"IL MIOPE MARCO TARQUINIO CANDIDATO ALL’EUROPARLAMENTO? DELLE SUE BLANDE IDEE DI RESA DELL’UCRAINA NON SI SENTIVA GRANCHÉ IL BISOGNO" – GIULIANO FERRARA STRONCA “L’OPERAZIONE POLITICAMENTE AMBIGUA" DEL PD, CHE “HA UNA ATTITUDINE INFALLIBILE PER I PERSONAGGI UN PO’ GRIGI” – “TARQUINIO È UN PESCE PICCOLO DELLA OPINIONOLOGIA, NON HA IL GLAMOUR ASSURDISTA DI UN CACCIARI, CHE UNA NE FA E CENTO NE PENSA, O LO SPIRITO PARRUCCONE E UN PO’ CINICO DELL’INTELLIGENZA RUSSO-SNOB…”

-

Condividi questo articolo


Giuliano Ferrara per il Foglio - Estratti

 

giuliano ferrara giuliano ferrara

Marco Tarquinio è un cronista in carriera, già direttore di Avvenire, il quotidiano della Cei da lui riposizionato prontamente dopo la caduta di Dino Boffo in seguito a una campagna di diffamazione e, sopra tutto, dopo l’eclissi di Camillo Ruini come influente cardinale dell’era giovanpaolina e ratzingeriana.

 

Una ottima persona, intendiamoci, con il suo professionismo e bergoglismo d’ordinanza, ma la sterminata corposità e lunghezza della lista dei premi da lui ricevuti e, peggio, meritati, indicano una certa modestia di orizzonti, la carriera di un commendatore (è anche Commendatore) delle patrie lettere giornalistiche.

 

Marco Tarquinio in abito medievale ad assisi Marco Tarquinio in abito medievale ad assisi

Nel 2023, a un anno dall’invasione dell’Ucraina, ha mollato il giornale che dirigeva con discreti risultati editoriali, e ha ripreso con molta insistenza ad affacciarsi ai talk-show per rappresentare il partito della pace, da commendatore a commentatore, insomma bandiera bianca. Ora il Pd, che ha un penchant infallibile per i personaggi un po’ grigi, appena ne vede uno lo blocca e lo imbarca, vorrebbe candidare Tarquinio a Strasburgo, operazione non smagliante e politicamente ambigua ma legittima.

 

Marco Tarquinio in abito medievale ad assisi Marco Tarquinio in abito medievale ad assisi

Tarquinio è quel che si dice un piccolo caso, un pesce piccolo della opinionologia, e anche un pesce in barile, se vogliamo, non ha il glamour assurdista di un Cacciari, che una ne fa e cento ne pensa, o lo spirito parruccone e un po’ cinico dell’intelligenza russo-snob, che è una delle infinite e più recenti incarnazioni del radical-chic, roba d’altri, delle Barbara Alberti, delle Ginevra Bompiani, delle Barbara Spinelli. Venendo da un mondo di cattolicesimo solidale e dottrinario, alla Raniero La Valle, ha posizioni blandamente kirilliste, anche rispettabili in certi casi, sulle questioni oggetto delle guerre culturali e di valore più importanti, dall’aborto all’eutanasia al gender, ma senza mai esagerare e, se vogliamo, senza mai incidere, così, per dovere conforme.

Marco Tarquinio in abito medievale ad assisi Marco Tarquinio in abito medievale ad assisi

 

Al confronto con certi gran buffoni del pensiero cirillico, filologi divulgatori e mezzi prof, il cui nome risparmiamo per decenza al lettore, è perfino un moderato, un compassato. Ciò non toglie che un capello di Vittorio Emanuele Parsi basterebbe a legargli intellettualmente le mani e a metterlo al suo posto di banale follower dell’andazzo pacifista più convenzionale.

 

Il nostro problema non è il tarquinismo, che non esiste se non come flatus vocis, è la mancanza di uno storico come Heinrich August Winkler, un intellettuale proprio robusto che ha scritto con altri suoi pari una lettera per indurre Olaf Scholz a riflettere sulla deriva o i rischi di una linea esitante e incerta della Germania sull’Ucraina.

 

(...) Ecco, di Tarquinio il miope e delle sue blande idee di resa a discrezione si sentiva il bisogno solo fino a un certo punto, della tempra lineare di un Winkler si prova un’invidiosa nostalgia.

MARCO TARQUINIO MARCO TARQUINIO marco tarquinio foto di bacco marco tarquinio foto di bacco giuliano ferrara qui radio londra giuliano ferrara qui radio londra

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ALLA VIGILIA DEL DERBY CHE FORSE CONSEGNERÀ ALL’INTER LA SECONDA STELLA IN FACCIA AI TIFOSI DEL MILAN, GIUSEPPE MAROTTA METTE A SEGNO UN ALTRO COLPO: OTTIENE DA PIMCO UN FINANZIAMENTO DA 400 MILIONI PER RIPAGARE IL DEBITO CON OAKTREE, DANDO FIATO AL SUO AZIONISTA-FANTOCCIO ZHANG – INVECE GERRY CARDINALE VINCE LO SCUDETTO DEL BILANCIO, CHE IN UNA NAZIONE DOVE COMANDANO I FURBETTI, SA TANTO DELLA COPPA DEL NONNO – OGGI AL “SOLE 24 ORE”, CARDINALE RIPETE DI NON AVER BISOGNO DI SOCI PER IL MILAN. INTANTO HA FATTO SCADERE L’ESCLUSIVA CON GLI ARABI DI PIF, CHE AVREBBERO PORTATO 550 MILIONI E ANTONIO CONTE IN OMAGGIO…

DAGOREPORT - UN PUCCINI ALL’IMPROVVISO! – SCOOP! UN BRANO INEDITO DI GIACOMO PUCCINI SARA’ ESEGUITO PER LA PRIMA VOLTA AL LUCCA CLASSICA MUSIC FESTIVAL, IL PROSSIMO 28 APRILE – COMPOSTO NEL 1877 DA UN GIOVANE PUCCINI, S’INTITOLA “I FIGLI DELL’ITALIA BELLA – CESSATO IL SUO DELL’ARMI”: ERA RIMASTO A LUNGO “NASCOSTO”, POI DISPONIBILE SOLO IN FORMA INCOMPIUTA E, INFINE, RIPORTATO ALLA LUCE NELLA SUA INTEGRITA’ GRAZIE AL CENTRO STUDI PUCCINI – IL MISTERO DIETRO ALLA PARTITURA E I DIRITTI ACQUISITI ORA DAL CONSERVATORIO “LUIGI BOCCHERINI” DI LUCCA...

DAGOREPORT – IL DIAVOLO TRA DUE FUOCHI. IL MATRIMONIO TRA LOPETEGUI E IL MILAN È A UN PASSO. L’ACCORDO ECONOMICO È STATO TROVATO. MA PER L’ARRIVO DEL BASCO AL POSTO DI STEFANO PIOLI MANCA L'OK DI IBRAHIMOVIC, NOMINATO DA CARDINALE SUO PLENIPOTENZIARIO NEL CLUB – ZLATAN SPINGE PER ANTONIO CONTE, SOLUZIONE PIÙ GRADITA ALLA PIAZZA, IN CERCA DI UN MISTER CON GLI ATTRIBUTI (E LOPETEGUI IN SPAGNA È DETTO “EL CAGON”…) – RIUSCIRÀ IBRA A CONVINCERE LA SOCIETÀ A PUNTARE SU UN TECNICO DALLA PERSONALITÀ STRARIPANTE E MOLTO COSTOSO?

MADONNA? EVITA-LA! – QUELLA VOLTA CHE MADONNA VENNE A ROMA PER LA PRIMA DI “EVITA’’ E SI INCAZZÒ FACENDO ASPETTARE IL PUBBLICO PER UN’ORA E MEZZO - IL PATTO ERA CHE SUA FIGLIA, LOURDES, VENISSE BATTEZZATA NEGLI STESSI GIORNI DAL PAPA ALLA PRESENZA DEL PADRE, CHE SI CHIAMAVA JESUS - IL PRODUTTORE VITTORIO CECCHI GORI CONOSCEVA UN CARDINALE: “PRONTO, AVREI MADONNA, L’ATTRICE, CHE VORREBBE BATTEZZARE LA FIGLIA, LOURDES, COL PADRE, JESUS… E SE FOSSE DISPONIBILE IL PAPA…” – VIDEO

DAGOREPORT - CON AMADEUS, DISCOVERY RISCHIA: NON È UN PERSONAGGIO-FORMAT ALLA STREGUA DI CROZZA E FAZIO. È SOLO UN BRAVISSIMO CONDUTTORE MA SENZA UN FORMAT FORTE CHE L’ACCOMPAGNI, SARÀ DURISSIMA FAR DIGITARE IL TASTO 9. NELLA TV DI OGGI I PRODUTTORI DI CONTENUTI VENDONO CHIAVI IN MANO IL PACCHETTO FORMAT+CONDUTTORE ALLE EMITTENTI - ALLA CRESCITA DI DISCOVERY ITALIA, NEL 2025 SEGUIRA' ''MAX'', LA PIATTAFORMA STREAMING DI WARNER BROS-HBO CHE PORTERÀ A UNA RIVOLUZIONE DEL MERCATO, A PARTIRE DALLA TORTA PUBBLICITARIA. E LE RIPERCUSSIONI RIMBALZERANNO SUI DIVIDENDI DI MEDIASET E LA7 - A DIFFERENZA DI RAI E IN PARTE DI MEDIASET, DISCOVERY HA UNA STRUTTURA SNELLA, SENZA STUDI DI REGISTRAZIONE, SENZA OBBLIGHI DI ASSUNZIONI CLIENTELARI NÉ DI FAR TALK POLITICI - LIBERI DI FARE UN CANALE5 PIÙ GIOVANE E UN’ITALIA1 PIÙ MODERNA, IL PROSSIMO 9 GIUGNO DOVRANNO DECIDERE SE FARE O MENO UNO SPAZIO INFORMATIVO. NEL CASO IN CUI PREVARRA' IL SÌ, SARÀ UN TG MOLTO LEGGERO, UNA SORTA DI ANSA ILLUSTRATA (E QUI RICICCIA L'OPZIONE ENRICO MENTANA)