L’AFFAIRE DELLO SCHERZO TELEFONICO A GIORGIA MELONI S’INGROSSA - MARIA ZAKHAROVA, PORTAVOCE DEL MINISTRO DEGLI ESTERI RUSSO LAVROV, ATTACCA LA “SORA GIORGIA” SUI SOCIAL: "NELLA CHIAMATA LEGITTIMA IL NAZISTA UCRAINO BANDERA, È COME SE NOI TRASFORMASSIMO IN EROI I FASCISTI STARACE E PAVOLINI” – IACOBONI: "IL SUO POST VIENE QUESTA MATTINA RILANCIATO DALL’AMBASCIATA RUSSA A ROMA, QUESTO FA CAPIRE QUANTO AL CREMLINO STIA SUL GROPPONE GIORGIA MELONI...”

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Jacopo Iacoboni per “La Stampa”

 

MEME SULLO SCHERZO TELEFONICO A GIORGIA MELONI MEME SULLO SCHERZO TELEFONICO A GIORGIA MELONI

E immancabile, quasi a dimostrare il carattere di “operazione” della strana telefonata dei due “comici” russi a Giorgia Meloni, interviene anche Maria Zacharova, la portavoce del ministro degli esteri russo Sergey Lavrov. Il suo post viene questa mattina rilanciato dall’ambasciata russa a Roma, ambasciata che – elogiata proprio ieri da papa Francesco – non sembra molto amichevole con il democratico stato italiano.

 

Il ragionamento di Zacharova è semplice, per quanto sfacciatamente forzato: Meloni – ha detto la portavoce russa – ha legittimato l’elogio di Bandera da parte degli ucraini, è come se noi russi «eroizzassimo» i fascisti italiani e Starace. Ovviamente è una sistematica manipolazione delle parole della premier – che restano piuttosto sobrie per quanto espresse in una telefonata imboscata che mai avrebbe dovuto avere luogo – ma vale la pena raccontarle per capire quanto al Cremlino stia ormai sul groppone la presidente del Consiglio italiana, e quanto tutto sia stato studiato con il coinvolgimento sostanziale della propaganda di stato russa e degli apparati.

Vladimir Kuznetsov e Aleksej Stoljarov - Vovan e Lexus Vladimir Kuznetsov e Aleksej Stoljarov - Vovan e Lexus

 

Dunque, dice Zacharova, «recentemente, il Primo Ministro italiano Giorgia Meloni ha dichiarato ai comici russi Vovan e Lex in una “intervista” (pubblicata oggi) che il regime di Kiev “ha il diritto” di glorificare Bandera e Shukhevych: “Penso che stiano facendo quello che dovrebbero fare, e è giusto che stiamo cercando di aiutarli”». Non è esattamente ciò che dice Meloni, comuque sia Zacharova ne trae questa conclusione: «O questo è il problema perenne dei politici occidentali moderni - cattiva educazione – o il nazionalismo.  […]

 

MARIA ZAKHAROVA OSPITE DI RETE 4 MARIA ZAKHAROVA OSPITE DI RETE 4

Zacharova passa dal sarcasmo all’invettiva, il tutto rilanciato dai canali ufficiali dell’ambasciata russa in Italia. «Mi rendo conto che lei è molto impegnata in questioni molto importanti e difficilmente riesce a trovare il tempo per i libri. Ma potete certamente dedicare un’ora e mezza a un film. “Der Fall Collini” (Il caso Collini) è un film tedesco con attori italiani. Nessuno vi accuserà di essere appassionati di propaganda del Cremlino. Forse capirete qualcosa».

 

Si tratta, vale la pena spiegarlo, di un film tedesco del 2019 che racconta una storia basata sul romanzo omonimo di Ferdinand von Schirach, nel quale un operaio italiano (interpretato al cinema da Franco Nero) ammazza con quattro colpi di pistola un 85enne industriale tedesco. Per ragioni misteriose, in modo assai cruento.

 

maria zakharova maria zakharova

Deve affrontare una difesa processuale ardua, dalla quale riuscirà a essere assolto, pur senza rivelare le ragioni profonde dell’atto, che hanno a che fare con il nazismo della vittima, e l’eredità del nazismo in Europa. Dal quale, sembra potersi ricavare dal libro, si può uscire solo vendicandosi. […]

meme sullo scherzo telefonico dei comici russi vladimir kuznetsov e aleksej staljerov a giorgia meloni 3 meme sullo scherzo telefonico dei comici russi vladimir kuznetsov e aleksej staljerov a giorgia meloni 3 VLADIMIR KUZNETSOV E ALEKSEI STOLIAROV - SCHERZO A GIORGIA MELONI VLADIMIR KUZNETSOV E ALEKSEI STOLIAROV - SCHERZO A GIORGIA MELONI GIORGIA MELONI ALLA FIERA DEL TARTUFO DI ACQUALAGNA GIORGIA MELONI ALLA FIERA DEL TARTUFO DI ACQUALAGNA Maria Zakharova Maria Zakharova GIORGIA MELONI AL TELEFONO GIORGIA MELONI AL TELEFONO MEME SULLO SCHERZO A GIORGIA MELONI - BY 50 SFUMATURE DI CATTIVERIA MEME SULLO SCHERZO A GIORGIA MELONI - BY 50 SFUMATURE DI CATTIVERIA le foto del matrimonio di maria zakharova con andrei makarov a new york 10 le foto del matrimonio di maria zakharova con andrei makarov a new york 10 GIORGIA MELONI AL TELEFONO GIORGIA MELONI AL TELEFONO meme sullo scherzo telefonico dei comici russi vladimir kuznetsov e aleksej staljerov a giorgia meloni 1 meme sullo scherzo telefonico dei comici russi vladimir kuznetsov e aleksej staljerov a giorgia meloni 1

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – GRANDE È LA CONFUSIONE SOTTO IL CIELO DI BRUXELLES: O IL QUINTETTO AL COMANDO, FORMATO DA MACRON, SCHOLZ, TUSK, SANCHEZ E MITSOTAKIS, TROVA UN ACCORDO IL 28 GIUGNO O SALTA TUTTO - IL BALLO DI SAN VITO SI GIOCA SUL NOME DI URSULA VON DER LEYEN. INVISA A UNA PARTE DEL PPE, CORRE IL RISCHIO DI ESSERE AFFONDATA DAL VOTO SEGRETO DEL PARLAMENTO - URGE AGGIUNGERE UN POSTO A TAVOLA. E QUI IL PPE SI SPACCA: ALLA CORRENTE DI WEBER, CHE VORREBBE IMBARCARE IL GRUPPO ECR GUIDATO DALLA REGINA DI COATTONIA, SI CONTRAPPONE LA CORRENTE DI TUSK. IL LEADER POLACCO CONTA IL MAGGIOR NUMERO DI PARLAMENTARI NEL PPE E ACCETTEREBBE SOLO I FRATELLI D’ITALIA. E PER MAGGIOR TRANQUILLITÀ, ANCHE I VOTI DEI VERDI, MA GIORGIONA NON CI STA - IL GUAZZABUGLIO SI INGROSSERÀ DOMANI, LUNEDÌ, CON L’INCONTRO DI UN IMBUFALITO ORBAN CON LA DUCETTA, REA DI AVER ARRUOLATO I RUMENI ANTI UNGHERESI DI AUR, E PRONTO A SALIRE SUL CARRO DI MARINE LE PEN - ALLA EVITA PERON DELLA GARBATELLA, CHE RISCHIA L’IRRILEVANZA POLITICA NELL’UNIONE EUROPEA, NON RESTA ALTRO CHE FAR SALTARE IL BANCO DEL 28 GIUGNO…

 

FLASH! - VIKTOR ORBÁN ASSUMERÀ IL 1° LUGLIO LA PRESIDENZA DI TURNO AL CONSIGLIO EUROPEO MA HA GIÀ FATTO INCAZZARE MEZZO CONTINENTE: IL MOTTO SCELTO DAL PREMIER UNGHERESE È MEGA (‘’MAKE EUROPE GREAT AGAIN’’). UN'EVIDENTE RIFERIMENTO AL MANTRA MAGA (‘’MAKE AMERICA GREAT AGAIN’’) CHE DA ANNI MARCHIA LE CAMPAGNE ELETTORALI DI DONALD TRUMP – NON BASTA: SFANCULATA LA DUCETTA PRO-KIEV, IL FILO PUTINIANO ORBAN MINACCIA DI ENTRARE NEL GRUPPO DI LE PEN-SALVINI – ASPETTANDO IL CAOS-ORBAN A PARTIRE DA LUGLIO, MACRON-SCHOLZ-TUSK VOGLIONO CHIUDERE LE NOMINE DELLA COMMISSIONE EU ENTRO IL 28 GIUGNO…

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)

C’EST FINI: DALLA CASA DI MONTECARLO ALLA SEPARAZIONE IN CASA - LA VICENDA MONEGASCA È STATA LA MINA CHE HA FATTO SALTARE IL MATRIMONIO DI GIANFRANCO FINI ED ELISABETTA TULLIANI - NON C’È NULLA DI UFFICIALE MA CHI ERA AMICO DELLA COPPIA DICE: “SI SONO LASCIATI DA UN BEL PO'” – GIÀ, A VEDERLI INSIEME NELL’AULA DEL PROCESSO SULLA CASA DI MONTECARLO, LONTANI E SENZA MAI INTRECCIARE UNO SGUARDO, ERANO LA RAPPRESENTAZIONE DI DUE CHE NON STANNO PIÙ INSIEME – NEGLI ULTIMI TEMPI, ALLA CENE IN CASA DEGLI AMICI, FINI SI PRESENTA SOLO, IL VOLTO SEMPRE PIÙ SOLCATO DA RUGHE E DAL DOLORE DI AVER BUTTATO VIA UNA CARRIERA POLITICA PER AMORE…