHI – LA COPPIA NON BASTA, OCCORRE IL TRIANGOLO PER FRONTEGGIARE LA CRISI: MANCA MARIOPIO E IL SUO RUOLO DI CANALE DI MEDIAZIONE TRA EUROPA E USA –  IL MANDATO DI CHARLES MICHEL ALLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO EUROPEO SCADE A NOVEMBRE 2024. MA L'EMERGENZA E' ORA, E QUINDI LO TAMPINANO CON LUNGHE TELEFONATE CHIEDENDO CONSIGLI – LA PROPOSTA (SCARICA) DI BRETON-GENTILONI PER SEDARE I MAL DI PANCIA EUROPEI: “SE ANDIAMO AVANTI COSÌ, PRIMA O POI TUTTI DIRANNO CHE SULLE SANZIONI ALLA RUSSIA HA RAGIONE ORBAN...”

FINE DI UN’ERA - NON SOLO DI MAIO, TRA I DEPRESSI DAL NUOVO CORSO POLITICO C’È GIANNI LETTA - L’EMINENZA AZZURRINA, CACCIATO DAL “CERCHIO MAGICO” DELLA RONZULLI, HA AFFIDATO AGLI AMICI L’AMAREZZA PER LA FINE DEL RAPPORTO CON SILVIO BERLUSCONI: “QUEL CHE MI DISPIACE DI PIÙ È CHE NON GLI MANCO. E SE LO CHIAMO NEANCHE ME LO PASSANO…” - UNA VOLTA TUTTA ROMA, E MEZZA ITALIA, CHIEDEVA UDIENZA A GIANNI LETTA. OGGI È LUI AD ANDARE DA AMICI E CONFIDENTI PER SFOGARSI…

CHI È GIOVANBATTISTA FAZZOLARI – IL “GIANNI LETTA DELLA MELONI” È SUBITO FINITO NEL MIRINO DI IMPRENDITORI, MANAGER E LECCACULI VARI E AVARIATI CHE SMANIANO DI INCONTRARLO PER SALTARE SUL CARRO DELLA DUCETTA - TIPO TOSTO, PREPARATISSIMO, GRAN LAVORATORE E MOLTO RISERVATO: NON VA A CAFONALIZZARSI DA NESSUNA PARTE, ZERO PARTECIPAZIONI AI TALK, SI FA VIVO SOLO QUANDO AFFIANCA LA MELONI NEGLI INCONTRI IMPORTANTI - POTREBBE RICOPRIRE IL RUOLO DI SOTTOSEGRETARIO ALLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO, INCARICO NEVRALGICO NELLA GESTIONE DEL POTERE, MA CHE TI SPREME H24. MA, DAVANTI A UNA ROGNA PIÙ GROSSA DELL’ALTRA, GIORGIA HA BISOGNO DI AVERLO ACCANTO ANCHE LEI H24…

LA PASSIONE SECONDO CONTE: LA FIDANZATA OLIVIA LO BACIA E LUI ABBRACCIA IL CANE – “CHI” PUBBLICA LE FOTO “RUBATE” DI PEPPINIELLO APPULO CON LA SEMPRE PIU' FILIFORME PALADINO A SPASSO PER ROMA - I DUE SI ACCOCCOLANO SU UNA PANCHINA E LEI NON RESISTE AL FASCINO DEL MASANIELLO IN POCHETTE, LO CINGE E SI AVVICINA PER UNA DOLCE EFFUSIONE - E COSA FA IL NOSTRO GENTILISSIMO PEPPINIELLO? NON SGUINZAGLIA LA LINGUA, CHIUDE LE LABBRA A CULO DI GALLINA E INFLIGGE UN BACETTO A STAMPO D'ALTRI TEMPI, DA UOMO DELICATISSIMO...