SE RICICCIANO I TRUMPIANI, BIDEN PUO’ ANDARE IN CRISI SULL’UCRAINA - L'OPPOSIZIONE AL PACCHETTO DI AIUTI MILITARI E UMANITARI È STATA PROCLAMATA AD ALTA VOCE DAI FEDELISSIMI DI TRUMP E DAGLI ISOLAZIONISTI COME RAND PAUL - LE DEFEZIONI SONO STATE POCHE MA SE A NOVEMBRE IL PARTITO REPUBBLICANO IPRENDERÀ IL CONTROLLO DI CAMERA E SENATO, LA PRESSIONE DEI TRUMPIANI SUGLI ALTRI PARLAMENTARI REPUBBLICANI SI FARÀ MOLTO PIÙ INTENSA…

-

Condividi questo articolo


PUTIN BIDEN TRUMP2 PUTIN BIDEN TRUMP2

Massimo Gaggi per il “Corriere della Sera”

 

Nei suoi colloqui privati Joe Biden si mostra preoccupato: entrando alla Casa Bianca, un anno e mezzo fa, disse di essere un medico venuto a curare le ferite di una democrazia malata. Da allora ha colto alcuni risultati al di fuori degli Stati Uniti, tenendo insieme una coalizione occidentale che rischiava di andare in frantumi, ridando vigore alla Nato e fiducia alle democrazie europee. Ma non è riuscito a fare altrettanto in patria: l'America è sempre più polarizzata, divisa su quasi tutto.

 

biden trump biden trump

Fa eccezione il sostegno all'Ucraina attaccata dalla Russia: su questo fin qui Biden ha avuto anche l'appoggio della destra in Congresso, come nel recente caso del varo di massicci interventi per Kiev. Ma proprio quel voto e le manovre che si sono svolte dietro le quinte fanno temere che in futuro qualcosa possa cambiare. E che Putin possa essere tentato di prolungare lo sforzo bellico non solo per tentare di conquistare nuovi territori nel sud-est dell'Ucraina, ma anche nella speranza che lo scorrere del tempo gli porti un'America meno determinata a sostenere Zelensky: anche prima delle presidenziali del 2024 e del possibile ritorno di Trump alla Casa Bianca.

donald trump donald trump

 

L'opposizione al pacchetto di aiuti militari e umanitari è stata proclamata ad alta voce dai trumpiani e dagli isolazionisti come Rand Paul. Ma dietro le quinte pressioni su tutti i repubblicani vengono esercitate dal gruppo Koch Industries, grande finanziatore del partito, e anche da think tank conservatori come il Cato Institute e, in parte, la Heritage Foundation.

 

Il piano per l'Ucraina è passato senza grandi problemi perché la vecchia guardia del Grand Old Party ha tenuto duro: il leader dei senatori, Mitch McConnell, ha evitato di suscitare accesi dibattiti, ma è andato a Kiev e ha marcato stretto i suoi parlamentari riuscendo a limitare le defezioni a 11 senatori su 50.

 

rand paul rand paul

Ma non è stato facile e gli oppositori degli aiuti all'Ucraina considerano il voto sul pacchetto da 40 miliardi come la prova generale di un'opposizione più vasta all'allargamento della Nato che si manifesterà al momento del voto per l'adesione di Finlandia e Svezia. Se, com' è probabile, a novembre i repubblicani riprenderanno il controllo di Camera e Senato, la pressione dei trumpiani sugli altri parlamentari repubblicani si farà molto più intensa: Biden rischia di ritrovarsi in difficoltà anche sull'Ucraina.

donald trump donald trump

 

Condividi questo articolo

politica

È STATA LA MANO DI CRISTINA – TERREMOTO IN ARGENTINA: SI È DIMESSO IL MINISTRO DELL'ECONOMIA MARTÍN GUZMÁN, AFFONDATO DAI CONTINUI ATTACCHI DELLA VICEPRESIDENTE, LA PLURIINDAGATA PER CORRUZIONE CRISTINA KIRCHNER, CHE PUNTA A TORNARE AL POTERE – ORA IL PAESE RISCHIA UN DEFAULT PEGGIORE DI QUELLO DEL 2001: IN QUESTI GIORNI L'ORMAI EX MINISTRO GUZMÁN AVEVA UN APPUNTAMENTO PER RINEGOZIARE CON IL FMI UN PRESTITO DA 2 MILIARDI DI DOLLARI – LA TERZA ECONOMIA DELL'AMERICA LATINA HA IL SECONDO TASSO DI INFLAZIONE PIÙ ALTO TRA LE GRANDI ECONOMIE, PARI AL 60%, IN CONTINUA CRESCITA…

TORTURA E MORTE: RIEDUCAZIONE PUTINIANA – LO SCIENZIATO RUSSO DMITRIJ KOLKER, MALATO TERMINALE AL QUARTO STADIO DI CANCRO AL PANCREAS, È MORTO IN UN OSPEDALE CARCERARIO, LONTANO DA FAMILIARI E AMICI –  ERA ACCUSATO DI ESSERE UNA SPIA AL SERVIZIO DELLA CINA – SECONDO IL FIGLIO SI SAREBBE RIFIUTATO DI TESTIMONIARE CONTRO DUE COLLEGHI DELL’UNIVERSITA' E PER QUESTO SAREBBE STATO CONDANNATO – KOLKER NON È IL PRIMO CASO DI SCIENZIATO INCARCERATO DA PUTIN CON FANTOMATICHE ACCUSE DI SPIONAGGIO

“MA CHI VOLETE PRENDERE PER IL CULO?” – L’IRONIA DI LUCA BOTTURA SU PAOLETTA TAVERNA E STEFANO PATUANELLI, CHE SUI SOCIAL PRIMA LANCIANO IL SASSO POI TIRANO INDIETRO LA MANO: “DICONO CHE È UN ERRORE DELLO STAFF. L'ANALISI SORGE SPONTANEA: MA DAVVERO PENSATE CHE SIAMO VENUTI GIÙ DALLA MONTAGNA DEL SAPONE? MA NON VI VERGOGNATE A TRATTARE I VOSTRI ELETTORI E GLI ITALIANI IN GENERE COME UNA MASSA DI DEMENTI CHE SI BEVE LA QUALUNQUE? VI MERITERESTE DI ESSERE GLASSATI COL MIELE IN UN BOSCO MARSICANO AFFOLLATO DI…”