UN "CAPITONE" DI LOTTA E DI OPPOSIZIONE - SALVINI TENTATO DALLO STRAPPO CON DRAGHI DOPO LA BATOSTA DELLE AMMINISTRATIVE: "CHE CI STIAMO A FARE AL GOVERNO SE NON POSSIAMO INCIDERE?" - GIORGETTI SI METTE DI MEZZO: L'ALA MODERATA È PRONTA A DARE BATTAGLIA - UN DEPUTATO SPIEGA IL CASINO DENTRO IL PARTITO: "SIAMO COME SUL TITANIC. MATTEO CI DEVE TIRARE FUORI DALLA TEMPESTA..."

-

Condividi questo articolo


Emilio Pucci per www.ilmessaggero.it

 

matteo salvini matteo salvini

«Stando in questo governo rischiamo di affossarci». È la prima volta che Salvini prende in considerazione con i suoi l’ipotesi di staccarsi dall’esecutivo Draghi. Ma questa è anche la prima volta che si ritrova a dover gestire una sconfitta bruciante.

 

Si aggrappa al risultato dei piccoli comuni, al fatto che «il centrodestra esce da questo tornata elettorale con più sindaci», dà la colpa ad una campagna elettorale «surreale», tutta tesa a rincorrere «fascisti che sono solo sui libri di scuola», se la prende con i giornalisti e con le procure che, a proposito di Arcuri, «rinviano quando si tratta di indagare quelli del centrosinistra mentre con noi vanno a spulciare anche nelle case». Tutte giustificazioni che, a suo dire, al pari di una scelta sbagliata e tardiva dei candidati, hanno allontanato gli elettori dalle urne. Ma il tema dei temi è un altro.

 

GIORGIA MELONI E MATTEO SALVINI GIORGIA MELONI E MATTEO SALVINI

LA DOMANDA

«Che ci stiamo al governo se non possiamo incidere?», l’interrogativo di Matteo. Una parte della Lega la pensa come lui. Non l’ala governista, però. Giorgetti aveva previsto in largo anticipo la sconfitta, ne aveva elencato i motivi.

 

Ma se la tesi “pro sostegno a Draghi” è quella per cui occorrerebbe cavalcare l’operato del governo, piuttosto che mettersi contro, il Capitano ora non fa mistero che non paga sedersi in Consiglio dei ministri e avallare decisioni che vengono prese senza ascoltare le sirene leghiste.

 

GIANCARLO GIORGETTI E MARIO DRAGHI GIANCARLO GIORGETTI E MARIO DRAGHI

E secondo lui non giova neanche a chi – come Giorgetti e Zaia – ha perso in casa propria. Il Doge, per esempio, deve registrare il ko a Conegliano, il ministro dello Sviluppo a Varese dove erano stati celebrati gli Stati generali del partito di via Bellerio. «Non otteniamo risultati», la consapevolezza dell’ex ministro dell’Interno che da domani attaccherà a testa bassa su reddito di cittadinanza, pensioni e taglio delle tasse.

 

matteo salvini matteo salvini

Per non parlare dell’argomento green pass. Ieri - dopo aver chiesto nuovamente un incontro con il ministro Lamorgese - non ha certo usato parole al miele per un governo che - questa la sua tesi - mostra i muscoli con i deboli (i portuali di Trieste) e i guanti con i violenti (i manifestanti che hanno attaccato la Cgil).

 

luca zaia disinfetta il microfono usato da matteo salvini luca zaia disinfetta il microfono usato da matteo salvini

Ma il partito su questa linea rischia di spaccarsi. Al netto del «decido io» che Matteo pronuncerà in segreteria, con l’intenzione di puntare al congresso e di silenziare le voci di dissenso, il fronte di chi ritiene sbagliato contrapporsi a Draghi gli chiede di cambiare strada.

 

Di dire basta con gli slogan da Facebook, di acquattarsi quando si deve e combattere poche ma significative battaglie, di non creare confusione nell’elettorato, di difendere le Partite Iva, di radicarsi meglio sul territorio. Il segretario comunque già guarda oltre le amministrative.

 

giorgia meloni e matteo salvini giorgia meloni e matteo salvini

«Lo zero virgola in più o in meno in questo momento non mi preoccupa, il nostro obiettivo - ha spiegato - è vincere le elezioni politiche tra un anno». Se anche la Lega - e il problema grosso come una casa eventualmente è capire come - si dovesse staccare dal governo, la convinzione degli ex lumbard è che non si andrà a votare.

 

Ma alle Politiche Salvini ci vuole arrivare compattando la Lega su una strategia più di lotta che di governo, cercando di portarsi dietro gli alleati. La prima vera prova per il centrodestra sarà l’elezione del capo dello Stato, Salvini è d’accordo con la Meloni che adesso occorre compattarsi e «respingere l’assalto della sinistra».

 

SUL TITANIC

MATTEO SALVINI MATTEO SALVINI

In ogni caso l’ala governista pur non mettendo in discussione la leadership del capitano, non ha intenzione di farsi mettere all’angolo. «Salvini – spiega un esponente di primo piano – non può scaricare colpe. La direzione giusta è quella di assecondare la ripresa economica e di venire incontro alle esigenze delle categorie da sempre nostro punto di riferimento».

 

E se nelle chat c’è chi esulta per le vittorie dei piccoli comuni, il timore di tanti è un altro. «Siamo come sul Titanic – dice un deputato -. Matteo ci deve tirare fuori dalla tempesta».

 

Condividi questo articolo

politica