SE C’E’ ZAIA, C’E’ GIOIA! - BERLUSCONI PROVA A PROPORRE LUCA ZAIA COME PRESIDENTE DEL CONSIGLIO PER AVERE UN APPOGGIO ESTERNO AL GOVERNO DA PARTE DEL PD - NELLA TESTA DEL CAV QUESTA IPOTESI ANDREBBE BENE ALLA LEGA CHE, DA PRIMO PARTITO DELLA COALIZIONE, AVREBBE UNO DEI SUOI A PALAZZO CHIGI. MA SALVINI CHE PENSA?

-

Condividi questo articolo


Salvatore Dama per “Libero Quotidiano”

 

ZAIA TRA I MAIALI ZAIA TRA I MAIALI

La trattativa sarà lunga. E non è scontato che dia frutti. Ma Silvio Berlusconi ci vuole provare. Le elezioni del 4 marzo hanno messi i «volenterosi» dei due schieramenti nella posizione peggiore. Il ridimensionamento del Pd, fagocitato al Sud dal Movimento 5 Stelle, è il primo dei problemi. Il secondo è che la destra sovranista ha prevalso numericamente sul centro popolare. E dunque, in ragione del patto tra i leader di Forza Italia, Lega e Fratelli d' Italia, ora è Matteo Salvini che dà le carte per il centrodestra.

 

ZAIA MARONI ZAIA MARONI

Il segretario del Carroccio ha annunciato che incontrerà gli altri partiti. Non per proporre un «inciucio», ma per sottoporre loro il suo programma di governo e chiedere il sostegno in Parlamento o, in subordine, l'astensione. Tra Camera e Senato a Salvini mancano circa 80 voti. Sta messo peggio di lui Luigi Di Maio. Però, malgrado la carenza di numeri, anche il trentunenne di Pomigliano d' Arco vuole avviare un percorso parallelo a quello di Salvini.

Dice: io sono il premier e questo è il mio programma, chi condivide mi segua. Entrambi puntano ai voti del Pd.

 

BERLUSCONI ED IL SUDORE DI SALVINI BERLUSCONI ED IL SUDORE DI SALVINI

Ma Matteo Renzi, segretario dimissionario, ha già detto di non voler sostenere nessuno dei due. I dem rispetteranno il suo volere? Il neo senatore ci spera. L'altra ipotesi in campo è quella di un patto tra «populisti», Cinquestelle più Lega. Il limite di questa soluzione è che nessuno dei due leader cederebbe volentieri il passo all' altro. E un governo con due presidenti del Consiglio non si è mai visto in Italia. Almeno finora.

 

TRE SCENARI

Come uscire da questo imbuto? Andando per tentativi. Con la speranza che possa essere il terzo quello buono. Quel poco che trapela dal Colle lascia intendere che Sergio Mattarella affiderà anzitutto un mandato esplorativo a Di Maio.

 

berlusconi salvini meloni berlusconi salvini meloni

Il leader grillino avrà del tempo a disposizione per cercare una maggioranza in Parlamento. Se dovesse fallire, il secondo giro di consultazioni spetterà a Salvini, in quanto leader della coalizione di centrodestra. Dopo Giggino, anche Matteo dovrà bussare alla porta dei dem.

 

I quali hanno già detto che non intendono collaborare con i populisti. Se fallisce anche il tentativo salviniano, si arriverà verosimilmente a un terzo tempo, fase in cui Berlusconi spera di tornare protagonista. Il suo «piano B» è un governo di minoranza guidato da Luca Zaia con l' astensione del Pd. Nella testa del Cav questa ipotesi andrebbe bene alla Lega che, da primo partito della coalizione, avrebbe uno dei suoi a Palazzo Chigi. E non sarebbe indigesta per i dem, specie se il Colle dovesse esercitare una moral suasion su di loro.

 

BERLUSCONI SALVINI BERLUSCONI SALVINI

FORZISTI INDECISI

Un primo snodo per capire la fattibilità del «piano B» sarà l' elezione dei presidenti di Camera e Senato. Un accordo tra centrodestra e Pd, che affidi agli uni Palazzo Madama e agli altri Montecitorio, è già in stato avanzato di trattativa. Sempre che Salvini non faccia saltare l' abboccamento promettendo lo scranno della Boldrini a un pentastellato.

Già, perché i punti deboli di questa operazione sono il rapporto tra Salvini e Berlusconi e la lealtà di Forza Italia verso il capo.

 

giovanni toti giovanni toti

La domanda è: dopo la sconfitta di domenica gli azzurri saranno ancora tutti fedeli al Cavaliere o inizieranno a cedere alle lusinghe del nuovo leader della coalizione? Ieri Salvini era a pranzo a Portofino con Giovanni Toti, il governatore della Liguria è uno degli azzurri più vicini al capo del Carroccio. E dopo il 4 marzo non sono pochi i forzisti che credono sia arrivato il momento di rilanciare il tema della leadership anche in Fi. Ma Silvio non molla. A partire da oggi, essendo trascorsi tre anni dall' estinzione della pena, potrà chiedere la riabilitazione. Un passo per tornare protagonista in vista delle Europee 2019.

 

Condividi questo articolo

politica

RENZI E ASSOCIATI - NEL 2016 MATTEUCCIO VOLEVA COPIARE LA STRATEGIA SOCIAL DEL MOVIMENTO CINQUE STELLE PER VINCERE IL REFERENDUM COSTITUZIONALE! PECCATO CHE IL PIANO DEI SUOI CONSULENTI FOSSE, DICIAMO COSÌ, UN PO’ SUPERFICIALE: NON INCLUDEVA INSTAGRAM E LA FERRAGNI, MA PIETRO TARICONE (MORTO NEL 2010) - LA “TASK FORCE” AVEVA SCHEDATO I PROFILI DEGLI INFLUENCER CHE POTESSERO ESSERE UTILI ALLA CAUSA: IN QUOTA BONONE C'ERANO DILETTA LEOTTA, GIULIA E LELLIS E MIRIAM LEONE. TUTTI SOGGETTI ESTRANEI AL MONDO DELLA COMUNICAZIONE,  TRANNE UNO MARCO TRAVAGLIO (INCREDIBILE, MA VERO!)

DRAGHI SI È ROTTO IL CAZZO! - IL CDM CONVOCATO A SORPRESA DA “MARIOPIO” E DURATO APPENA 10 MINUTI: IL TEMPO CHE SERVIVA AL PREMIER PER RIMETTERE IN RIGA I PARTITI DELLA MAGGIORANZA - C’È LA GUERRA IN UCRAINA, L’INFLAZIONE CHE GALOPPA, IL GAS CHE MANCA, E QUESTI SI METTONO A FARE LE FISIME METTENDO A RISCHIO I 200 MILIARDI DELL’EUROPA? ORA BASTA! AL CENTRO DELLA RIUNIONE C’ERA SOPRATTUTTO LA RIFORMA DELLA CONCORRENZA, E LO SBLOCCO DELLE CONCESSIONI AI BALNEARI. IL “GRANDE GESUITA” STA VALUTANDO L’OPPORTUNITÀ DI BLINDARE CON LA FIDUCIA IL PROVVEDIMENTO, CHE COMUNQUE VA CHIUSO ENTRO MAGGIO. ALTRIMENTI, ARRIVEDERCI E GRAZIE…

BOOM! DRAGHI CONVOCA A SORPRESA UN CONSIGLIO DEI MINISTRI CON ALL’ORDINE DEL GIORNO “COMUNICAZIONI DEL PRESIDENTE”. TRADOTTO: UN AVVERTIMENTO DI “MARIOPIO” AI PARTITI, CHE UN GIORNO SÌ E L’ALTRO PURE STREPITANO, SI AGITANO, MINACCIANO DI FAR CADERE IL GOVERNO - IL PREMIER SI È ROTTO LE PALLE: I 200 MILIARDI DEL PNRR SONO A RISCHIO E LUI RISCHIA DI PERDERCI LA FACCIA - L’EX PRESIDENTE DELLA BCE FARÀ UN ULTIMATUM ALLE FORZE DI MAGGIORANZA, DEL TIPO: COSÌ NON SI VA AVANTI. SE NON VI FA COME DICO IO, ME NE TORNO AI GIARDINETTI DI CITTÀ DELLA PIEVE. SARÀ L’ULTIMO AVVERTIMENTO?