QUI VIENE GIÙ TUTTO – RETROSCENA DELLE ULTIME ORE: SALVINI NON È ESATTAMENTE IN “MODALITÀ ZEN”. MEGLIO NON NOMINARGLI IN QUESTE ORE CONTE E DI MAIO, CHE NON L’HANNO DIFESO NEMMENO PER FINTA DOPO L’AUDIO DI BUZZFEED – MA È SULL’AUTONOMIA REGIONALE CHE IL GOVERNO RISCHIA DI SALTARE. DI MAIO NON VUOLE FARE UN PASSO INDIETRO, PERCHÉ PERDEREBBE IL PARTITO E FAVORIREBBE L’ASCESA DI FICO…

-

Condividi questo articolo

Marco Antonellis per Dagospia

 

matteo salvini luigi di maio matteo salvini luigi di maio

In queste ore meglio non disturbare il Capitano leghista Matteo Salvini. E' vero che si susseguono le riunioni di lavoro per preparare al meglio la "battaglia" europea della prossima settimana e consentire a Giorgetti (GG per gli amici) di spuntare, in cambio dell'ok leghista alla Von der Leyen un posto al sole in Europa (come Dagoanticipato ieri) ma, usando un eufemismo, potremmo dire che in queste ore il leader leghista non è esattamente in "modalità zen", come si suol dire.

 

matteo salvini giancarlo giorgetti 1 matteo salvini giancarlo giorgetti 1

Soprattutto, però, se lo incontrate abbiate l'accortezza di non parlargli del Premier Conte e dell'alleato Gigino Di Maio, in queste ore bersagli preferiti, rei di non averlo minimamente difeso a fronte di quelle che a Via Bellerio vengono definite nient'altro che fakenews (ovviamente si tratta dei presunti fondi russi alla Lega).

 

luigi di maio roberto fico napoli luigi di maio roberto fico napoli

"Dal Premier ci si sarebbe aspettata quantomeno una difesa d'ufficio, trattandosi oltretutto di un avvocato anziché tirare la volata alla magistratura; invece quando il gioco si fa duro Conte perde il suo solito equilibrio" mentre "il comportamento dei 5 Stelle c'era da aspettarselo, loro fanno sempre così quando gli altri hanno problemi mentre noi quando loro sono stati in gravissime difficoltà non abbiamo mai detto una parola".

MATTEO SALVINI VLADIMIR PUTIN GIUSEPPE CONTE LUIGI DI MAIO MATTEO SALVINI VLADIMIR PUTIN GIUSEPPE CONTE LUIGI DI MAIO

 

Questi i ragionamenti che si fanno in casa Lega (e proprio per questo Matteo ha deciso di ritornare alla linea dura nei confronti dell'alleato 5Stelle) ma è nulla rispetto a quanto potrebbe accadere in tema di autonomia regionale. "Parliamoci chiaro" spiegano alcuni big grillini "se passa l'autonomia regionale Di Maio perde il partito.

GIUSEPPE CONTE MATTEO SALVINI GIUSEPPE CONTE MATTEO SALVINI

 

Già non controlla più i suoi parlamentari, soprattutto quelli del Sud che sono i più vicini al Presidente della Camera Fico, figurarsi che accadrebbe se facesse passare la legge così come la vuole Salvini". In poche parole i grillini sarebbero disposti a dire di si a Salvini ma solo dopo averla annacquata ben benino. Il che vorrebbe dire fargli fare la fine del Reddito di Cittadinanza.

luigi di maio matteo salvini luigi di maio matteo salvini

 

Insomma, per il leader pentastellato dare via libera all'autonomia regionale di Matteo Salvini equivarrebbe ad un suicidio politico: vorrebbe dire stendere delle praterie verso quel Roberto Fico amatissimo nel meridione e negli ultimi tempi (sarà solo un caso?) sempre più apprezzato anche da Beppe Grillo.

matteo salvini luigi di maio matteo salvini luigi di maio

 

LUIGI DI MAIO MATTEO SALVINI LUIGI DI MAIO MATTEO SALVINI GIUSEPPE CONTE PINOCCHIO IN MEZZO AL GATTO (LUIGI DI MAIO) E LA VOLPE (MATTEO SALVINI) MURALE BY TVBOY GIUSEPPE CONTE PINOCCHIO IN MEZZO AL GATTO (LUIGI DI MAIO) E LA VOLPE (MATTEO SALVINI) MURALE BY TVBOY GIUSEPPE CONTE MATTEO SALVINI LUIGI DI MAIO CHERNOBYL BY LUGHINO GIUSEPPE CONTE MATTEO SALVINI LUIGI DI MAIO CHERNOBYL BY LUGHINO

 

 

Condividi questo articolo

politica