SALVINI TURBA IL SONNO DI GIORGIA MELONI: FA DI TUTTO PER FAR PERDERE LA LEGA E IL CENTRODESTRA? - “IL FOGLIO”: “IL LEADER LEGHISTA SI TRASCINA IN UNA CAMPAGNA ELETTORALE SEMPRE PIÙ RIPETITIVA E DUNQUE DISASTROSA. SI STA METTENDO D'IMPEGNO PER FARE PERDERE IL CENTRODESTRA? PERCHÉ DAVVERO SEMBRA IL PIÙ ACERRIMO NEMICO DELLA COALIZIONE, ALTRO CHE ENRICO LETTA - UN SALVINI CHE SI AUTODISTRUGGE AFFONDA OGNI SPERANZA DI VITTORIA PER TUTTI: "E SE QUELLO PRENDE MENO DEL 10 PER CENTO PERDIAMO LE ELEZIONI". PIÙ SI AGITA PIÙ CALA”

-

Condividi questo articolo


BERLUSCONI SALVINI MELONI BERLUSCONI SALVINI MELONI

Estratto dell’articolo di Salvatore Merlo per “il Foglio”

 

Sono proprio i grandi sconfitti coloro che turbano di più il sonno dei vincitori. E così mercoledì sera Giorgia Meloni dissimulava e glissava, su Rete 4, mentre le veniva chiesto di Matteo Salvini […] Il leader leghista si trascina dal nord al sud […] in una campagna elettorale sempre più ripetitiva e dunque sempre più disastrosa.

SILVIO BERLUSCONI - GIORGIA MELONI - MATTEO SALVINI SILVIO BERLUSCONI - GIORGIA MELONI - MATTEO SALVINI

 

[…] Si sta mettendo d'impegno per fare perdere il centrodestra? C'è chi lo pensa. A destra. Perché davvero Salvini sembra il più acerrimo nemico di se stesso, e di tutta la coalizione. Altro che Enrico Letta. Il terrore è che la Lega tracolli. Un Salvini ridimensionato dal voto è un Salvini governabile, sì, pensa Meloni.

 

Ma un Salvini che si autodistrugge è un Salvini che affonda ogni speranza di vittoria per tutti. "E se quello prende meno del 10 per cento perdiamo le elezioni". Gli ultimi sondaggi sono quello che sono, impietosi: -0,2 poi -0,4... Più si agita più cala. Per fortuna la campagna elettorale è corta, breve, nemmeno lui può riuscire nel miracolo di disintegrare il suo partito.

GIORGIA MELONI ANTONIO TAJANI MATTEO SALVINI GIORGIA MELONI ANTONIO TAJANI MATTEO SALVINI

 

[…]Quello dice "flat tax per tutti", con una foga di enumerazioni e parole che ha il potere di trasportare chi ascolta in una dimensione irreale ("guardate questo nuovo copriletto salmone, bellissimo, tessuto cangiante"), mentre Meloni immagina un'operazione verità sui conti pubblici da fare prima del voto, prima del 25 settembre. I suoi consiglieri l'hanno battezzata due diligence Italia , perché "il debito pubblico è oltre il livello di guardia".

salvini in spiaggia salvini in spiaggia

E insomma promesse mirabolanti non si possono fare. Al contrario bisogna raccontare agli italiani come stanno le cose. Perché al governo saranno guai. Se ci si arriva. Salvini permettendo.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT L’INTELLIGENCE DI USA E IRAN HANNO UN PROBLEMA: NETANYAHU - L'OPERAZIONE “TERRORISTICA” CON CUI IL MOSSAD HA ELIMINATO IL GENERALE DELLE GUARDIE RIVOLUZIONARIE IRANIANE NELL'AMBASCIATA IRANIANA A DAMASCO E LA SUCCESSIVA TENSIONE CON TEHERAN NON È SPUNTATA PER CASO: È SERVITA AL PREMIER ISRAELIANO A "OSCURARE" TEMPORANEAMENTE LA MATTANZA NELLA STRISCIA DI GAZA, CHE TANTO HA DANNEGGIATO L'IMMAGINE DI ISRAELE IN MEZZO MONDO - NETANYAHU HA UN FUTURO POLITICO (ED EVITA LA GALERA) SOLO FINCHÉ LA GUERRA E LO STATO D'ALLARME PROSEGUONO...

DAGOREPORT – BIDEN HA DATO ORDINE ALL'INTELLIGENCE DELLA CIA CHE LA GUERRA IN UCRAINA DEVE FINIRE ENTRO AGOSTO, DI SICURO PRIMA DEL 5 NOVEMBRE, DATA DEL VOTO PRESIDENZIALE AMERICANO - LO SCENARIO E' QUESTO: L’ARMATA RUSSA AVANZERÀ ULTERIORMENTE IN TERRITORIO UCRAINO, IL CONGRESSO USA APPROVERÀ GLI AIUTI MILITARI A KIEV, QUINDI PUTIN IMPORRÀ DI FARE UN PASSO INDIETRO. APPARECCHIATA LA TREGUA, FUORI ZELENSKY CON NUOVE ELEZIONI (PUTIN NON LO VUOLE AL TAVOLO DELLA PACE), RESTERA' DA SCIOGLIERE IL NODO DELL'UCRAINA NELLA NATO, INACCETTABILE PER MOSCA – NON SOLO 55 MILA MORTI E CRISI ECONOMICA: PUTIN VUOLE CHIUDERE PRESTO IL CONFLITTO, PER NON DIVENTARE UN VASSALLO DI XI JINPING... 

FLASH! - FACILE FARE I PATRIOTI CON LE CHIAPPE ALTRUI – INDOVINATE CHE AUTO GUIDA ADOLFO URSO, IL MINISTRO CHE PER DIFENDERE L'ITALIANITÀ HA “COSTRETTO” ALFA ROMEO A CAMBIARE NOME DA “MILANO” A “JUNIOR”? UN PRODOTTO DELL’INDUSTRIA MADE IN ITALY? MACCHÉ: NELLA SUA DICHIARAZIONE PATRIMONIALE, SPUNTANO UNA VOLKSWAGEN T-CROSS E UNA MENO RECENTE (MA SOSTENIBILE) TOYOTA DI INIZIO MILLENNIO. VEDIAMO IL LATO POSITIVO: ALMENO NON SONO DEL MARCHIO CINESE DONFGENG, A CUI VUOLE SPALANCARE LE PORTE...

DAGOREPORT – ANCHE I DRAGHI, OGNI TANTO, COMMETTONO UN ERRORE. SBAGLIÒ NEL 2022 CON LA CIECA CORSA AL COLLE, E SBAGLIA OGGI A DARE FIN TROPPO ADITO, CON LE USCITE PUBBLICHE, ALLE CONTINUE VOCI CHE LO DANNO IN CORSA PER LA PRESIDENZA DELLA COMMISSIONE EUROPEA - CHIAMATO DA URSULA PER REALIZZARE UN DOSSIER SULLA COMPETITIVITÀ DELL’UNIONE EUROPEA, IL COMPITO DI ILLUSTRARLO TOCCAVA A LEI. “MARIOPIO” INVECE NON HA RESISTITO ALLE SIRENE DEI MEDIA, CHE TANTO LO INCENSANO, ED È SALITO IN CATTEDRA SQUADERNANDO I DIFETTI DELL’UNIONE E LE NECESSARIE RIFORME, OFFRENDOSI COME L'UOMO SALVA-EUROPA - UN GRAVE ERRORE DI OPPORTUNITÀ POLITICA (LO STESSO MACRON NON L’HA PRESA BENE) - IL DESTINO DI DRAGHI È NELLE MANI DI MACRON, SCHOLZ E TUSK. SE DOPO IL 9 GIUGNO...