RASSEGNAMOCI, IL TEATRINO TRA SCHLEIN E CONTE ANDRÀ AVANTI FINO ALLE EUROPEE DEL 2024 – LA SEGRETARIA MULTIGENDER DEL PD E PEPPINIELLO APPULO SI CONTENDONO LA LEADERSHIP DEL “CAMPO PROGRESSISTA”. E SARA’ DECISIVO IL VOTO DEL PROSSIMO ANNO: PER QUESTO SI EVITANO, NON SI PARLANO E FANNO CAPIRE DI ESSERE IN DISSENSO – MA, MENTRE È CONCENTRATA A FARE LA CORSA SUI GRILLINI, ELLY SI STA PERDENDO L'ALA MODERATA DEL PARTITO…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di Domenico Di Sanzo per “il Giornale”

 

ELLY SCHLEIN GIUSEPPE CONTE ELLY SCHLEIN GIUSEPPE CONTE

È il reality show dei giallorossi. Giuseppe Conte ed Elly Schlein sono costretti a litigare fino alle europee dell’anno prossimo per alzare l’audience. Solo che in questo caso la posta in palio non è qualche punto percentuale in più negli ascolti ma la guida del cosiddetto «campo progressista».

 

Lei punta a superare il 20% per costringere Conte a fare il socio di minoranza dei dem. Lui vuole un pareggio sostanziale per rimescolare le carte e ottenere il risultato di un fronte in cui entrambi gli alleati abbiano pari dignità. «Se il Pd non dovesse superare il 20%, vorrebbe dire che noi avremmo tenuto botta», pronosticano i deputati del M5s mentre vagano in Transatlantico.

 

ELLY SCHLEIN GIUSEPPE CONTE A FIRENZE ELLY SCHLEIN GIUSEPPE CONTE A FIRENZE

[…]

 

A lungo termine, dunque, l’orizzonte inevitabile è quello di una pace armata. Ma fino al rinnovo dell’Europarlamento Conte e Schlein saranno obbligati a fare cane e gatto. […]

 

Da questo punto di vista, il tour verso le amministrative del 14 e 15 maggio è diventato già un piccolo caso. Conte e Schlein girano la penisola e non trovano mai il tempo di vedersi. Nemmeno nei pochi comuni dove sostengono lo stesso candidato sindaco.

 

ELLY SCHLEIN GIUSEPPE CONTE MEME BY OSHO ELLY SCHLEIN GIUSEPPE CONTE MEME BY OSHO

Prendiamo Torre del Greco, città in provincia di Napoli, in cui Pd e M5s appoggiano entrambi Luigi Mennella. L’ex premier e la segretaria tengono un comizio nello stesso posto, eppure costruiscono l’agenda con l’obiettivo di non incrociarsi. I vertici dei Cinque Stelle pensano che un atteggiamento meno bellicoso nei confronti dei dem toglierebbe «agibilità politica» a Conte in vista del traguardo delle europee. Dal canto suo, Schlein non si sottrae alla competizione e colloca il Pd decisamente a sinistra. Dai diritti civili al rilancio sul tema grillino del salario minimo.

 

ELLY SCHLEIN GIUSEPPE CONTE A FIRENZE ELLY SCHLEIN GIUSEPPE CONTE A FIRENZE

Mentre al M5s non resta che cavalcare le due questioni su cui la segretaria è stata ambigua, ovvero la guerra in Ucraina e i termovalorizzatori, a partire da quello di Roma, voluto dal sindaco dem della Capitale Roberto Gualtieri. Schlein è talmente concentrata sulla corsa al voto grillino che si disinteressa dei moderati. Le defezioni di esponenti come Enrico Borghi, Andrea Marcucci e Carlo Cottarelli sembrano non turbarla più di tanto.

 

[…]

 

GIUSEPPE CONTE ELLY SCHLEIN MEME BY DAGOSPIA GIUSEPPE CONTE ELLY SCHLEIN MEME BY DAGOSPIA

Anche dal punto di vista interno, l’orizzonte di molti riformisti sono le europee. «Per il momento la incalzeremo nel merito», abbozzano gli ex renziani. Poi si vedrà. Alle elezioni per l’Europarlamento, un risultato simile a quello di Enrico Letta alle ultime politiche metterebbe Schlein nel mirino della fronda. Allo stesso tempo, non è escluso che qualcun altro decida di cambiare casacca e orientarsi verso Azione e Italia Viva. Ma la segretaria non ha un piano per fermare l’emorragia. E, stando alle voci che circolano al Nazareno, le va bene così.

 

elly schlein giuseppe conte elly schlein giuseppe conte

Speculare la situazione di Conte. Se alle europee il M5s verrà staccato dal Pd, inevitabilmente si metterebbe in moto la macchina del dissenso pentastellato. E l’ex sindaca di Roma Virginia Raggi è già pronta ad approfittare della situazione. Oltre a Raggi rispunterebbero fuori vecchi problemi lasciati sotto il tappeto. A partire dalla regola del doppio mandato, un principio che i parlamentari stellati chiedono di cancellare. […]

NICOLA FRATOIANNI GIUSEPPE CONTE ELLY SCHLEIN NICOLA FRATOIANNI GIUSEPPE CONTE ELLY SCHLEIN elly schlein giuseppe conte enrico letta elly schlein giuseppe conte enrico letta ELLY SCHLEIN CONTE ELLY SCHLEIN CONTE

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - COME MAI I QUOTIDIANI DEGLI ANGELUCCI (“LIBERO” A FIRMA SECHI, “IL GIORNALE” CON MINZOLINI) HANNO SPARATO A PALLE INCATENATE CONTRO LA MELONA, DOPO LA SCONFITTA IN SARDEGNA, BEN EVIDENZIANDO I SUOI ERRORI E LA SUA ARROGANZA? - MAGARI L'ANGELUCCI FAMILY E’ SCONTENTA PER LE PROMESSE NON MANTENUTE DALLA DUCETTA? - O FORSE LE RASSICURAZIONI RICEVUTE, DOPO LA PRESA DEL SECONDO QUOTIDIANO A MILANO, SI SONO RIVELATE ARIA FRITTA? - LA CAUTELA DI SALLUSTI CHE, PER NON IRRITARE LA DUCETTA, HA LASCIATO SCRIVERE L'EDITORIALE A MINZOLINI…

DAGOREPORT - SUSSURRI MILANESI DI TERZO POLO TV: LA7 DI CAIRO, TV8 DI SKY E NOVE DEL GRUPPO WARNER BROS-DISCOVERY STANNO RAGIONANDO SULL’OPPORTUNITÀ DI CREARE UN “CARTELLO” PER ARRIVARE A PALINSESTI “RAGIONATI”, EVITANDO DI FARSI CONCORRENZA NELLE RISPETTIVE SERATE “FORTI” - FABIO FAZIO “PESCE PILOTA” PER PORTARE A NOVE ALTRI TELE-DIVI RAI (L’ARRIVO DEL DESTRISSIMO GIAMPAOLO ROSSI COME AD A VIALE MAZZINI DARÀ L’AVVIO ALLA DIASPORA DEI RANUCCI E COMPAGNI...)

DAGOREPORT! - LA SCONFITTA IN SARDEGNA AVVIA LA RESA DEI CONTI MELONI-SALVINI - DUCETTA-VENDETTA: VUOLE DISARCIONARE IL “CAPITONE” DALLA GUIDA DELLA LEGA, PER AVERE UN CARROCCIO MODERATO A TRAZIONE NORDISTA CON LA “SUPERVISIONE” DI ZAIA, FEDRIGA E GIORGETTI -  MA PER “CONQUISTARE” IL DOGE, TOCCA RISOLVERE LA GRANA DEL TERZO MANDATO: CON UNA LEGGE DI RIORDINO DEGLI ENTI LOCALI: LE REGIONI DECIDERANNO SUL NUMERO DEI MANDATI - LA ''CONCESSIONE'' CHE SI MATERIALIZZERÀ PER ZAIA SOLTANTO DOPO LA DETRONIZZAZIONE DI SALVINI DALLA GUIDA DELLA LEGA. DELLA SERIE: FRIGGERE IL “CAPITONE”, VEDERE CAMMELLO - LA CONTROMOSSA DI SALVINI: CHIEDERE AL CONSIGLIO FEDERALE DELLA LEGA UN MANDATO PER CHIARIRE LO STATO DI SALUTE DELL'ALLENZA PER POI TOGLIERE L'APPOGGIO  AL GOVERNO - QUANDO LA MELONA SI AUTO-DEFINISCE “NANA” VUOLE FAR SAPERE A SALVINI CHE CONOSCE LO SFOTTÒ CHE LUI USA PER SBERTUCCIARLA (“NANA BIONDA”) – ABRUZZO, EFFETTO TODDE: CALA IL VANTAGGIO DEL MELONIANO MARSILIO SUL CANDIDATO DEL CAMPOLARGO, D'AMICO...

DAGOREPORT - LA FESTA APPENA COMINCIATA È GIÀ FINITA? NO: MA LA SARDEGNA SARÀ L’INIZIO DELLA FINE SE LA DUCETTA NON SI FICCA NELLA TESTOLINA CHE LA POLITICA NON È “QUI COMANDO IO!” - GRAZIE A SU POPULU SARDU, IL CENTROSINISTRA UNITO HA PIÙ NUMERI DEL CENTRODESTRA A PEZZI - FINO A IERI, ALLE AVVISAGLIE DI SALVINI DI TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO, LA MELONA GHIGNAVA MINACCIANDO DI RIPORTARE LA “NAZIONE” AL VOTO. E CON LA VITTORIA DI TRUZZU, AVREBBE CAPITALIZZATO LA SUA PREMIERSHIP DA EROE DEI DUE MONDI - CON LA DISFATTA SARDA E SALVINI AL MURO, DOVE VA “IO SO’ GIORGIA E VOI NON SIETE UN CAZZO”? - SENZA IL TERZO MANDATO, ZAIA PRONTO A SCENDERE DAL CARROCCIO E ADERIRE ALLA LIGA VENETA, LA LEGA SI SPACCA. PER LA DUCETTA INIZIANO GIORNI MOLTO, MOLTO DIFFICILI…